×

Italian Blog

Blog: Italian Blog

< Ritornare Alla

Salmo 81: 3 e la luna coperta (o nuova)

Autore: Pietro Nencioni / 1.17.2021

 

La questione del calendario biblico non è facilmente risolvibile, in particolare la domanda su come viene determinato il primo giorno del mese e come viene determinato il primo mese dell'anno.

Iniziamo con Bere’shiyth (Genesi) 1: 14-16 
E Elohiym disse: Ci siano luci nel firmamento del cielo per dividere il giorno dalla notte; e siano per i segni אות (oth) e per le stagioni (moediym), e per i giorni (yomiym) e per gli anni (shanahiym):

VAY AMER ELOHIYM HAYAH MEHORAH RAQIYA SHAMAHIYM BADAL BEYN HA'YOME VAYBEYN HALEYALAH VAYHAYAH LOTH VAYMOEDIYM VAYYOMIYM VAYSHANAHIYM.

15 E siano come luci nel firmamento del cielo per illuminare la terra: e così fu. 16 E Dio fece due grandi luminari; la luce maggiore per governare il giorno e la luce minore per governare la notte: fece anche le stelle.

È ragionevole concludere, quindi, che il moediym - le feste discusse in Viyaqra (Levitico) 23 - devono essere determinate dalle luci nel firmamento che dividono il giorno dalla notte, la luce maggiore (il sole) per il giorno, e la luce minore (la luna) per la notte. Le stelle possono anche essere usate per i segni e per determinare le feste.

Notiamo ciò che non è descritto qui: non c'è discussione sull'orzo, nessuna discussione sugli avvistamenti, solo una semplice affermazione che il sole, la luna e le stelle dovrebbero essere usati come segni per le feste, per i giorni e per gli anni.

Vediamo se riusciamo a trovare il primo mese.

Shemoth (Esodo) 12: 1-2
E Yahuah parlò a Moshe e Aharon nel paese di Mitsrayim, dicendo: 2 Questo mese (
chodesh) sarà per voi l'inizio (roshe) dei mesi: sarà il primo (ri'shon) mese (chodesh) dell'anno ( shanah) per te.

Mosheh poi prosegue descrivendo la festa di Pasqua, che inizia il 14 ° giorno del mese, e Matstsah, che inizia il 15 ° giorno del mese. Ci si chiede se il sole e la luna possano essere stati usati per determinare questi moediym.

Vayiqra (Levitico) 23: 4
Queste sono le feste (moedi) di Yahuah, anche le convocazioni sante (qodesh) (miqra), che proclamerete nelle loro stagioni (eth moediym). Nel quattordicesimo giorno del primo (ri'shon) mese (chodesh) è anche la pecach di Yahuah.

Come puoi vedere, la stessa parola - moediym - si trova sia in Bere’shiyth 1:14 che in Vayiqra 23:4, e si proclama che Pecach (Pasqua ebraica) si verifichi nel primo mese.

Ora, considera di nuovo un passaggio in Shemoth 13:1-6

E Yahuah parlò a Mosheh, dicendo: 2 Consacrami tutti i primogeniti, qualunque cosa apra il grembo tra i figli di Yisrael, sia dell'uomo che della bestia: è mia. 3 E Mosheh disse al popolo: Ricordate questo giorno, in cui siete usciti da Mitsrayim, dalla casa di schiavitù; poiché con la forza della mano Yahuah ti ha fatto uscire da questo luogo: non si mangerà chametz. 4 Questo giorno siete usciti nel mese Aviyv.

5 E avverrà quando Yahuah ti porterà nella terra dei Kena`aniym, dei Chittiym, degli Emoriym, dei Chivviym e degli Yevuciym, che ha giurato ai tuoi padri di darti, una terra dove scorre il latte e miele, che tu mantenga questo servizio in questo mese. 6 Per sette giorni mangerete matstsah, e il settimo giorno sarà una festa (chag) per Yahuah.

