×

Italian Blog

Blog: Italian Blog

< Ritornare Alla

Sul calendario scritturale

Autore: Pietro Nencioni / 10.7.2020

 

Prima di utilizzare lo Yom Qodesh, il codice del calendario scritturale deve essere decifrato! Se provieni dal mondo Gregoriano, guarderai queste date e ti gratterai la testa. Quindi, per capire meglio i giorni di cui stiamo discutendo, esaminiamo prima il calendario utilizzato nello sviluppo di questo libro.

Cominciamo con il Giubileo. Che grande anno è un anno giubilare. È il 50 ° anno in un ciclo di 50 anni chiamato Giubileo (in ebraico, Yovheliym), che è un anno di libertà e fiducia.

Vayiqra (Levitico) 25: 8-17
Conterai pure per te sette Sabbaths di anni: sette volte sette anni; questi sette Sabbaths di anni faranno per te un periodo di quarantanove anni.

9 Al decimo giorno del settimo mese farai squillare lo shofar; nel giorno di Yom Kippur  farete squillare lo shofar per tutto il paese.

10 E santificherete את  il cinquantesimo anno e proclamerete la libertà nel paese per tutti i suoi abitanti. Sarà per voi un giubileo; ognuno di voi tornerà nella sua proprietà e ognuno di voi tornerà nella sua famiglia.

11 Il cinquantesimo anno sarà per voi un giubileo; non seminerete e non raccoglierete ciò che cresce spontaneamente, e non vendemmierete le vigne non potate.

12 Poiché è il giubileo; esso sarà sacro per voi; mangerete il prodotto che vi daranno i campi.

13 In quest'anno del giubileo ciascuno tornerà alle sue proprietà.

14 Se vendete qualcosa al vostro prossimo o se comprate qualcosa dal vostro prossimo, non farete alcun torto l'uno all'altro.

15 Comprerai dal tuo vicino in base al numero di anni trascorsi dopo il giubileo, ed egli venderà a te in base al numero degli anni della raccolta.

16 Quanto più anni restano, tanto più alzerai il prezzo; quanto meno anni restano, tanto più abbasserai il prezzo; poiché egli ti vende in base al numero dei raccolti.

17 Nessuno di voi danneggi il suo vicino, ma temerai il tuo Elohiym; poiché io sono Yahuah, il vostro Elohiym.

Come possiamo vedere, l'anno giubilare viene annunciato in un giorno importante del calendario stabilito per primo nella Scrittura. Chiameremo quel calendario il Calendario Sacro. In quel calendario, un anno è chiamato shaneh שנה, un mese è chiamato chodesh חודש e un giorno è chiamato yom יום.

Quindi, inizi il tuo conteggio all'anno uno, che è il primo anno. Alla fine di quell'anno, entri nel secondo e così via. Ogni settimo anno è chiamato anno di Sabbath o anno Sabbatico. Quindi, quando hai attraversato sette di questi anni Sabbatici (anno 7, 14, 21, 28, 35, 42 e 49), arrivi al 50 ° anno, che è l'anno del Giubileo. Quindi, inizi di nuovo il conteggio, a partire dal primo anno.

Il nostro Yom Qodesh presume che gli anni Gregoriani che terminano con 17 e 67 siano anni giubilari e che l'anno civile gregoriano 2017 sia il 120 ° giubileo, o seimila anni dal respiro dell'anima in Adamo, il primo uomo.

 

Ora sappiamo che l'anno giubilare è un anno di riposo nel 50 ° anno, e sappiamo che ogni settimo anno è un anno sabbatico, quindi gli anni 49 e 50 sono entrambi Sabbatici. Ciò significa due anni consecutivi. Ora, per gli scopi degli ultimi settant'anni, mappiamo gli anni Sabbatici:

 

2016/5999

2009/5992

2002/5985

1995/5978

1988/5971

1981/5964

1974/5957

1967/5950

1960/5943

1953/5936

1946/5929

Ora, mappiamo gli anni sabbatici che circondano la nascita di Yahusha HaNetzeri:

66/4048

58/4041

51/4034

44/4027

37/4020

30/4013

23/4006

16/3999

9/3992

2/3985

-5/3978

Questo risponde a tutte le domande riguardanti l'anno giubilare (ad eccezione di quella domanda che rimane senza risposta).

