Italian Blog

Blog: Italian Blog

< Ritornare Alla

Sulle opere pseudoepigrafiche di Sha'ul

Autore: Pietro Nencioni / 10.9.2020

 

Entriamo in quel momento in cui le questioni più scottanti vengono presentate al pubblico ragionante e discutiamo del motivo per cui abbiamo attribuito alcune delle opere di Sha'ul allo stesso Sha'ul e denotato altre come opere pseudoepigrafe. Consideriamo questo problema in ordine.

Per prima cosa, iniziamo con una richiesta  in preghiera affinché il Ruach HaQodesh riveli tutta la verità su questa questione mentre ne discutiamo. Ci sono così tanti oggi che adorano l'insegnamento di "Paolo" a spese di tutte le altre scritture - anche sottoponendo i vangeli alla revisione di Paolo, filtrando le parole di Ha'Mashiach attraverso Paolo, le parole di Moshe attraverso Paolo, le parole di Davide , Salomone, Zaccaria, Gioele, Isaia, ecc. attraverso Paolo, e se in conflitto, Paolo prevale.

Per quelli di voi la cui teologia è più sostanzialmente radicata negli insegnamenti di Paolo piuttosto che negli insegnamenti del Mashiach, questa discussione molto probabilmente non riuscirà a raggiungervi, poiché la vostra conclusione è stata raggiunta malgrado la dura prova del contrario. Per coloro che sono in grado di considerare questo problema con una mente aperta, procederò con cautela, in modo da sollevare alcune questioni per aiutarvi lungo il percorso sul motivo per cui siamo arrivati a queste conclusioni.

Questo termine - pseudepigrafe - è la miscela di due parole: pseudo ed epigrafe. Pseudo non significa necessariamente che sia falso, ma piuttosto intenzionalmente illusorio. Ad esempio, uno pseudonimo o un nome d'arte è stato utilizzato in tutta la modernità senza l'intento di ingannare, sia che tu stia discutendo di George Sand o Mark Twain. Epigrafe è un'altra parola per firma. Un'opera pseudoepigrafe è un'opera che è stata posta sotto la firma di qualcuno che non ha scritto direttamente l'opera, ma è stata posta sotto il suo nome. Si tratta di un'opera composta come se fosse stata scritta da una persona del passato (l ' “autore attribuito”), mentre l'autore effettivo era qualcun altro (a volte anonimo). Di solito l'autore attribuito è una persona famosa del passato remoto o il maestro dell'autore stesso, ma è stato scritto dopo la sua morte. Non si dovrebbe presumere che si tratti di scritti falsi, poiché un'opera pseudoepigrafe non dice nulla sul valore del contenuto dell'opera, ma denota l'attribuzione della sua paternità. C'è, tuttavia, un problema di credibilità intrinseca che si occupa di un'opera, in particolare quando coloro che sposano le sue opere affermano che Paolo era il destinatario diretto dell'ispirazione celeste.

La pratica di creare un'opera incentrata sulle idee di un particolare insegnante, sotto il nome dell'insegnante, anche se l'insegnante era molto lontano dal documento, era una pratica comune nell'antichità. Ad esempio, molte delle "Lettere di Socrate" furono composte come se fossero state scritte dallo stesso Socrate nel V secolo aC. Tuttavia, furono effettivamente scritti per la prima volta ben dopo la sua morte nel I secolo d.C. È importante notare la tempistica di questa scrittura e di questa pratica, poiché è coerente con i primi testi Greci del Nuovo Testamento. Tale pratica ha permesso agli insegnanti durante la Pax Romana di indicare testi autorevoli a sostegno dei loro insegnamenti sulle idee dei maestri di cui hanno sposato le loro opinioni.

Le tredici lettere attribuite a Paolo sono senza dubbio i documenti meno credibili di tutta la Scrittura. Praticamente tutto l'Antico Testamento, inclusi Ecclesiaste, Esdra, Giuditta, Yovheliym (Giubilei) ed Enoch sono stati trovati nei Rotoli del Mar Morto. I testi di Yechezq’el (Ezechiele), Yeshayahu (Isaia) e Salmo 119 erano parola per parola e lettera per lettera nel moderno Tanakh. Senza dubbio la Torah è il testo più perfezionato al mondo, e le garanzie di credibilità non sono eguagliate da nessuna civiltà per quanto riguarda le opere solenni.