Ora, ci sono alcuni commentatori che usano questo passaggio per dire che il mezzo con cui il mese è determinato, è trovare l'orzo in aviv (cioè quando è presente la giovane spiga del grano), tuttavia Bere'shiyth ci dice che  i giorni e gli anni sono determinati dai segni del sole, della luna e delle stelle.

Nota, che il settimo giorno di questa festa è chiamato chag, non il primo, mettendo il chag il 21 ° giorno del mese, non il 15 °. Nota, inoltre, che non ci sono istruzioni per andare a determinare se l'orzo (o altro grano) sta mostrando la giovane spiga del grano. Il levita non è mai stato istruito in tutte le Scritture ad andare a cercare l'orzo per essere in aviv (vedere Shemoth 9:31; 13: 4; 23:15; 34:18; Vayiqra 2:14; Devariym 16:1). Invece, la chiamata ad andare a vedere che l'orzo è in aviv per prendere una decisione sul primo mese è extra-scritturale e si aggiunge alla Torah. In base a questa dottrina, non abbiamo mezzi per determinare il primo mese fino a quando un rabbino proclama che l'orzo è in aviv. Viene fatta un'affermazione simile su quando possiamo dichiarare il Messia.

Tehilliym (Salmo) 104: 19
Ha stabilito la luna per le stagioni (moediym): il sole sa che sta tramontando.

È d'obbligo una rapida rassegna dei tempi delle feste:

Pecach o Pasqua, il primo di questi moediym (appuntamenti) obbligatori, inizia il 14 ° giorno del mese. Questa sera sarebbe stata chiamata Erev Pecach, o la sera della Pasqua. Il giorno seguente durante la Pasqua Ebraica, l'agnello senza difetto sarebbe stato macellato in preparazione per la solenne festa chiamata atsarah עֲצָרָה o chag חָג che inizia la festa di Matstsah il 15 ° giorno del mese.

Matstsah continua per sette giorni e durante il corso di questo chag c'è necessariamente un Shabbath regolare. Il giorno dopo il Shabbath durante il Matstsah c'è un'assemblea designata chiamata Delle Primizie o Bikoor, che celebra la raccolta dell'orzo e la fine della stagione del consumo di cibo immagazzinato.

Sette settimane dopo la festa di Bikoor (Primizie), o 50 giorni dopo il Shabbath all'interno della Festa di Matza, arriviamo al centro delle feste chiamate Shevua o Shavu'oth (al plurale). Potresti riconoscerla come Pentecoste.

Ma'asiym (Atti) 2: 1-4
E quando il giorno di Shavu'oth fu pienamente giunto, erano tutti insieme nello stesso luogo. 2 E all'improvviso si udì un suono dal cielo come di un vento impetuoso che soffia, e riempì tutta la casa dove erano seduti. 3 E apparvero loro lingue simili a fuoco, e si posò su ciascuna di essi. 4 Ed erano tutti pieni del Ruach Ha'Qodesh, e cominciarono a parlare in altre lingue, come il Ruach dava loro di esprimersi.

Da Shevua, procediamo al settimo mese, il primo giorno del mese, che è Yom (il giorno) Teru`ah (dello squillo dello Shofar). Questo è il giorno celebrato come Rosh Ha'Shanah all'interno del Giudaismo. Il suono dello shofar in un modo particolare (uno squillo di nove brevi note chiamate teruah) è un avvertimento a tutta la casa di Yisra'el che ci sono 10 giorni per preparare il cuore al pentimento davanti a Yahuah. Ancora una volta, come la luna denota questo giorno?

Dieci giorni dopo, il decimo giorno del settimo mese, viene onorato lo Yom (il giorno) Kippur (dell'Espiazione). La descrizione di questo giorno stabilito afferma che nella tradizione Ebraica, il giorno inizia al tramonto e continua fino al tramonto successivo. Il versetto sotto inizia con "il decimo giorno di questo settimo mese", ma termina con il comando che "nel nono giorno del mese alla sera (sera - cioè tramonto), da sera a sera". Con questo passaggio puoi facilmente vedere che un giorno va dal tramonto al tramonto, anche se inizia il "nono" ed è contato come il "decimo".