Continuiamo e vediamo se riusciamo a scoprire come viene calcolato l'anno, lo Shaneh.

Shemoth (Esodo) 12: 1-2
Yahuah parlò a Mosè e ad Aaronne nel paese d'Egitto dicendo: 2 «Questo mese sarà per voi il mese più importante, sarà per voi il primo dei mesi dell'anno.

A quanto pare, questo mese si chiama aviv, che descrive anche la condizione dell'orzo invernale quando è pronto per il raccolto.

Shemoth (Esodo) 9:31
Ora il lino e l'orzo furono colpiti, perché l'orzo era (aviv) in spiga e il lino in fiore;

I mesi nelle Scritture sono denominati in base al loro numero, ma ci sono delle eccezioni. Ad esempio, è possibile chiamare il primo mese rishon (primo), ma ci sono numerosi riferimenti al mese chiamato aviv - il mese della maturazione dell'orzo e del suo raccolto.

Shemoth (Esodo) 34:18
Osserverai la festa degli azzimi. Per sette giorni mangerai pane senza lievito come ti ho ordinato nel tempo stabilito nel mese di Aviv, poiché nel mese di Aviv tu sei uscito dall'Egitto.

I mesi del Calendario Sacro hanno nomi altrimenti sconosciuti, anche se sono il vero calendario.

  1. 1. Aviv אָבִיב (grano verde) (noto nel moderno calendario ebraico come Nisan, che significa redenzione.

Vayiqra (Levitico) 23:5
Nel primo רִאשׁוֺן mese, il quattordicesimo giorno del mese, tra le due sere, è la Pasqua di Yahuah.

Devariym (Deuteronomio) 16:1
«Osserva il mese di Aviv אָבִיב e celebra la Pasqua in onore di Yahuah, il tuo Elohiym, perché nel mese di Aviv אָבִיב, Yahuah, il tuo Elohiym, ti fece uscire dall'Egitto, durante la notte.

  1. 2. Ziv זִו (fiori luminosi) (noto nel moderno calendario ebraico è Iyyar, che significa introspezione o autoguarigione).

Melekiym Ri'shon (1 Re) 6: 1
E avvenne nel quattrocentottantesimo anno dopo l'uscita del popolo d'Israele dal paese d'Egitto, nel quarto anno del regno di Salomone su Israele, nel mese Ziv זִו, che è il secondo mese, che iniziò a edificare la casa del Signore.

  1. 3. Sheliyshiy שְׁלִישִׁי (terzo) (conosciuto nel moderno calendario ebraico come Sivan סִיוָן, che significa il dono della Torah.)

Divrei Hayamiym Ri'shon (1 Cronache) 27: 5
Il capo della terza divisione per il terzo שְׁלִישִׁי mese era Benaiah, figlio del sacerdote Jehoiada; egli era capo, e la sua divisione comprendeva ventiquattromila uomini.

Hadassah (Esther) 8:9
Allora, il ventitre del terzo שְׁלִישִׁי mese, che è il mese di Sivan, furono chiamati i segretari del re e, secondo tutto ciò che Mordecai aveva ordinato, fu scritto ai Giudei, ai satrapi, ai governatori e ai capi delle centoventisette province, dall'India all'Etiopia, a ogni provincia secondo la sua scrittura, a ogni popolo nella sua lingua, e ai Giudei secondo la loro scrittura e nella loro lingua.

  1. 4. Revi'iy רְבִיעִי (quarto) (noto nel moderno calendario ebraico come Tamuz תַּמּוּז, che significa il peccato di adorare falsi dei).

Divrei Hayamiym Ri'shon (1 Chronache) 27:7
Il quarto capo per il quarto רְבִיעִי mese era Asahel, fratello di Joab; dopo di lui veniva suo figlio Zebadiah; la sua divisione comprendeva ventiquattromila uomini.

  1. Chamiyshiy חֲמִישִׁי (quinto) (noto nel moderno calendario ebraico come Av אָב, che significa padre).

Melekiym Sheniy (2 Re) 25:8 
Il settimo giorno del quinto חֲמִישִׁי mese (era il diciannovesimo anno di Nebukadnetsar, re di Babilonia), giunse a Gerusalemme Nebuzaradan, capitano della guardia del corpo, servo del re di Babilonia.