Parliamo quindi di quello che nel volgare comune viene chiamato Nuovo Testamento. Qui, l'elenco accettato (e l'elenco che abbiamo esposto nell'Eth Cepher) è una raccolta di 27 scritti separati. Tutti i teologi Romani affermano che gli originali (nessuno dei quali esiste) sono stati scritti in Greco. Tuttavia, il primo vangelo scritto dell'era moderna era uno scritto in Ebraico dato a Eusebius Sofhronius Hieronymus noto anche come San Girolamo quando visitò la chiesa di Antiochia. Eusebio fece il suo primo tentativo di imparare l'Ebraico da uno degli Yahudiym dopo Ha'Mashiach ad Antiochia, ed è stato guidato da un gruppo di Netzeriym (credenti Yahudiym) ad Antiochia. Fu qui che il Vangelo fu messo per la prima volta per iscritto, ed era scritto in Ebraico. I frammenti di questo vangelo sono conosciuti oggi come il Vangelo secondo gli Ebrei, che i Netzeriym consideravano il vero vangelo di Matteo[1].  Fu Eusebio / Girolamo a tradurre questo vangelo in Greco.[2]

Considera ora che la persona con cui Eusebio / Girolamo lavorava era un certo Paulinus; il neo ordinato Vescovo di Antiochia. Paulinus era un concorrente al timone dell'assemblea dei chiamati fuori ad Antiochia. Il suo rivale era un certo Meletius, che era stato consacrato e rivendicava la teologia degli Ariani (simile nella teologia ai Testimoni di Geova di oggi). Paulinus ha ricoperto la carica di Vescovo dal 362 al 388, ed è stato lui che ha ordinato sacerdote Eusebio / Girolamo. È interessante notare che Paulinus era stato ordinato Vescovo da un certo Lucifero di Calaris. Id.

Sono in ordine i quattro più antichi manoscritti del Nuovo Testamento, il Codex Alexandrius, scritto nel V secolo; il Codex Ephraemi Rescriptus, scritto anch'esso nel V secolo (quasi illeggibile), il Codex Sinaiticus, che si crede sia stato scritto nel IV secolo, e l'unico dei quattro che contiene tutti i 27 libri, e infine il Codex Vaticanus scritto nel IV secolo e mancano 1 Timoteo, 2 Timoteo, Tito e Filemone.

Ora siamo arrivati a diverse difficoltà. In primo luogo, scopriamo che nessun testo di Paolo esiste prima dell'impegno di Eusebio / Girolamo di trascrivere la prima bibbia. È ordinato da un compagno di nome Paulinus, e il Rabbino Giudeo conosciuto dai Netzeriym ad Antiochia come Sha'ul emerge come Paolo. L'angelo caduto identificato come Heylel, figlio del "mattino ululante" in Yesha`yahu 14, è improvvisamente oggetto di una sostituzione del nome (non una traduzione o traslitterazione) per mano di Eusebio / Girolamo, e l'Ebraico הֵילֵל heylel diventa Lucifero. Ci si chiede come sia arrivato a quella conclusione. Forse ricorderai che fu Eusebio / Girolamo a mettere le due corna sulla testa di Moshe.

Inoltre, un altro tra i primi testimoni degli scritti di Paolo, Clemente di Roma, scrive nella sua lettera ai Corinzi una menzione di una singola epistola di Paolo (1 Clemente 47,1). 1 Clemente ci dice anche che Paolo era stato "cacciato in esilio ... (e) raggiunto i confini più lontani dell'Occidente" (5.5,6). Questa testimonianza è coerente con il capitolo 29 del libro degli Atti, incluso nell'Eth Cepher, e coerente con la testimonianza del frammento Muratoriano. Ancora una volta, la prima copia esistente (nel Codex Alexandrinus) di 1 Clemente risale al V secolo e il primo riferimento a 1 Clemente è fatto nella storia del IV secolo di Eusebio / Girolamo. (Hist. Eccl. 3,16,38; 4,22).

