Italian Blog

Blog: Italian Blog

< Ritornare Alla

Perdono - Parte 4; Ciò che non è perdonato.

Autore: Pietro Nencioni / 11.3.2020

 

Mentre la propiziazione di Ha'Mashiach è una propiziazione completa, la sua mano destra viene trafitta per i peccati della nostra mano destra; la sua mano sinistra è stata trafitta per i peccati della nostra mano sinistra; il suo fianco è trafitto per i peccati del nostro cuore; il suo piede destro è stato trafitto per i passi del nostro piede destro; il suo piede sinistro è stato trafitto per i passi del nostro piede sinistro; il suo capo è coronato di spine per i peccati delle nostre menti; e per le sue lividure siamo stati guariti (si noti anche che il sangue fu versato l'ottavo giorno nella circoncisione per quelli incirconcisi), Ha'Mashiach ci parla di un peccato per il quale non c'è perdono:

Marcus (Marco) 3:22-30
Ma gli scribi, che erano discesi da Yerushalayim, dicevano: «Egli ha Ba`al Zebub e scaccia i demoni con l'aiuto del principe dei demoni».

23 Ma egli, chiamatili a sé, disse loro in parabole: «Come può Satana scacciare Satana?

24 E se un regno è diviso contro se stesso, quel regno non può durare.

25 E se una casa è divisa in parti contrarie, quella casa non può durare.

26 Così, se Satana insorge contro se stesso ed è diviso, non può durare, ma è giunto alla fine.

27 Nessuno può entrare in casa dell&#39;uomo forte e rapirgli i suoi beni, se prima non ha legato l'uomo forte; solo allora potrà saccheggiare la sua casa.

28 In verità vi dico che ai figli degli uomini sarà perdonato ogni peccato e qualunque bestemmia essi diranno;

29 ma chiunque bestemmierà contro il Ruach Ha'Qodesh, non ha perdono (dal Dizionario Greco di Strong 859. αφεσις aphesis: libertà; (figurativamente) perdono: —liberazione, perdono, libertà, remissione) in eterno; ma è sottoposto a dannazione eterna».

30 Asseriva questo perché dicevano: «Egli ha uno spirito immondo».

C'è un riferimento a questo spirito impuro che si trova in Zakaryahu 13:1-2

In quel giorno ci sarà una fontana מָקוֹר (maqowr) aperta alla casa di Davide e agli abitanti di Yerushaliym per il peccato חַטָּאָה (chatta'ah) e per l'impurità נִדָּה (niddah). 2 E avverrà in quel giorno, dice Yahuah Tseva'oth, che cancellerò i nomi degli idoli dal paese, e non saranno più ricordati: e anch'io farò sì che i profeti e gli spiriti ( ר֫וּחַ ruach) impuri (טֻמְאָה tumah) escano dal paese.

מָקוֹר maqowr: una fonte d'acqua, anche quando scorre naturalmente; anche di lacrime, sangue; fontana, emissione, fonte, sorgente. Strong's 4726.

חַטָּאָה chatta'ah: un'offesa (a volte peccaminosità abituale), e la sua punizione, occasione, sacrificio o espiazione, peccato. Strong's 2403.

נִדָּה niddah: rifiuto; implicitamente, impurità, soprattutto personale (mestruazioni) o morale (idolatria, incesto): sporcizia, smontato, rimosso, separato, messo a parte, impuro ( cosa, sporcizia). Strong's 5079.

טֻמְאָה tum'ah: impurità religiosa: - sporcizia, impuro (-ness). Strong's 2932

Consideriamo questa fontana (maqowr) che è aperta alla casa di Davide per il peccato e l'impurità. Naturalmente, nel suo riferimento iniziale, questo indica sicuramente la sorgente di Ghihon, oggi il punto centrale della scoperta del sito del tempio di Shalomah. Tuttavia, in termini spirituali, la fonte dell'acqua, che scorre naturalmente - anche di lacrime e sangue - , è il Mashiach.

Yochanon (Giovanni) 4:7-26
Una donna di Shomron venne per attingere l'acqua. E Yahusha le disse: «Dammi da bere»,

8 perché i suoi Talmidiym erano andati in città a comperare del cibo.

9 Ma la donna di Shomron gli disse: «Come mai tu che sei Yahudiy chiedi da bere a me, che sono una donna di Shomron?» (Infatti i Yahudiym non hanno rapporti con i Shomroniym).

