To visit our sister company Cepher Academy, please click here.

×

Italian Blog

Blog: Italian Blog

< Ritornare Alla

I Pilastri Della Terra

Autore: Pietro Nencioni / 10.25.2021

 

Cos'è un pilastro?

Su Answers.com, [https://www.answers.com/Q/What_are_the_three_pillars_of_judaism] viene posta la domanda e viene fornita la risposta. Prendere in considerazione:

"Un pilastro è un cilindro di pietra che sostiene una porzione di un edificio. Un esempio può essere visto nel Campidoglio degli Stati Uniti. In un senso più ampio, il termine pilastro viene usato per descrivere qualsiasi cosa fornisca un importante supporto strutturale. Quindi la parte di un microscopio che tiene rigidamente le lenti è chiamata pilastro anche se non è in pietra e non supporta nessuna parte di un edificio. Il termine è anche usato metaforicamente per descrivere fondamenta o elementi di base di una religione o di una filosofia, come, ad esempio, nei "Cinque pilastri dell'Islam".

Quali sono i 5 pilastri del giudaismo?

Secondo il Mishna (Avos ch.1), ci sono 3 cose su cui si basa il mondo: 1) Torah, 2) il servizio di HaShem (G-d) e 3) atti di gentilezza. Da non confondere con i "Cinque pilastri dell'Islam". Si prega di consultare il link correlato per una spiegazione più dettagliata.

[Https://www.answers.com/Q/What_are_the_three_pillars_of_judaism]

Questi non sono gli unici pilastri identificati nella Scrittura. Prendere in considerazione:

I tredici pilastri del giudaismo di Rambam

Il più vicino che qualcuno sia mai venuto a creare é una lista ampiamente accettata di credenze ebraiche di tredici pilastri di fede di Rambam. Questi principi, che Rambam pensava fossero i requisiti minimi del credo ebraico, sono:

    1  D-o esiste

    2  D-o è uno e unico

    3  D-o è incorporeo

    4  D-o è eterno

    5   La preghiera deve essere diretta a D-o solo e a nessun altro

    6  Le parole dei profeti sono vere

    7  Le profezie di Mosè sono vere, e Mosè era il più grande dei profeti

    8  La Torah scritta (i primi 5 libri della Bibbia) e la Torah orale (insegnamenti ora contenuti nel Talmud e altri scritti) furono dati a Mosè

    9  Non ci sarà altra Torah

    10 D-o conosce i pensieri e le azioni degli uomini

    11 D-o premierà il bene e punirà i malvagi

    12 Il Messia verrà

    13 I morti risorgeranno

Tuttavia, considera i quattro pilastri del giudaismo del secondo tempio

  1. 1.Monoteismo esclusivo

      1  D-o è uno [Devariym 6: 4; Mattithyahu 12: 29-30; Melekiym Ri'shon 8:60)

      2  D-o è santo e trascendente (Devariym 4:39; Yesha`yahu 40-55)

      3  D-o ha creato il mondo (Yesha`yahu 40:12, 28; Yirmeyahu 27: 5; The. 95: 3-5;                             136:4-9)

      4  D-o controlla la storia (The. 136: 10-22; Daniy'el 2: 20-21)

  1. Elezione

  2.     D-o ha scelto Avram e i patriarchi (Yovheliym 2: 21-24; Bere'shiyth 12,15,17,22)

  3. 3.Torah

        1 D-oè un buon dono

        2 Il possesso privilegiato di Yashar'el (The. 19: 7-14)

        3  La storia nazionale e di fondazione di Yashar'el

        4 Le vere parole di G-d (Baruch Ri'shon 3: 36-4: 4)

 4    Tempio

      1  è lo spazio sacro di D-o

      2 Il punto focale della vita ebraica

      3 Il luogo in cui la gloria di G-d è stata rivelata (Divrei Hayamiym Ri'shon 7: 1-16;                        Sirach 36: 18-19; 4 Ezra 10: 21-22)

I quattro Pilastri della Terra

Shemu'el Ri'shon (1 Samuele) 2: 8
Solleva il povero dalla polvere, solleva il mendicante dal letamaio, per metterli tra i principi e far loro ereditare il trono salvezza della gloria: poiché le colonne della terra sono di Yahuah, e lui ha posto il mondo su di loro.