La testimonianza di Giustino Martire, che a metà del II secolo ha discusso a lungo della missione apostolica presso i Gentili. Giustino Martire non fa menzione di Paolo o delle sue epistole, nemmeno quando sostiene il punto che "la circoncisione non era necessaria". Non c'è alcun riferimento a Paolo nei frammenti disponibili nell'opera di Hegesippus (110-180), che era un contemporaneo di Giustino e lui stesso uno Yahudiym.

Quindi, ci rimane il primo elenco contenente tutte le lettere di Paolo nel frammento Muratoriano. Questo frammento si auto attribuisce della fine del II secolo, sebbene il frammento stesso sia una copia del V secolo. Il suo autore è sconosciuto e la lista prende il nome dal suo scopritore italiano del XVIII secolo, Muratori. Il frammento Muratoriano indica la difficoltà nell'accertare la validità della paternità delle epistole Paoline, affermando ad un certo punto quanto segue:

"Inoltre c'è in circolazione un'epistola ai Laodicesi e un'altra agli Alessandrini, forgiata sotto il nome di Paolo".

Mentre consideriamo queste difficoltà, non possiamo evitare una discussione su Marcione di Sinope (85-160 d.C.). Marcione era un autoproclamato Vescovo della chiesa primitiva di Sinope che rigettava completamente l'esistenza della divinità descritta nelle Scritture Ebraiche e affermava distintamente che il Padre di Cristo era il vero Dio separato da Yahuah, Elohai di Avraham, Yitzak, e Ya'aqov. Fu denunciato dai padri della chiesa e da allora in poi scelse di separarsi dalla leadership della chiesa. Tuttavia, si ritiene spesso che abbia ricoperto un ruolo fondamentale nello sviluppo del canone del Nuovo Testamento.

Marcione giunse alla conclusione che molti degli insegnamenti di Gesù interpretati da Paolo erano in contrasto con le azioni di Yahuah. Marcione rispose sviluppando un sistema dualista di credenze intorno all'anno 144. Questa nozione di doppio-dio ha permesso a Marcione di conciliare le contraddizioni tra Alleanza / Torah / Vangelo dell'Antico Testamento e il messaggio del Vangelo come proclamato da Gesù, nell'interpretazione di Paolo.

Marcione affermò che Gesù era il salvatore inviato dal Padre Celeste e Paolo come suo principale apostolo. In contrasto con la pratica dei Netzeriym, Marcion dichiarò che il cristianesimo era in completa discontinuità con il giudaismo e del tutto contrario al messaggio dell'Antico Testamento. Marcione non ha affermato che le Scritture Ebraiche fossero false. Marcione affermò invece che dovevano essere lette in modo assolutamente letterale, sviluppando così la comprensione che Yahuah non era lo stesso dio a cui faceva riferimento Gesù.

Marcione ha chiamato l'Elohiym dell'Antico Testamento il DEMIURGO, o il creatore dell'universo materiale, ed ha etichettato Yahuah come una divinità tribale gelosa dei Giudei, la cui TORAH era la giustizia reciproca legalista (dove l'abbiamo gia sentita?) , e che ha punito l'umanità per i suoi peccati attraverso la sofferenza e la morte. Marcione affermò che il dio professato nel Vangelo era un essere completamente diverso; un dio universale di compassione e amore (la cui misericordia dura per sempre?) che guarda l'umanità con benevolenza e misericordia. Marcione ha anche prodotto le sue antitesi mettendo in contrasto il Demiurgo dell'Antico Testamento con il Padre celeste del Nuovo Testamento.

Alla fine, Marcione ha negato che Yahusha fosse venuto nella carne, poiché ha affermato che il corpo di Ha'Mashiach era solo un'imitazione di un corpo materiale. Ha quindi negato la nascita, la morte e la risurrezione del corpo e quindi ha negato lo storico Vangelo Cristiano.

Marcione ha proposto il suo canone unico del Nuovo Testamento. Il suo canone consisteva di soli undici libri raggruppati in due sezioni: l'Evangelikon, essendo una versione modificata del Vangelo di Luca, e l'Apostolikon, una selezione di dieci epistole di Paolo Apostolo, che Marcione considerava il corretto interprete e trasmettitore degli insegnamenti di Yahusha. Noterai di nuovo che solo dieci lettere, non quattordici, fanno riferimento a Marcione.