  1. Shishshiy שִׁשִּׁי (Sesto) (noto nel moderno calendario ebraico come Elul אֱלוּל, che significa pentimento).

Divrei Hayamiym Ri'shon (1 Cronache) 27:9
Il sesto capo per il sesto שִׁשִּׁי mese era Ira, figlio di Ikkesh, il Tekoita; la sua divisione comprendeva ventiquattromila uomini.

Ezra v Nechemyahu (Neemia) 6:15 
Or le mura furono condotte a termine il venticinquesimo giorno del mese di Elul אֱלוּל, in cinquantadue giorni.

  1. 7. Ethanim איתנים (ruscelli che scorrono continuamente) (noto nel calendario ebraico moderno come Tishri).

Melekiym Ri'shon (1 Re) 8:2
Tutti gli uomini d'Israele si radunarono presso il re Salomone per la festa nel mese di Ethanim, che è il settimo איתנים mese.

  1. 8. Bul בּוּל (Produrre / pioggia) (noto nel moderno calendario ebraico come Kheshvan, che significa il diluvio di Noè - erroneamente).

Melekiym Rishon (1 Re) 6:38
l'undicesimo anno, nel mese di Bul, che è l'ottavo בּוּל mese, il tempio fu terminato in tutte le sue parti, in base a tutti i disegni dati. Così Salomone impiegò sette anni a costruirlo.

  1. 9. Teshiyiy תְּשִׁיעִי (nono) (noto nel moderno calendario ebraico come Khislev כִּסְלֵו, che significa sonno ristoratore).

Zakaryahu (Zaccaria) 7:1
Nel quarto anno del re Dario, il quarto giorno del nono תְּשִׁיעִי mese, che è Khislev, avvenne che la parola di Yahuah fu rivolta a Zaccaria.

  1. 10. Asiyriy עֲשִׂירִי (decimo) (noto nel moderno calendario ebraico come Tevet טֵבֵת, che significa grazia divina).

Divrei Hayamiym Ri'shon (1 Cronache) 27:13

Il decimo capo per il decimo עֲשִׂירִי mese era Maharai di Netofa, degli Zerahiti; la sua divisione comprendeva ventiquattromila uomini.

  1. 11. Asar ashtay עַשְׁתֵּי עֶשֶׂר (undicesimo) (noto nel moderno calendario ebraico come Shvat שְׁבָט, che significa albero della vita).

Divrei Hayamiym Ri'shon (1 Cronache) 27:14
L'undicesimo capo per l'undicesimo עַשְׁתֵּי עֶשֶׂר mese era Benaiah di Pirathon, dei figli di Efraim; la sua divisione comprendeva ventiquattromila uomini.

  1. 12. Asar Shenayim שְׁנַיִם עֶשֶׂר (dodicesimo) (noto nel moderno calendario ebraico come Adar אֲדָר, che significa forza).

Divrei Hayamiym Rishon (1 Cronache) 27:15
Il dodicesimo capo per il dodicesimo שְׁנַיִם עֶשֶׂר mese era Heldai di Netofa, della famiglia di Othniel; la sua divisione comprendeva ventiquattromila uomini.

Ezra v Nechemyahu (Ezra) 6:15
Il tempio fu ultimato il terzo giorno del mese di Adar אֲדָר, che era il sesto anno del regno di Dario.

  1. Asar shalosh שָׁלוֺשׁ עֶשֶׂר (tredicesimo) (noto nel moderno calendario ebraico come Adar Sheniy, che significa forza rinnovata).

Ora conosciamo i nomi dei mesi, ma non sappiamo come calcolare i giorni che iniziano il mese e non sappiamo come calcolare il giorno del primo mese. Questa è stata la domanda per un po 'di tempo, ma possiamo ora avere un suggerimento su come calcolare il primo giorno del mese, poiché il primo giorno in ebraico si chiama Rosh HaKhodesh החודש ראש, che significa anche Luna Nuova. Non è così conveniente?

C'è solo un verso che ci rivela quando viene calcolato il Rosh HaKhodesh, e questo è:

Tehilliym (Salmi) 81:3
Suonate lo  shofar alla nuova luna, alla luna nuova nel giorno della nostra festa.