Iyov (Giobbe) 9: 4-6

È saggio nel cuore e potente nelle forze: chi si è indurito contro di lui e ha prosperato? 5 Che rimuove le montagne, e loro non lo sanno: che le stravolge nella sua ira. 6 Che scuote la terra dal suo luogo e le sue colonne tremano.

Quindi, poniamo la domanda: quali sono questi pilastri?

  1. Shanah (Anno)
  2. Mo'ediym (stagioni)
  3. Chodesh (cicli mensili)
  4. Yomiym (giorni)

Yesha`yahu (Isaia) 40:22
È lui che siede (yashab - stabilisce) sul cerchio (chug - circuito) della terra, e gli abitanti di essa sono come cavallette; che stende il cielo come una tenda (doq - polvere sbriciolata), e li espande come una tenda (ohel - tabernacolo) per dimorarvi:

La parola interpretata come cerchio è la parola chug (חוּג) (Strong's 2329), che viene interpretata come un cerchio, un circuito o una bussola.

Ora, diamo un'occhiata alla parola "tenda". In Ivriyt (in ebraico), la parola in questo passaggio è doq (דֹּק) (Strong's H1852), che è tipicamente tradotta in inglese come qualcosa di fatiscente, cioè fine (come un panno sottile). In ultima istanza, è anche interpretato come una tenda. Tuttavia, se osserviamo la radice per doq, troviamo la parola daqaq (דָּקַק) (Strong's H1854. (Dâqaq). Vediamo che la parola doq in prima istanza significa qualcosa che si sgretola, e vediamo ora che la sua radice daqaq significa sbriciolarsi, fare polvere, trasformare in polvere.

Quindi, a questo punto, questo passaggio potrebbe facilmente leggere come segue:

Yesha`yahu (Isaia) 40:22
È lui che siede sull'orbita della terra, e gli abitanti di essa sono come locuste; che stende il cielo come una polvere sgretolata, e le espande come una tenda in cui dimorare:

Infine, rivediamo l'ultima parola per tenda. Nell'ebraico , la parola è ohel (אֹהֶל) (Strong's H168) che è generalmente interpretata come una tenda, ma significa anche una copertura, una dimora, una casa o persino un tabernacolo. Usiamo tabernacolo invece di tenda in questo caso:

Yesha`yahu (Isaia) 40: 22
È lui che stabilisce il circuito della terra, e stabilisce i suoi abitanti come locuste; che stende i cieli come una polvere sbriciolata, e li espande come un tabernacolo nel quale dimorare:

Pilastro numero uno: ANNI. (Shanayim) - stabilito dall'orbita della terra. L'anno è raggiunto con l'arrivo della terra nel suo punto di partenza lungo il suo circuito. Questo momento è chiamato Capodanno (Rosh Ha'Shanah) ed è stato celebrato da ogni cultura sulla terra dall'inizio della storia registrata (anche se la data di tale completamento varia da cultura a cultura).

Bere'shiyth (Genesi) 1: 14
Elohiym disse: "Ci siano luci nella distesa dei cieli per dividere il giorno dalla notte; e siano per i segni e per le feste nominate, per i giorni e gli anni:

Questo solleva la domanda, non è vero? Cos'è un anno? Risposta: è il ciclo annuale rinnovato dell'orbita della terra. In un modello geocentrico (supponendo un pianeta e un sole separato), il sole orbita intorno alla terra ogni giorno. Pertanto, un ciclo annuale appare irrilevante, a meno che non si stiano in qualche modo segnando le anomalie riscontrate nei percorsi del sole. E per quale scopo esisterebbero tali anomalie?