Quindi, abbiamo un problema serio qui riguardo alla validità dei Cepheriym (epistole/libri) di Sha’ul. Nella nostra comprensione e interpretazione dei libri tradizionalmente ospitati nel Nuovo Testamento, abbiamo esposto la raccolta dei 27. Abbiamo specificamente considerato e non abbiamo incluso la Lettera ai Laodicesi (determinata ad essere un falso di Marcione), l'Epistola di Barnaba , e l'Apocalisse di Pietro, sebbene quest'ultima fosse stata canonizzata nella chiesa primitiva. Abbiamo scelto, come affermato nella nostra prefazione, di includere il 29 ° capitolo del libro degli Atti dal manoscritto Sunini, che riteniamo sia sufficientemente testimoniato da giustificarne l'inclusione. La nostra definizione circa la paternità delle lettere di Sha'ul è presa direttamente dalla traduzione originale della Bibbia di Re Giacomo, dove la paternità è specificamente proscritta. L'ordine dei manoscritti Paolini è in base all'ordine dei viaggi di Sha'ul come stabilito nel libro degli Atti, e abbiamo separato i libri in quelli che non erano indicati come pseudepigrafi dagli interpreti della KJV, (versione di Re Giacomo) da quelli che lo erano.

Una recensione approfondita di questo argomento è disponibile per qualsiasi studente delle scritture, poiché ci sono molti commentatori che non sono d'accordo sul fatto che la nostra inclusione di 1 Timoteo, 2 Timoteo e Tito come opere non pseudoepigrafe sia accurata, dato che loro (le lettere Pastorali ) furono omesse da Marcione (insieme al libro degli Ebrei) e andarono senza menzione nella chiesa primitiva, essendo omesse nel  Codex Vaticanus del IV secolo. Altri commentatori credono anche che 2 Tessalonicesi potrebbe essere uno pseudepigrafo successivamente attribuito a Sha'ul, che lascerebbe Sha'ul come l'autore di Romani, Galati e 1 Tessalonicesi.

Concluderò questa discussione con il seguente ammonimento. La ricerca della verità richiede maturità spirituale e discernimento intellettuale. Se sei innestato nella radice (vedi la discussione di Sha'ul in Romani 11), allora sei innestato in una radice Ebraica - una radice basata sull'alleanza tra Yahuah e Avraham, Yitzakh e Ya'aqov, il cui diritto di nascita era diviso, essendo concesso a Efraim (una grande compagnia di nazioni), Menashsheh (una grande nazione) e Giuda (lo scettro in sua mano e il legislatore tra i suoi piedi). Oppure: “voi Adorate, non sapete cosa: noi sappiamo cosa adoriamo: poiché la salvezza viene dagli Yahudiym. Yochanon 4:2

[1] Rebenich, Stefan (2002), Jerome, p. 211

[2] Pritz, Ray (1988), Nazarene Jewish Christianity: from the end of the New Testament, p. 50.

Suscríbete

RSS Suscríbete

Indirizzo E-mail

Chazon (Revelation) 1:8

I am the א (Aleph) and the ת (Tav), the beginning and the ending, says Yahuah Elohiym, which is, and which was, and which is to come, Yahuah Tseva’oth.

Read More

Baruch Sheniy (2 Baruch) 51:8-9

For they shall behold the world which is now invisible to them and they shall behold the time which is now hidden from them: And time shall no longer age them.

Read More

Ezra Reviy'iy (4 Ezra/2 Esdras) 2:35

Be ready to the reward of the Kingdom, for the everlasting light shall shine upon you forevermore.

Read More

Devariym (Deuteronomy) 11:26-28

Behold, I set before you this day a blessing and a curse; A blessing, if ye obey the commandments of Yahuah Elohaykem, which I command you this day: And a curse, if ye will not obey the commandments of Yahuah Elohaykem but turn aside out of the way which I command you this day, to go after other elohiym, which ye have not known.

Read More

Shemoth (Exodus) 20:11

For in six days Yahuah made the heavens and the earth, the sea, and all that in them is, and rested the seventh day: wherefore Yahuah blessed the day of Shabbath, and hallowed it.