C'è un dibattito tra la parola trovata qui, che è kehseh כֶּסֶא, che significa (a quanto pare) festa della luna, e la parola kahsah כָּסָה, la sua radice, che significa coprire, vestire, celare o nascondere.

E che dibattito è questo! Poiché c'è solo un giorno sacro che si svolge il primo giorno del mese, questo giorno è quindi esaltato da questo stesso verso come un  "giorno di festa solenne".

Vayiqra (Levitico) 23:24
«Parla ai figli d'Israele e di' loro: Nel settimo mese, il primo giorno del mese avrete un riposo solenne, una celebrazione festiva annunciata a suon di tromba, una santa convocazione.

Questo giorno è conosciuto come il giorno dello shofar (tromba) che suona, o Yom Teru`ah תְּרוּעָה. Guardando di nuovo il Salmo, scopriamo che uno shofar viene suonato alla luna nuova, nel nostro solenne giorno di festa; così sembra adattarsi.

Ma Yom Teru`ah non è un giorno di festa solenne; piuttosto è un miqra מִקְרָא, che significa un'assemblea pubblica; una convocazione. Le feste sono specificatamente indicate come la festa di Matza מַצָּה (pane azzimo), la festa di Shevua שָׁבוּעַ (settimane) e la festa di Sukkah סֻכָּה (tabernacoli) o Sukkoth al plurale.

Divrei Hayamiym Sheniy (2 Cronache) 8:13
e faceva ciò in base al numero richiesto ogni giorno, offrendoli secondo il comandamento di Mosè, negli sabbath, nei noviluni e nelle feste solenni, tre volte all'anno, e cioè, nella festa degli azzimi, nella festa delle settimane e nella festa delle capanne.

Qui, la scrittura distingue tra noviluni e feste solenni, ognuna delle quali è chiamata moed מוֹעֵד, che significa festa solenne e fissata. Ci sono tre feste solenni: Matza, Shevua e Sukkoth. Yom Teru`ah, d'altra parte, è un miqra.

Sembra, però, che Yom Teruah si sia evoluto fino a diventare un giorno di festa solenne, molto probabilmente come risultato di questo Salmo. Nel Giudaismo moderno, il giorno è ora dichiarato essere il nuovo anno, o Rosh Hashanah. Yom Teruah inizia il settimo mese, non il primo mese. Il primo mese è Aviv.

Tuttavia, questo Salmo rivela qualcosa di più. Quando alla parola kehseh כֶּסֶא viene dato il significato di coprire, vestire, nascondere o celare, lo shofar viene suonato con la luna nuova oscurata, rifacendosi al solenne giorno di festa che è Sukkoth.

Cos'è tutto questo frastuono sulla luna coperta? Il motivo per cui questo è così importante è perché questo verso indica che il primo giorno del mese inizia con la luna zero, non con l'avvistamento di una scheggia di luna. Questo fa sì che l'inizio del mese sia esattamente la stessa distanza dalla luna piena alla luna piena.

Allora come possiamo sapere il primo giorno dell'anno? Facile! Quando l'orzo è aviv (maturo per il raccolto), puoi dichiarare che il ciclo lunare è Aviv! Storicamente, questa è un'impresa impossibile, perché non eravamo lì per rendere conto di una testimonianza oculare. Pertanto, generalizziamo.

Il modo migliore per comprendere questa scoperta è posizionare la miqra di Bikoor (primizie) in un giorno successivo all'equinozio primaverile in Primavera e prima della luna zero che inizia il nuovo mese successivo all'equinozio di primavera. Semplice cosi.

Ora è tempo di capire il ciclo delle feste e delle assemblee designate, in modo che tu possa dare un senso ai tempi in questo libro. Questi sono descritti generalmente nel libro di Vayiqra (Levitico) capitolo 23. Per capire questi giorni, devi renderti conto che il giorno inizia al tramonto. Quindi, lo Shabbath, che è il settimo giorno (il sabato nell'accezione comune) inizia al tramonto del venerdì sera. L'ora che segue il tramonto, ma prima di andare a dormire, è chiamata erev עֶרֶב, quindi la sera dell'inizio del sabato è chiamata Erev Shabbath.