Vayiqra (Levitico) 23: 27-32
Anche il decimo giorno di questo settimo mese è lo Yom Kippur: sarà per voi una santa assemblea; e affliggerete le vostre anime, e offrirete un'offerta fatta mediante il fuoco a Yahuah. 28 E non farete alcun lavoro in quello stesso giorno: poiché è Yom Kippur, per fare un'espiazione per voi davanti a Yahuah vostro Elohiym. 29 Poiché qualsiasi anima che non sarà afflitta in quello stesso giorno, sarà stroncata di mezzo al suo popolo. 30 E qualunque anima sia che compia un'opera in quello stesso giorno, la stessa anima la distruggerò di mezzo al suo popolo. 31 Non farete alcun lavoro: sarà uno statuto per sempre di generazione in generazione in tutte le vostre dimore. 32 Sarà per voi un Shabbath di riposo e voi affliggerete le vostre anime: il nono giorno del mese, la sera, dalla sera alla sera, celebrerete il vostro Shabbath.

Infine, arriviamo a Cukkah, o Cukkoth (al plurale). Questa solenne festa inizia il quindicesimo giorno del settimo mese e continua per sette giorni, fino al 21. Tuttavia, fa parte della pratica celebrare l'ottavo giorno (il 22 del mese) il completamento della lettura della Torah (simcha torah). Ecco il comando:

Vayiqra (Levitico) 23: 34-42
Parla ai figli di Yisra'el, dicendo: Il quindicesimo giorno di questo settimo mese sarà la festa di Cukkoth per sette giorni a Yahuah. 35 Il primo giorno ci sarà una santa assemblea: non vi farete opera servile. 36 Per sette giorni offrirete un'offerta fatta mediante il fuoco a Yahuah: l'ottavo giorno sarà per voi una santa assemblea; e offrirete un'offerta fatta mediante il fuoco a Yahuah: è un'assemblea solenne; e non vi farete alcuna opera servile. 37 Queste sono le feste di Yahuah, che proclamerete come assemblee sante, per offrire un'offerta fatta mediante il fuoco a Yahuah, un olocausto e un'offerta di carne, un sacrificio e libazioni, tutto nel suo giorno: 38 oltre ai Shabbaths di Yahuah, oltre ai tuoi doni, oltre a tutti i tuoi voti e oltre a tutte le tue offerte volontarie, che date a Yahuah. 39 Anche il quindicesimo giorno del settimo mese, quando avrete raccolto il frutto del paese, celebrerete una festa a Yahuah sette giorni: il primo giorno sarà un Shabbath e l'ottavo giorno sarà un Shabbath. 40 E il primo giorno vi porterete i rami degli alberi belli, i rami delle palme, i rami degli alberi folti e i salici del ruscello; e ti rallegrerai davanti a Yahuah tuo Elohiym per sette giorni. 41 E lo celebrerete come festa per Yahuah sette giorni all'anno. Sarà uno statuto per sempre nelle vostre generazioni: lo celebrerete nel settimo mese. 42 Abiterete in cukkah sette giorni; tutti quelli che sono nati in Yashar'el dimoreranno nei cukkah:

le moediym (le feste), la Pasqua Ebraica, Matstsah, Yom Teru`ah, Yom Kippur e Cukkoth hanno date fisse. Ai fini della nostra discussione, Matstsah, Yom Teru`ah e Cukkoth sono i tre contrassegnati chiaramente dalla luna, perché Matstsah e Cukkoth sono il 15 ° giorno del mese e Yom Teruah è il primo giorno del mese. Poiché Yom Teru`ah è l'unico giorno di festa che appare il primo giorno del mese, se è possibile trovare come determinare Yom Teru`ah, è anche possibile determinare il primo giorno di ogni altro mese.

Inserisci Salmo 81:3, l'unico verso che ha una qualche capacità di rispondere a questo problema. Ecco il Salmo in ebraico traslitterato:

Taqa bchodesh shofar bkasah lyom chag.