Pilastro numero due: STAGIONI. (Mo'ediym) - stabilito dall'inclinazione della terra.

Shemoth (Esodo) 13: 5-10
E lo sarà quando Yahuah ti porterà nella terra dei Kena`aniym, dei Chittiym e degli Emoriym, e Chivviym, e gli Yevuciym, che ha giurato ai tuoi padri di darti, una terra dove scorre il latte e il miele, che tu osserverai את, questo servizio in questo mese. 6 Sette giorni mangerai matstsah, e il settimo giorno sarà una festa a Yahuah. 7 Matstsah sarà mangiato את per sette giorni; e non ci saranno chamets da vedersi con te, e non ci sarà lievito con te trovato in tutti i tuoi confini. 8 E mostrerai a tuo figlio in quel giorno, dicendo: Questo è fatto a causa di ciò che il Yahuah mi ha fatto quando sono uscito da Mitsrayim. 9 E sarà per te un segno sulla tua mano, e per un memoriale tra i tuoi occhi, che la Torah di Yahuah possa essere nella tua bocca: poiché con una mano forte Yahuah ti ha portato fuori da Mitsrayim. 10 Dovrai quindi custodire את questa ordinanza nel tempo stabilito di anno in anno.

Non solo troviamo che appaiono anni che sono irrilevanti per un sole che orbita attorno alla terra, ma anche che le stagioni (mo'ediym) compaiono, e sono calcolate e chiama i tempi stabiliti nella Scrittura.

Qoheleth (Ecclesiaste) 3: 1-2
A tutto vi è una stagione e un tempo per ogni scopo sotto i cieli: 2 Un tempo per nascere e un tempo per morire; un tempo per piantare e un tempo per strappare ciò che è piantato;

Anche le stagioni non compaiono in un programma di sole in orbita attorno alla terra, a meno che un tale programma soffra di anomalie e dissonanze che non hanno né rima né ragione. Perché le giornate si allungano e le notti si accorciano nei paesi del nord (di nuovo, il nord è un termine che non può esistere se non su una terra sferica) e le giornate si accorciano e le notti si allungano nei paesi del sud?

Facile risposta quando riconosciamo l'inclinazione della terra, il polo nord che si protende verso il sole in estate e si allontana dal sole in inverno. Le stagioni sono state calcolate regolarmente dopo la costruzione delle piramidi (e forse prima) poiché sono rientrate nel centro e rivolte esattamente verso nord (di nuovo, un concetto che esiste solo su una terra sferica) che produce ombre equidistanti durante l'equinozio primaverile e autunnale, che di nuovo esistono solo se ci sono stagioni, che non hanno alcun impulso logico in un modello geocentrico.

Pilastro numero tre: MESI. (Chodesh) - stabilito dal ciclo rinnovato della luna in orbita intorno alla terra.

I cicli della luna chiamati Chodesh in Ivriyt (ebraico) (ciclo di rinnovamento - la luna è chiamata yire'ach) evidenzia anche una terra sferica, un orbita attorno alla terra e un modello eliocentrico che mostra l'ombra della terra sulla luna per tutto il suo ciclo di orbita semi-regolare. È il ciclo normale che si verifica ogni 28-30 giorni che ci dà mesi (moon'ths). Perché un tale ciclo esisterebbe in un modello che ha il sole in orbita intorno alla terra? Sarebbe irrilevante. giorno per giorno; notte per notte. Mesi e anni sarebbero il fattore di nulla.

Pilastro Numero quattro: GIORNI. (Yomiym) - stabilito dalla rotazione giornaliera della terra.