10 Yahusha rispose e le disse: «Se tu conoscessi il dono di Yah e chi è colui che ti dice: "Dammi da bere", tu stessa gliene avresti chiesto, ed egli ti avrebbe dato dell'acqua viva».

11 La donna gli disse: «Signore, tu non hai neppure un secchio per attingere e il pozzo è profondo; da dove hai dunque quest'acqua viva?

12 Sei tu forse più grande di Ya`aqov,, nostro padre, che ci diede questo pozzo e ne bevve egli stesso, i suoi figli e il suo bestiame?».

13 Yahusha rispose e le disse: «Chiunque beve di quest'acqua, avrà ancora sete,

14 ma chi beve dell'acqua che io gli darò non avrà mai più sete in eterno; ma l'acqua che io gli darò diventerà in lui una fonte d'acqua che zampilla in vita eterna».

15 La donna gli disse: «Signore, dammi quest'acqua, affinché io non abbia più sete e non venga più qui ad attingere».

16 Yahusha le disse: «Va' a chiamare tuo marito e torna qui».

17 La donna rispose e gli disse: «Io non ho marito». Yahusha le disse: «Hai detto bene: "Non ho marito",

18 perché tu hai avuto cinque mariti e quello che hai ora non è tuo marito; in questo hai detto la verità».

19 La donna gli disse: «Signore, vedo che tu sei un profeta.

20 I nostri padri hanno adorato su questo monte, e voi dite che è a Yerushalayim il luogo dove si deve adorare».

21 Yahusha le disse: «Donna, credimi: l'ora viene che né su questo monte, né a Yerushalayim adorerete il Padre.

22 Voi adorate quel che non conoscete; noi adoriamo quel che conosciamo; perché la salvezza è degli Yahudiym.

23 Ma l'ora viene, anzi è già venuta, che i veri adoratori adoreranno il Padre in ruach e verità, perché tali sono gli adoratori che il Padre richiede.

24 Yahuah è questo Ruach, e quelli che lo adorano devono adorarlo in ruach e verità».

25 La donna gli disse: «Io so che il Mashiach, che è chiamato Messiah, deve venire; quando sarà venuto lui ci annunzierà ogni cosa».

26 Yahusha le disse: «IO che ti parlo sono lui».

Qui c'è l'auto-giustificazione riguardo l'acqua spirituale e un riferimento diretto che sostituisce la Sorgente di Ghihon, poiché il Mashiach istruisce la donna che il culto non sarà tenuto a Yerushaliym (il sito della sorgente di Ghihon) né a Shechchem (il sito della terra di Yoseph e del pozzo di Ya`aqov), ma piuttosto in spirito (Ruach) e verità (emet - Vedi Salmo 119.142).

Tuttavia, non è ancora chiara esattamente la natura di quest'acqua spirituale. Vediamo se possiamo avvicinarci a una comprensione:

Yochanon (Giovanni) 7:37-39
Or nell'ultimo giorno, il grande giorno della festa, Yahusha si alzò in piedi ed esclamò dicendo: «Se qualcuno ha sete, venga a me e beva.

38 Chi crede in me, come ha detto la Scrittura, da dentro di lui sgorgheranno fiumi d'acqua viva».

39 Or egli disse questo del Ruach, che avrebbero ricevuto coloro che avrebbero creduto in lui; lo Ruach Ha'Qodesh infatti non era ancora stato dato, perché Yahusha non era stato ancora glorificato.

Quindi, questa dichiarazione è data "nell'ultimo giorno, quel grande giorno di festa". Questo indica un giorno particolare, date le feste come le conosciamo. Delle sette feste, Pecach (Pasqua ebraica), Matzah (Pane Azzimo), Bikoor (Primizie), Sheva'oth (Pentecoste), Yom Teruah (Trombe, anche Rosh HaShanah), Yom Kippur (Espiazione) e Sukkoth (Tabernacoli o Tende), dobbiamo considerare solo quelle feste che hanno più di un giorno, il che significa Matzah o Sukkoth, entrambe sono feste di sette giorni.

Sukkoth si chiude con la grande festa della Simcha Torah (la gioia della Torah), praticata dall'epoca di Shalomah nell'ottavo giorno. Dvrei Hayamiym Sheniy 7: 8-10. Questa proclamazione di Yahusha avvenne durante Simcha Torah, l'ultimo giorno, quel grande giorno della festa dei Tabernacoli (Sukkoth). Vedere Yochanon 7: 2.