Ecco un grafico per una facile consultazione:

Pesach o Pasqua ebraica, il primo di questi moediym (appuntamenti) obbligatori, inizia nella nostra comprensione al tramonto del 13 ° giorno del mese. Questa sera sarebbe stata chiamata Erev Pesach, o la sera della Pasqua. Il giorno seguente durante la Pasqua ebraica, l'agnello senza macchia sarebbe stato macellato in preparazione per la solenne festa chiamata atsarah עֲצָרָה o chag חָג che dà inizio alla festa di Matza.

Matza continua per sette giorni, e durante il corso di questo chag, c'è necessariamente uno Shabbath (Sabbath) regolare. Il giorno dopo il Sabbath durante il Matza c'è un'assemblea designata chiamata Primizie o Bikoor, che celebra la raccolta dell'orzo e la fine della stagione del consumo di cibo immagazzinato. Questo è in parte il motivo per cui il lievito viene rimosso dalla casa come parte della pulizia della dispensa, se vuoi, in preparazione per una nuova stagione di crescita.

Sette settimane dopo la festa di Bikoor (primizie), o 50 giorni dopo lo Shabbath all'interno della festa di Matza, arriviamo al centro delle feste chiamate Shevua o Shevuoth (al plurale). Conosciuto come Pentecoste.

Ma’asiym (Atti) 2:1-4

Come giunse il giorno della Pentecoste, essi erano tutti riuniti con una sola mente nello stesso luogo. 2 E all'improvviso venne dal cielo un suono come di vento impetuoso che soffia, e riempì tutta la casa dove essi sedevano. 3 E apparvero loro delle lingue come di fuoco che si dividevano, e andarono a posarsi su ciascuno di loro. 4 Così furono tutti ripieni di Ruach Ha Kodesh e cominciarono a parlare in altre lingue, secondo che il Ruach dava loro di esprimersi.

Questo è il giorno in cui si adempì la profezia di Yochanan il battezzatore, quando disse quanto segue:

Yochanan (Giovanni) 1:33
Io non lo conoscevo, ma colui che mi mandò a battezzare con acqua mi disse: "Colui sul quale vedrai scendere il Ruach e fermarsi su di lui, è quello che battezza con il Ruach Ha Kodesh".

E, naturalmente, questo ha portato a compimento la realizzazione del Brit Chadasha (la rinnovata alleanza):

Ivriym (Ebrei) 8:8-10

8 Yahuah infatti, rimproverandoli, dice: «Ecco, vengono i giorni che io concluderò con la casa di Yashar'el e con la casa di Yahudah un nuovo patto,

9 non come il patto che feci con i loro padri, nel giorno che li presi per mano per condurli fuori dal paese di Egitto, perché essi non sono rimasti fedeli al mio patto, ed io li ho rigettati, dice Yahuah.

10 Questo dunque sarà il patto che farò con la casa di Yashar'el dopo quei giorni, dice il Yahuah, io porrò la mia Torah nella loro mente e le scriverò nei loro cuori; e sarò il loro Elohiym, ed essi saranno il mio popolo.

Da Shevua, procediamo al settimo mese, il primo giorno del mese, che è Yom (il giorno) Teruah (dell'esplosione del suono dello Shofar). Come spiegato sopra, questo è il giorno celebrato come Rosh Hashanah all'interno del Giudaismo. Il suono dello shofar in un modo particolare (un'esplosione di nove brevi note chiamate teruah) è un avvertimento a tutta la casa di Yashar'el che ci sono 10 giorni per preparare il cuore al pentimento davanti a Yahuah.

Dieci giorni dopo, il decimo giorno del settimo mese, viene onorato lo Yom (il giorno) Kippur (dell'Espiazione). La descrizione di questo giorno stabilito afferma che, nella tradizione Ebraica, il giorno inizia con il tramonto e continua fino al tramonto successivo. Il versetto sotto inizia con "il decimo giorno di questo settimo mese", ma termina con il comando che" nel nono giorno del mese alla sera (sera - cioè tramonto), da sera a sera. " Con questo passaggio puoi facilmente vedere che un giorno va dal tramonto al tramonto, anche se inizia il "nono" ed è contato come il "decimo".