Bere’shiyth 1:14 afferma che le stelle, il sole e la luna ci vengono date anche per giorni (yomiym). Vediamo che in Bere'shiyth 1: 5 la sera e il mattino erano il primo giorno. Questo calcolo viene effettuato in base all'impostazione del sole. Semplicemente: il sole tramonta, il giorno è finito. Ma poiché è un ciclo di rinnovamento, anche il giorno inizia quando finisce il giorno. Questo è meglio compreso quando si guarda a un cerchio (in due dimensioni) o una sfera (in tre dimensioni). In un cerchio, il punto di partenza è anche il punto finale.

Alcuni potrebbero dire che il giorno dovrebbe iniziare con l'alba, nel qual caso la giornata si concluderà anche all'alba. Eppure la Scrittura ci dà la sera prima. Da nessuna parte nella Scrittura puoi scoprire che il giorno dovrebbe iniziare nel bel mezzo della notte.

I Quattro Pilastri della Terra sono i principi sui quali noi locuste confidiamo per vivere su questa terra. Quanti possono dire di vivere senza rispetto per anni, stagioni, mesi e giorni? Tuttavia, questi principi sono esposti molto presto nella Scrittura - nel primo capitolo di Bere'shiyth (L’Inizio).

Bere'shiyth (Genesi) 31: 44-48
Ora dunque vieni, tagliamo un'alleanza, io e te; e sia per testimone tra me e te. 45 E Ya`qov prese una pietra e la preparò per un pilastro. 46 E Ya'aqov disse ai suoi fratelli: Raduna pietre; e presero delle pietre e ne fecero un mucchio; e mangiarono là sul mucchio. 47 E Lavan lo chiamò Yegar Sahadutha: ma Ya`aqov lo chiamò Gal`ed. 48 E Lavan disse: Questo mucchio è testimone fra me e te oggi. Perciò si chiamava Gal`ed, forse i quattro pilastri sono quattro testimoni tra me e te oggi.