Diamo un'occhiata di nuovo a quello: Taqa (suona) bchodesh (nel mese) shofar (lo shofar) bkasah (nella copertura) l'yom (il nostro giorno) chag (festa solenne). Chodesh tuttavia può significare anche la luna nuova, perché è allora che inizia il mese (chodesh). Vale a dire che non inizia con la luna piena o con la luna calante, ma con la luna nuova. Come calcoli la luna nuova?

C'è un insegnamento che discute la famosa frase "Ma di quel giorno e di quell'ora nessuno la conosce, no, nemmeno gli angeli del cielo, ma solo il Padre mio", dichiarandolo come una licenza per predire il giorno e l'ora, dato che la frase si riferisce a Yom Teru`ah e alla scoperta del primo giorno del mese, poiché nessun uomo conosce il giorno o l'ora in cui la luna sarebbe stata avvistata.

Per prima cosa, dobbiamo rivedere il versetto in questione.

Mattithyahu (Matteo) 24: 35-36

Il cielo e la terra passeranno, ma le mie parole non passeranno. 36 Ma di quel giorno e di quell'ora nessun uomo la conosce, no, nemmeno gli angeli del cielo, ma solo il Padre mio.

Poniamoci quindi la domanda: che giorno è che nessun uomo conosce, ma solo il Padre? È il giorno di Yahuah, discusso in Yo'el (Joel) 2? No non lo è. È il giorno in cui il cielo e la terra passano. Confronta con Chizayon (Apocalisse) 20, dove è chiaro che passano mille anni dopo il secondo avvento di Ha'Mashiach.

Le Scritture sono piene di riferimenti riguardanti la venuta del Figlio dell'uomo, tuttavia, e Yo'el 2 punta anche a Yom Teru`ah:

1 Suonate lo shofar in Tsiyon, e suonate un allarme sul mio monte santo: tremino tutti gli abitanti del paese: poiché viene il giorno di Yahuah, poiché è vicino; 2 Un giorno di tenebre e di caligine, un giorno di nuvole e di fitte tenebre, come il mattino si diffonde sui monti: un grande e forte popolo ; non c'è mai stato un simile, né lo sarà più dopo, anche negli anni di molte generazioni.

Il suono dello shofar, paragonato al suono della tromba d'argento, è un suono di avvertimento e allarme, non il segnale di un'alta festa. Lo squillo stesso è chiamato teruah, e il primo giorno del settimo mese è noto come Yom Teruah - il giorno dello squillo di avvertimento dello shofar.

Considera le parole di Sha'ul (Paolo) date ai Tessalonicesi e ai Corinzi:

Tasloniqiym Ri'shon 4: 16-17
Poiché Yah stesso scenderà dal cielo con un grido, con la voce dell'arcangelo e con lo shofar di Elohiym: e i morti in Mashiach risorgeranno per primi: 17 Allora noi che siamo vivi e che saremo rimasti saremo rapiti insieme a loro tra le nuvole, per incontrare Yah nell'aria: e così saremo sempre con Yahuah.

Qorintiym Ri'shon 15: 52
In un attimo, in un batter d'occhio, all'ultimo shofar: poiché lo shofar suonerà, i morti risorgeranno incorruttibili e noi saremo trasformati.

La pratica della festa di Yom Teru`ah include il soffio di cento colpi di shofar, il 100 ° è l'ultimo shofar (ultima tromba). Pertanto, è possibile per ogni uomo sapere e capire che il giorno a venire di Yahuah è il giorno dell'ultimo shofar, il suono dello shofar a Tsiyon, cioè Yom Teru`ah. Considera di nuovo:

Suona lo shofar nella luna nuova, alla sua copertura, nel nostro solenne giorno di festa.

La parola che appare qui nel testo masoretico per "coprire" è (כסה) kasah, non keseh (כסא). Ci sono 149 altri passaggi nella Bibbia in cui la parola kasah è interpretata come "coperto", "coprire", "coprente", "nascosto" o "rivestito". La parola keseh è effettivamente un errore di ortografia e nella sua applicazione significa come si trova in 124 altri punti del testo come כִּסֵּא kicce 'kis-say' o kicceh {kis-say '}; dal 3680; correttamente, coperto, cioè un trono (come baldacchino): - sedile, sgabello, trono. Sia scritto kof samek heh (149 volte), kof samek alef (124 volte), o kof shin heh, significa la stessa cosa, - coperto - eccetto Salmo 81: 3 e Proverbi 7:20 dove è stato interpretato (improvvisamente e inordinatamente) come "designato".