Vayiqra (Levitico) 23:27-32
Anche il decimo giorno di questo settimo mese ci sarà un giorno di espiazione: sarà per voi una santa convocazione; e affliggerete le vostre anime, e offrirete un'offerta fatta mediante il fuoco a Yahuah. 28 E non farete alcun lavoro in quello stesso giorno: poiché è un giorno di espiazione, per fare un'espiazione per voi davanti a Yahuah, il vostro Elohiym. 29 Poiché qualsiasi anima che non sarà afflitta in quello stesso giorno, sarà stroncata di mezzo al suo popolo. 30 E qualunque anima sia che compia un'opera in quello stesso giorno, la stessa anima la distruggerò di mezzo al suo popolo. 31 Non farete alcun lavoro: sarà uno statuto per sempre di generazione in generazione in tutte le vostre dimore. 32 Sarà per voi uno Sahabbath di riposo, e voi affliggerete le vostre anime: il nono giorno del mese, alla sera, dalla sera alla sera, celebrerete il vostro Shabbath.

Infine, arriviamo a Sukkah, o Sukkoth (al plurale). Questa solenne festa inizia il quindicesimo giorno del settimo mese e continua per sette giorni, fino al 21. Tuttavia, fa parte della pratica celebrare l'ottavo giorno (il 22 del mese) il completamento della lettura della Torah.

Ecco il comando:

Vayiqra (Levitico) 23:34-42
Parla ai figli d'Israele, dicendo: Il quindicesimo giorno di questo settimo mese sarà la festa dei tabernacoli per sette giorni a Yahuah. 35 Il primo giorno ci sarà una santa convocazione: non vi farete opera servile. 36 Per sette giorni offrirete un'offerta fatta con il fuoco a Yahuah: l'ottavo giorno sarà per voi una santa convocazione; e offrirete un'offerta fatta con il fuoco a Yahuah: è un'assemblea solenne; e non vi farete alcuna opera servile. 37 Questi sono i tempi fissati di Yahuah, che proclamerete come sante convocazioni, per offrire un'offerta fatta mediante il fuoco a Yahuah, un offerta di fumo ascendente e un'offerta di carne, un sacrificio e libazioni, tutto nel suo giorno: 38 Oltre gli Shabbath di Yahuah, oltre ai tuoi doni, e oltre a tutti i tuoi voti, e oltre a tutte le tue offerte volontarie che date a Yahuah. 39 Anche il quindicesimo giorno del settimo mese, quando avrete raccolto i frutti del paese, celebrerete una festa per Yahuah sette giorni: il primo giorno sarà Shabbath e l'ottavo giorno sarà Shabbath . 40 E il primo giorno vi porterete i rami degli alberi belli, i rami delle palme, i rami degli alberi folti e i salici del ruscello; e vi rallegrerete davanti a Yahuah, il vostro Elohiym, per sette giorni. 41 E lo osserverete come festa per Yahuah sette giorni all'anno. Sarà uno statuto per sempre nelle vostre generazioni: lo celebrerete nel settimo mese. 42 Abiterete in capanne per sette giorni; tutti gli israeliti nati dimoreranno in capanne:

Oltre alle sette feste, ci sono anche sette digiuni. Quattro giorni di digiuno emergono dalle scritture esposte in Zakaryahu (Zaccaria) 8:19, che sono dichiarate per commemorare la distruzione sia del primo che del secondo tempio e dell'esilio della casa di Yahudah in Babilonia e oltre. Ci sono un totale di sette tzomot (digiuni) incluso il digiuno dichiarato per lo Yom Kippur.

Zakaryahu (Zaccaria) 8:19
Così dice Yahuah Tseva'oth; Il digiuno del quarto mese, il digiuno del quinto, il digiuno del settimo e il digiuno del decimo saranno per la casa di Yahuda gioia, letizia e allegri banchetti; perciò ama la verità e la pace.

Ta’anit Bikooriym. Questo è un digiuno del primogenito che viene osservato solo dai maschi primogeniti. Questo digiuno commerora la salvezza dalla decima piaga del primo nato in Egitto, sebbene in seguito alla distruzione del secondo tempio, piange anche la fine del sacerdozio levitico. Questo digiuno si osserva il giorno di Pesach (14 Aviv).

Tzom Revi’iy. Questo è un giorno di digiuno il 17 di Revi'iy (Tammuz), che commemora l'abbattimento del muro di Yerushaliym da parte di Nebu'chadnezzar e la rimozione del sacrificio del Tempio durante l'assedio di Tito nel 70 d.C. Questo è il digiuno del quarto mese.