Suscríbete

RSS Suscríbete

Indirizzo E-mail

  • I am the א (Aleph) and the ת (Tav), the beginning and the ending, says Yahuah Elohiym, which is, and which was, and which is to come, Yahuah Tseva’oth.
    CHIZAYON (Revelation) 1:8
    Read More
  • For they shall behold the world which is now invisible to them and they shall behold the time which is now hidden from them: And time shall no longer age them.  
    BARUK SHENIY (2 Baruk) 51: 8-9
    Read More
  • Be ready to the reward of the Kingdom, for the everlasting light shall shine upon you forevermore.
    EZRA REVIY`IY (4 Ezra / 2 Esdras) 2:35
    Read More
  • Behold, I set before you this day a blessing and a curse; את eth-A blessing, if ye obey the command­ments of Yahuah Elohaykem, which I command you this day: And a curse, if ye will not obey the commandments of Yahuah Elohaykem, but turn aside out of the way which I command you this day, to go after other elohiym, which ye have not known. 
    DEVARIYM (Deuteronomy) 11:26-28
    Read More
  • For in six days Yahuah made את eth-the heavens and את eth-the earth, את eth-the sea, and את eth-all that in them is, and rested the seventh day: wherefore Yahuah blessed את eth-the day of Shabbath, and hallowed it.
    SHEMOTH (Exodus) 20:11
    Read More
  • In the beginning Elohiym created את eth the heavens and את eth the earth.
    BERE’SHIYTH (Genesis) 1:1
    Read More
  • How are you fallen from heaven, O Heylel, son of the howling morning! how are you cut down to the ground, which did weaken the nations!
    YESHA`YAHU (Isaiah) 14:12
    Read More
  • Behold, the days come, says Yahuah, that I will cut a Renewed Covenant with the את eth-house of Yashar'el, and with the את eth-house of Yahudah. 
    YIRMEYAHU (Jeremiah) 31:31
    Read More
  • In the beginning was the Word, and the Word was with את eth Elohiym, and Elohiym was the Word.
    BESORAH YOCHANON (Gospel of John) 1:1
    Read More
  • For Yah so loved את eth-the world, that he gave את eth-his את eth-yachiyd, that whosoever believes in him should not perish, but have everlasting life.
    BESORAH YOCHANON (Gospel of John) 3:16
    Read More
  • He that has my commandments, and guards them, he it is that loves me: and he that loves me shall be loved of my Father, and I will love him, and will manifest myself to him. 
    BESORAH YOCHANON (Gospel of John) 14:21
    Read More
  • These are the feasts of Yahuah, even holy assemblies, which ye shall proclaim in their appointed times.
    VAYIQRA (Leviticus) 23:4
    Read More
  • And she shall bring forth a son, and you shall call his name Yahusha: for he shall save his people from their sins.
    BESORAH MATTITHYAHU (Gospel of Matthew) 1:21
    Read More
  • Give us this day our daily את eth-bread. And forgive us our transgressions, as we forgive those who trans­gress against us. 
    BESORAH MATTITHYAHU (Gospel of Matthew) 6:11-12
    Read More
  • Yahuah bless you, and guard you: Yahuah make his face shine upon you, and be gracious unto you: Yahuah lift up his countenance upon you, and give you peace. 
    BEMIDBAR (Numbers) 6:24-26
    Read More
  • That at the name of Yahusha every knee should bow, of things in heaven, and things in earth, and things under the earth; And that every tongue should confess that Yahuah is Yahusha Ha'Mashiach, to the glory of Yah the Father.
    PHILIPPIYM (Philippians) 2:10-11
    Read More
  • YAHUAH is my Shep­herd; I shall not want. He makes me to lie down in green pastures: he leads me beside the still waters. 
    TEHILLIYM (Psalm) 23:1-2
    Read More
  • He that dwells in the secret place of El Elyon shall abide under the shadow of El Shaddai. I will say of Yahuah, He is my refuge and my fortress: my Elohiym; in him will I trust. 
    TEHILLIYM (Psalm) 91:1-2
    Read More
  • Here is wisdom. Let him that has understanding calculate the number of the beast: for it is the number of a man; and his number is χξς .
    CHIZAYON (Revelation) 13:18
    Read More
  • For I am persuaded, that neither death, nor life, nor angels, nor principalities, nor powers, nor things present, nor things to come, Nor height, nor depth, nor any other creature, shall be able to separate us from the love of Yah, which is in Yahusha Ha'Mashiach our Adonai.
    ROMAIYM (Romans) 8:38-39
    Read More
  • Though I speak with the tongues of men and of angels, and have not love, I am become as sounding brass, or a tinkling cymbal.
     QORINTIYM RI’SHON (I Corinthians) 13:13
    Read More
  • Make the attempt, then, O tyrant; and if you put us to death for our faith, think not that you harm us by torturing us. For we through this ill treatment and endurance shall bear off the rewards of virtue. But you, for the wicked and despotic slaughter of us, shall, from the divine vengeance, endure eternal torture by fire.
    MAKKABIYM REVIY`IY (4 Maccabees) 9:7-9
    Read More
  • And at that time shall Miyka’el stand up, the great prince which stands for the children of your people: and there shall be a time of trouble, such as never was since there was a nation even to that same time: and at that time your people shall be delivered, everyone that shall be found written in the cepher.
    DANIY'EL (Daniel) 9-12
    Read More
  • A great destruction therefore shall come upon all the earth; a deluge, a great destruction, shall take place in one year. This child which is born to your son shall survive on the earth, and his three sons shall be saved with him. When all mankind who are on the earth shall die, he shall be safe.
    CHANOK (Enoch) 105: 14-15
    Read More
  • And it shall come to pass afterward, that I will pour out את eth-my Ruach upon all flesh; and your sons and your daughters shall prophesy, your old men shall dream dreams, your young men shall see visions.
    YO’EL (Joel) 2:28
    Read More