La direzione in Salmo 81: 3 non è guardare la luna - solo soffiare lo shofar alla luna nuova, alla copertura. La diatriba sull'osservazione della luna nuova ha poco a che fare con l'osservarla effettivamente; piuttosto significa semplicemente prenderne atto e. . . calcola il suo ciclo. Senza tali calcoli, un cielo coperto rompe completamente il "le uova nel paniere" indipendentemente dal punto di vista. Se non c'è un indicatore lunare visibile - nessun avvistamento della luna, allora non c'è mese.

Tieni presente che Salmo 81: 3 è l'unico versetto che può rivelare come trovare il primo giorno del mese nell'intero testo: non c'è nient'altro, e cosa troviamo quando ci arriviamo? Un'interpretazione anomala. Quando lo convertiamo per essere coerente con le centinaia di altri usi di quella parola nelle Scritture, troviamo "squilla lo shofar sulla luna nuova, alla copertura, nel nostro solenne giorno di festa". Questo non viene fatto con nessun programma diverso dalla correzione del testo in modo che sia letto come è nell'originale Ebraico. E una volta corretto, cosa troviamo? Il giorno della luna nuova è il giorno della sua copertura, non il giorno in cui un rabbino la vede sopra Gerusalemme.

La proclamazione che il primo giorno può essere trovato solo sulla base di una determinazione Rabbinica, e che il primo mese può essere trovato solo sulla base di una proclamazione Rabbinica che l'orzo sarà in aviv, mi sembra coerente con il concetto che anche il Messia può solo essere determinato da un proclama Rabbinico. Niente nella Scrittura giustifica questa conclusione. Invece, ne otteniamo una primaria; che il giorno della luna nuova (roshe chodesh) è il giorno della luna coprente (o coperta, zero luminosità).

Mi colpisce che la luna sia particolarmente coerente con il suo rilascio di lune coperte e lune piene, che sono molto più facili da prevedere rispetto a quando un rabbino vede la luna scheggiata su Gerusalemme.