Tisha B’Av. Il nono di Av (Chamishiy) è un famoso giorno di digiuno che commemora le tragedie degli Yahudiym. Il digiuno è noto come il digiuno del quinto mese ed è il secondo digiuno più importante nel mondo Yahudi. Alla vigilia del digiuno, è consuetudine mangiare un uovo bollito cosparso di cenere.

Tzom Gedaliah. Questo è il digiuno del settimo mese ed è un digiuno che si verifica immediatamente dopo la celebrazione di due giorni di Yom Teruah, che si verifica il primo giorno del settimo mese. Questo digiuno commemora l'assassinio di Gedaliah, il re che ha sostituito Sedechia, il sostituto di Yahoikim, l'ultimo re legittimo di Yahudah nella linea di Iesse (fino a Ha'Mashiach).

Yom Kippur. Il Giorno dell'Espiazione (il decimo giorno di Ethanim (Tishri)) è il giorno più riservato dell'anno. Questo è un giorno di digiuno e uno Shabbath, quindi nessun lavoro è consentito. Ecco il comando:

Vayiqra (Levitico) 16: 29-31
E questo sarà per voi uno statuto per sempre: che nel settimo mese, il decimo giorno del mese, affliggerete le vostre anime e non farete alcun lavoro, sia che si tratti di uno del vostro paese o di uno straniero che soggiorna in mezzo a voi: 30 Perché in quel giorno il sacerdote farà per voi un'espiazione, per purificarvi, affinché possiate essere purificati da tutti i vostri peccati davanti a Yahuah. 31 Sarà per voi un sabato di riposo e affliggerete le vostre anime, con uno statuto per sempre.

Esdra 8:21
Poi ho proclamato un digiuno lì, al fiume di Ahava, affinché potessimo affliggerci davanti al nostro Elohiym, per cercare da lui la via giusta per noi, per i nostri piccoli e per tutta la nostra sostanza.

Asarah B’Tevet. Il decimo giorno di Asiyriy (Tevet) è un giorno di digiuno che commemora la caduta di Yerushaliym. La preghiera, il Kaddish, viene ricevuta in questo giorno, e questo è indicato come il digiuno del decimo mese.

Ta’anit Esther. Il digiuno di Ester si osserva tre giorni prima di Purim, su Asar Shenayim (Adar) 11, ed è tradizionalmente un digiuno di tre giorni.

Lo Yom Qodesh da cui è tratto questo estratto, inizia le sue porzioni di Torah su Rosh Hashanah, il primo giorno di Aviv, nell'anno 5996 (2013) del Calendario Sacro, e continua per tutto l'anno 6000. Possa quel libro essere una benedizione per voi.