In questa affermazione, Mashiach ci dice che credere in Lui è acqua viva - che lui è la fontana a cui fa riferimento Zakaryahu 13: 1; la stessa fontana che “cancellerà i nomi degli idoli dal paese, e non saranno più ricordati: e. . . farà uscire i profeti e lo spirito impuro (טֻמְאטֻמְה tumah) (ר֫וּחַ ruach) dal paese ". Accusare la fonte di avere lo spirito impuro  che la fonte farebbe uscire fuori dal paese è dichiarare la Scrittura una menzogna.

C'è un'ulteriore testimonianza in questo passaggio che Yahusha Ha'Mashiach è la fontana di acqua viva che adempirà a questo compito? Continuiamo a leggere Zakaryahu 13.

Zakaryahu (Zaccaria) 13: 3-6
E avverrà che, se qualcuno profetizzerà ancora, suo padre e sua madre che l'hanno generato gli diranno: "Tu non vivrai, perché proferisci menzogne nel nome di Yahuah". Così suo padre e sua madre che l'hanno generato lo trafiggeranno, perché profetizza.

4 In quel giorno avverrà che ogni profeta proverà vergogna della sua visione, quando profetizzerà, e non indosserà più il mantello di peli per ingannare.

5 Ma ognuno dirà: "Io non sono profeta, sono un agricoltore; qualcuno mi ha insegnato ad allevare il bestiame fin dalla mia giovinezza".

6 Se poi qualcuno gli dirà: "Che cosa sono queste ferite nelle tue mani?", egli risponderà: "Sono quelle con cui sono stato ferito nella casa dei miei amici"».

Chi è che ha ferite nelle mani e che ha ricevuto le ferite in casa dei suoi amici?

Zakaryahu (Zaccaria) 13: 7-9
Svegliati, o spada, contro il mio pastore e contro l'uomo che è mio compagno, dice Yahuah Tseva'oth: percuoti il pastore e le pecore saranno disperse: e io porrò la mia mano sui piccoli. 8 E avverrà che in tutto il paese, dice Yahuah, due parti di esso saranno sterminate e moriranno; ma il terzo sarà lasciato lì. 9 E farò passare la terza parte attraverso il fuoco, e le raffinerò come si raffina l'argento, e le proverò come si prova con l'oro: chiameranno il mio nome e io le ascolterò: io dirò: questo è il mio popolo: e loro diranno, Yahuah Elohai.

Chi è questo pastore? Chi è quello che deve essere colpito?

Yochanon (Giovanni) 10: 7-16
Allora Yahusha disse loro di nuovo: Amein, Amein, io vi dico, io sono la porta delle pecore. 8 Tutto ciò che è mai venuto prima di me sono stati ladri e briganti, ma le pecore non li hanno ascoltati. 9 Io sono la porta: per mezzo mio, se qualcuno entra, sarà salvato, entrerà ed uscirà e troverà pascolo. 10 Il ladro non viene se non per rubare, uccidere e distruggere: io sono venuto perché abbiano la vita e l'abbiano in abbondanza. 11 Io sono il Buon Pastore: il Buon Pastore dà la vita per le pecore. 12 Ma il mercenario, e non il pastore, a cui non appartengono le pecore, vede venire il lupo, lascia le pecore e fugge; e il lupo le prende e disperde le pecore. 13 Il mercenario fugge, perché è mercenario e non si prende cura delle pecore. 14 Io sono il buon pastore, e conosco le mie pecore, e את sono conosciuto delle mie. 15 Come il Padre mi conosce, così conosco io il Padre: e offro la mia vita per le pecore. 16 E ho altre pecore che non sono di questo ovile: anche quelle devo portare, ed esse udranno la mia voce; e ci sarà un solo ovile e un solo pastore.

Suscríbete

RSS Suscríbete

Indirizzo E-mail

Chazon (Revelation) 1:8

I am the א (Aleph) and the ת (Tav), the beginning and the ending, says Yahuah Elohiym, which is, and which was, and which is to come, Yahuah Tseva’oth.

Read More

Baruch Sheniy (2 Baruch) 51:8-9

For they shall behold the world which is now invisible to them and they shall behold the time which is now hidden from them: And time shall no longer age them.

Read More

Ezra Reviy'iy (4 Ezra/2 Esdras) 2:35

Be ready to the reward of the Kingdom, for the everlasting light shall shine upon you forevermore.