Suscríbete

RSS Suscríbete

Indirizzo E-mail

  • I am the א (Aleph) and the ת (Tav), the beginning and the ending, says Yahuah Elohiym, which is, and which was, and which is to come, Yahuah Tseva’oth.
    CHIZAYON (Revelation) 1:8
    Read More
  • For they shall behold the world which is now invisible to them and they shall behold the time which is now hidden from them: And time shall no longer age them.  
    BARUK SHENIY (2 Baruk) 51: 8-9
    Read More
  • Be ready to the reward of the Kingdom, for the everlasting light shall shine upon you forevermore.
    EZRA REVIY`IY (4 Ezra / 2 Esdras) 2:35
    Read More
  • Behold, I set before you this day a blessing and a curse; את eth-A blessing, if ye obey the command­ments of Yahuah Elohaykem, which I command you this day: And a curse, if ye will not obey the commandments of Yahuah Elohaykem, but turn aside out of the way which I command you this day, to go after other elohiym, which ye have not known. 
    DEVARIYM (Deuteronomy) 11:26-28
    Read More
  • For in six days Yahuah made את eth-the heavens and את eth-the earth, את eth-the sea, and את eth-all that in them is, and rested the seventh day: wherefore Yahuah blessed את eth-the day of Shabbath, and hallowed it.
    SHEMOTH (Exodus) 20:11
    Read More
  • In the beginning Elohiym created את eth the heavens and את eth the earth.
    BERE’SHIYTH (Genesis) 1:1
    Read More
  • How are you fallen from heaven, O Heylel, son of the howling morning! how are you cut down to the ground, which did weaken the nations!
    YESHA`YAHU (Isaiah) 14:12
    Read More
  • Behold, the days come, says Yahuah, that I will cut a Renewed Covenant with the את eth-house of Yashar'el, and with the את eth-house of Yahudah. 
    YIRMEYAHU (Jeremiah) 31:31
    Read More
  • In the beginning was the Word, and the Word was with את eth Elohiym, and Elohiym was the Word.
    BESORAH YOCHANON (Gospel of John) 1:1
    Read More
  • For Yah so loved את eth-the world, that he gave את eth-his את eth-yachiyd, that whosoever believes in him should not perish, but have everlasting life.
    BESORAH YOCHANON (Gospel of John) 3:16
    Read More
  • He that has my commandments, and guards them, he it is that loves me: and he that loves me shall be loved of my Father, and I will love him, and will manifest myself to him. 
    BESORAH YOCHANON (Gospel of John) 14:21
    Read More
  • These are the feasts of Yahuah, even holy assemblies, which ye shall proclaim in their appointed times.
    VAYIQRA (Leviticus) 23:4
    Read More
  • And she shall bring forth a son, and you shall call his name Yahusha: for he shall save his people from their sins.
    BESORAH MATTITHYAHU (Gospel of Matthew) 1:21
    Read More
  • Give us this day our daily את eth-bread. And forgive us our transgressions, as we forgive those who trans­gress against us. 
    BESORAH MATTITHYAHU (Gospel of Matthew) 6:11-12
    Read More
  • Yahuah bless you, and guard you: Yahuah make his face shine upon you, and be gracious unto you: Yahuah lift up his countenance upon you, and give you peace. 
    BEMIDBAR (Numbers) 6:24-26
    Read More
  • That at the name of Yahusha every knee should bow, of things in heaven, and things in earth, and things under the earth; And that every tongue should confess that Yahuah is Yahusha Ha'Mashiach, to the glory of Yah the Father.
    PHILIPPIYM (Philippians) 2:10-11
    Read More
  • YAHUAH is my Shep­herd; I shall not want. He makes me to lie down in green pastures: he leads me beside the still waters. 
    TEHILLIYM (Psalm) 23:1-2
    Read More
  • He that dwells in the secret place of El Elyon shall abide under the shadow of El Shaddai. I will say of Yahuah, He is my refuge and my fortress: my Elohiym; in him will I trust. 
    TEHILLIYM (Psalm) 91:1-2
    Read More
  • Here is wisdom. Let him that has understanding calculate the number of the beast: for it is the number of a man; and his number is χξς .
    CHIZAYON (Revelation) 13:18
    Read More
  • For I am persuaded, that neither death, nor life, nor angels, nor principalities, nor powers, nor things present, nor things to come, Nor height, nor depth, nor any other creature, shall be able to separate us from the love of Yah, which is in Yahusha Ha'Mashiach our Adonai.
    ROMAIYM (Romans) 8:38-39
    Read More
  • Though I speak with the tongues of men and of angels, and have not love, I am become as sounding brass, or a tinkling cymbal.
     QORINTIYM RI’SHON (I Corinthians) 13:13
    Read More
  • Make the attempt, then, O tyrant; and if you put us to death for our faith, think not that you harm us by torturing us. For we through this ill treatment and endurance shall bear off the rewards of virtue. But you, for the wicked and despotic slaughter of us, shall, from the divine vengeance, endure eternal torture by fire.
    MAKKABIYM REVIY`IY (4 Maccabees) 9:7-9
    Read More
  • And at that time shall Miyka’el stand up, the great prince which stands for the children of your people: and there shall be a time of trouble, such as never was since there was a nation even to that same time: and at that time your people shall be delivered, everyone that shall be found written in the cepher.
    DANIY'EL (Daniel) 9-12
    Read More
  • A great destruction therefore shall come upon all the earth; a deluge, a great destruction, shall take place in one year. This child which is born to your son shall survive on the earth, and his three sons shall be saved with him. When all mankind who are on the earth shall die, he shall be safe.
    CHANOK (Enoch) 105: 14-15
    Read More
  • And it shall come to pass afterward, that I will pour out את eth-my Ruach upon all flesh; and your sons and your daughters shall prophesy, your old men shall dream dreams, your young men shall see visions.
    YO’EL (Joel) 2:28
    Read More