Read More

Bere'shiyth (Genesis) 1:1

In the beginning Elohiym created את the heavens and אתthe earth.

Read More

Yesha'yahu (Isaiah) 14:12

How are you fallen from heaven, O Heylel, son of the howling morning! how are you cut down to the ground, which did weaken the nations!

Read More

Yirmeyahu (Jeremiah) 31:31

Behold, the days come, says Yahuah, that I will cut a Renewed Covenant with the house of Yashar’el, and with the house of Yahudah.

Read More

Besorah Yochanon (John) 1:1

In the beginning was the Word, and the Word was with את Elohiym, and Elohiym was the Word.

Read More

Besorah Yochanon (John) 3:16

For Elohiym so loved the world, that he gave his yachiyd, that whosoever believes in him should not perish, but have everlasting life.

Read More

Besorah Yochanon (John) 14:21

He that has my commandments, and guards them, he it is that loves me: and he that loves me shall be loved of my Father, and I will love him, and will manifest myself to him.

Read More

Vayiqra (Leviticus) 23:4

These are the feasts of Yahuah, even holy assemblies, which ye shall proclaim in their appointed times.

Read More

Besorah Mattithyahu (Matthew) 1:21

And she shall bring forth a son, and you shall call his name Yahusha: for he shall save his people from their sins.

Read More

Besorah Mattithyahu (Matthew) 6:11-12

Give us this day our daily bread. And forgive us our transgressions, as we forgive those who transgress against us.

Read More

Bemidbar (Numbers) 6:24-26

Yahuah bless you, and guard you: Yahuah make his face shine upon you, and be gracious unto you: Yahuah lift up his countenance upon you, and give you peace.

Read More

Philippiym (Philippians) 2:10-11

That at the name of Yahusha every knee should bow, of things in heaven, and things in earth, and things under the earth; And that every tongue should confess that Yahuah is Yahusha Ha’Mashiach, to the glory of Elohiym the Father.

Read More

Tehilliym (Psalms) 23:1-2

Yahuah is my Shepherd; I shall not want. He makes me to lie down in green pastures: he leads me beside the still waters.

Read More

Tehilliym (Psalms) 91:1-2

He who dwells in the secret place of El Elyon shall abide under the shadow of El Shaddai. I will say of Yahuah, He is my refuge and my fortress: my Elohiym; in him will I trust.

Read More

Chazon (Revelation) 13:18

Here is wisdom. Let him that has understanding calculate the number of the beast: for it is the number of a man; and his number is χξς .

Read More

Romaiym (Romans) 8:38-39

For I am persuaded, that neither death, nor life, nor angels, nor principalities, nor powers, nor things present, nor things to come, Nor height, nor depth, nor any other creature, shall be able to separate us from the love of Yah, which is in Yahusha Ha'Mashiach our Adonai.

Read More

Qorintiym Ri'shon (I Corinthians) 13:13

And now abides faith, hope, love, these three; but the greatest of these is love.

Read More

Makkabiym Reviy'iy (4 Maccabees) 9:7-9

Make the attempt, then, O tyrant; and if you put us to death for our faith, think not that you harm us by torturing us. For we through this ill treatment and endurance shall bear off the rewards of virtue. But you, for the wicked and despotic slaughter of us, shall, from the divine vengeance, endure eternal torture by fire.

Read More

Daniy'el (Daniel) 12:1

And at that time shall Miyka’el stand up, the great prince which stands for the children of your people: and there shall be a time of trouble, such as never was since there was a nation even to that same time: and at that time your people shall be delivered, everyone that shall be found written in the cepher.

Read More

Chanoch (Enoch) 105:14-15

A great destruction therefore shall come upon all the earth; a deluge, a great destruction shall take place in one year. This child, who is born to your son shall survive on the earth, and his three sons shall be saved with him. When all mankind who are on the earth shall die, he shall be safe.

Read More

Yo'el (Joel) 2:28

And it shall come to pass afterward, that I will pour out my Ruach upon all flesh; and your sons and your daughters shall prophesy, your old men shall dream dreams, your young men shall see visions.

Read More