Read More

Devariym (Deuteronomy) 11:26-28

Behold, I set before you this day a blessing and a curse; A blessing, if ye obey the commandments of Yahuah Elohaykem, which I command you this day: And a curse, if ye will not obey the commandments of Yahuah Elohaykem but turn aside out of the way which I command you this day, to go after other elohiym, which ye have not known.

Read More

Shemoth (Exodus) 20:11

For in six days Yahuah made the heavens and the earth, the sea, and all that in them is, and rested the seventh day: wherefore Yahuah blessed the day of Shabbath, and hallowed it.

Read More

Bere'shiyth (Genesis) 1:1

In the beginning Elohiym created את the heavens and אתthe earth.

Read More

Yesha'yahu (Isaiah) 14:12

How are you fallen from heaven, O Heylel, son of the howling morning! how are you cut down to the ground, which did weaken the nations!

Read More

Yirmeyahu (Jeremiah) 31:31

Behold, the days come, says Yahuah, that I will cut a Renewed Covenant with the house of Yashar’el, and with the house of Yahudah.

Read More

Besorah Yochanon (John) 1:1

In the beginning was the Word, and the Word was with את Elohiym, and Elohiym was the Word.

Read More

Besorah Yochanon (John) 3:16

For Elohiym so loved the world, that he gave his yachiyd, that whosoever believes in him should not perish, but have everlasting life.

Read More

Besorah Yochanon (John) 14:21

He that has my commandments, and guards them, he it is that loves me: and he that loves me shall be loved of my Father, and I will love him, and will manifest myself to him.

Read More

Vayiqra (Leviticus) 23:4

These are the feasts of Yahuah, even holy assemblies, which ye shall proclaim in their appointed times.

Read More

Besorah Mattithyahu (Matthew) 1:21

And she shall bring forth a son, and you shall call his name Yahusha: for he shall save his people from their sins.

Read More

Besorah Mattithyahu (Matthew) 6:11-12

Give us this day our daily bread. And forgive us our transgressions, as we forgive those who transgress against us.

Read More

Bemidbar (Numbers) 6:24-26

Yahuah bless you, and guard you: Yahuah make his face shine upon you, and be gracious unto you: Yahuah lift up his countenance upon you, and give you peace.

Read More

Philippiym (Philippians) 2:10-11

That at the name of Yahusha every knee should bow, of things in heaven, and things in earth, and things under the earth; And that every tongue should confess that Yahuah is Yahusha Ha’Mashiach, to the glory of Elohiym the Father.

Read More

Tehilliym (Psalms) 23:1-2

Yahuah is my Shepherd; I shall not want. He makes me to lie down in green pastures: he leads me beside the still waters.

Read More

Tehilliym (Psalms) 91:1-2

He who dwells in the secret place of El Elyon shall abide under the shadow of El Shaddai. I will say of Yahuah, He is my refuge and my fortress: my Elohiym; in him will I trust.

Read More

Chazon (Revelation) 13:18

Here is wisdom. Let him that has understanding calculate the number of the beast: for it is the number of a man; and his number is χξς .

Read More

Romaiym (Romans) 8:38-39

For I am persuaded, that neither death, nor life, nor angels, nor principalities, nor powers, nor things present, nor things to come, Nor height, nor depth, nor any other creature, shall be able to separate us from the love of Yah, which is in Yahusha Ha'Mashiach our Adonai.

Read More

Qorintiym Ri'shon (I Corinthians) 13:13

And now abides faith, hope, love, these three; but the greatest of these is love.

Read More

Makkabiym Reviy'iy (4 Maccabees) 9:7-9

Make the attempt, then, O tyrant; and if you put us to death for our faith, think not that you harm us by torturing us. For we through this ill treatment and endurance shall bear off the rewards of virtue. But you, for the wicked and despotic slaughter of us, shall, from the divine vengeance, endure eternal torture by fire.

Read More

Daniy'el (Daniel) 12:1

And at that time shall Miyka’el stand up, the great prince which stands for the children of your people: and there shall be a time of trouble, such as never was since there was a nation even to that same time: and at that time your people shall be delivered, everyone that shall be found written in the cepher.

Read More

Chanoch (Enoch) 105:14-15

A great destruction therefore shall come upon all the earth; a deluge, a great destruction shall take place in one year. This child, who is born to your son shall survive on the earth, and his three sons shall be saved with him. When all mankind who are on the earth shall die, he shall be safe.

Read More

Yo'el (Joel) 2:28

And it shall come to pass afterward, that I will pour out my Ruach upon all flesh; and your sons and your daughters shall prophesy, your old men shall dream dreams, your young men shall see visions.

Read More