Suscríbete

RSS Suscríbete

Indirizzo E-mail

  • I am the א (Aleph) and the ת (Tav), the beginning and the ending, says Yahuah Elohiym, which is, and which was, and which is to come, Yahuah Tseva’oth.
    CHIZAYON (Revelation) 1:8
    Read More
  • For they shall behold the world which is now invisible to them and they shall behold the time which is now hidden from them: And time shall no longer age them.  
    BARUK SHENIY (2 Baruk) 51: 8-9
    Read More
  • Be ready to the reward of the Kingdom, for the everlasting light shall shine upon you forevermore.
    EZRA REVIY`IY (4 Ezra / 2 Esdras) 2:35
    Read More
  • Behold, I set before you this day a blessing and a curse; את eth-A blessing, if ye obey the command­ments of Yahuah Elohaykem, which I command you this day: And a curse, if ye will not obey the commandments of Yahuah Elohaykem, but turn aside out of the way which I command you this day, to go after other elohiym, which ye have not known. 
    DEVARIYM (Deuteronomy) 11:26-28
    Read More
  • For in six days Yahuah made את eth-the heavens and את eth-the earth, את eth-the sea, and את eth-all that in them is, and rested the seventh day: wherefore Yahuah blessed את eth-the day of Shabbath, and hallowed it.
    SHEMOTH (Exodus) 20:11
    Read More
  • In the beginning Elohiym created את eth the heavens and את eth the earth.
    BERE’SHIYTH (Genesis) 1:1
    Read More
  • How are you fallen from heaven, O Heylel, son of the howling morning! how are you cut down to the ground, which did weaken the nations!
    YESHA`YAHU (Isaiah) 14:12
    Read More
  • Behold, the days come, says Yahuah, that I will cut a Renewed Covenant with the את eth-house of Yashar'el, and with the את eth-house of Yahudah. 
    YIRMEYAHU (Jeremiah) 31:31
    Read More
  • In the beginning was the Word, and the Word was with את eth Elohiym, and Elohiym was the Word.
    BESORAH YOCHANON (Gospel of John) 1:1
    Read More
  • For Yah so loved את eth-the world, that he gave את eth-his את eth-yachiyd, that whosoever believes in him should not perish, but have everlasting life.
    BESORAH YOCHANON (Gospel of John) 3:16
    Read More
  • He that has my commandments, and guards them, he it is that loves me: and he that loves me shall be loved of my Father, and I will love him, and will manifest myself to him. 
    BESORAH YOCHANON (Gospel of John) 14:21
    Read More
  • These are the feasts of Yahuah, even holy assemblies, which ye shall proclaim in their appointed times.
    VAYIQRA (Leviticus) 23:4
    Read More
  • And she shall bring forth a son, and you shall call his name Yahusha: for he shall save his people from their sins.
    BESORAH MATTITHYAHU (Gospel of Matthew) 1:21
    Read More
  • Give us this day our daily את eth-bread. And forgive us our transgressions, as we forgive those who trans­gress against us. 
    BESORAH MATTITHYAHU (Gospel of Matthew) 6:11-12
    Read More
  • Yahuah bless you, and guard you: Yahuah make his face shine upon you, and be gracious unto you: Yahuah lift up his countenance upon you, and give you peace. 
    BEMIDBAR (Numbers) 6:24-26
    Read More
  • That at the name of Yahusha every knee should bow, of things in heaven, and things in earth, and things under the earth; And that every tongue should confess that Yahuah is Yahusha Ha'Mashiach, to the glory of Yah the Father.
    PHILIPPIYM (Philippians) 2:10-11
    Read More
  • YAHUAH is my Shep­herd; I shall not want. He makes me to lie down in green pastures: he leads me beside the still waters. 
    TEHILLIYM (Psalm) 23:1-2
    Read More
  • He that dwells in the secret place of El Elyon shall abide under the shadow of El Shaddai. I will say of Yahuah, He is my refuge and my fortress: my Elohiym; in him will I trust. 
    TEHILLIYM (Psalm) 91:1-2
    Read More
  • Here is wisdom. Let him that has understanding calculate the number of the beast: for it is the number of a man; and his number is χξς .
    CHIZAYON (Revelation) 13:18
    Read More
  • For I am persuaded, that neither death, nor life, nor angels, nor principalities, nor powers, nor things present, nor things to come, Nor height, nor depth, nor any other creature, shall be able to separate us from the love of Yah, which is in Yahusha Ha'Mashiach our Adonai.
    ROMAIYM (Romans) 8:38-39
    Read More
  • Though I speak with the tongues of men and of angels, and have not love, I am become as sounding brass, or a tinkling cymbal.
     QORINTIYM RI’SHON (I Corinthians) 13:13
    Read More
  • Make the attempt, then, O tyrant; and if you put us to death for our faith, think not that you harm us by torturing us. For we through this ill treatment and endurance shall bear off the rewards of virtue. But you, for the wicked and despotic slaughter of us, shall, from the divine vengeance, endure eternal torture by fire.
    MAKKABIYM REVIY`IY (4 Maccabees) 9:7-9
    Read More
  • And at that time shall Miyka’el stand up, the great prince which stands for the children of your people: and there shall be a time of trouble, such as never was since there was a nation even to that same time: and at that time your people shall be delivered, everyone that shall be found written in the cepher.
    DANIY'EL (Daniel) 9-12
    Read More
  • A great destruction therefore shall come upon all the earth; a deluge, a great destruction, shall take place in one year. This child which is born to your son shall survive on the earth, and his three sons shall be saved with him. When all mankind who are on the earth shall die, he shall be safe.
    CHANOK (Enoch) 105: 14-15
    Read More
  • And it shall come to pass afterward, that I will pour out את eth-my Ruach upon all flesh; and your sons and your daughters shall prophesy, your old men shall dream dreams, your young men shall see visions.
    YO’EL (Joel) 2:28
    Read More