×

Italian Blog

Blog: Italian Blog

< Ritornare Alla

La Regalità di Yahusha Ha'Mashiach

Autore: Pietro Nencioni / 10.4.2020

 

Yochanon (Giovanni) 3: 16-21
Poiché Elohiym ha tanto amato (אהב ahav) il mondo (תֵּבֵל tebel), che ha dato il suo unigenito Figlio (יָחִיד את, eth yachiyd), affinché chiunque crede in lui non muoia, ma abbia la vita eterna (עוֹלָם חַי chay olam). 17 Poiché Elohiym non ha mandato suo Figlio nel mondo per condannare il mondo; ma che il mondo attraverso di lui potesse essere salvato. 18 Chi crede in lui non è condannato, ma chi non crede è già condannato, perché non ha creduto nel nome dell'unigenito Figlio (יָחִיד בֵּן, ben yachiyd) di Elohiym. 19 E questa è la condanna, che la luce (אוֺר 'owr) è venuta nel mondo, e gli uomini hanno amato (אהב ahav) le tenebre piuttosto che la luce (אוֺר' owr), perché le loro azioni erano malvagie. 20 Poiché chiunque fa il male odia la luce (אוֺר 'owr) né viene alla luce, per timore che le sue azioni siano rimproverate. 21 Ma colui che pratica la verità (אמת emet) viene alla luce (אוֺר 'owr), affinché le sue azioni possano essere manifestate, affinché siano compiute in Elohiym.

La difficoltà in questa interpretazione ha a che fare con il significato della frase Figlio "unigenito". Questo termine "unigenito" è tradotto dal termine greco μονογενης monogenes (mon-og-en-ace '), che significa solo nato, cioè unico: - solo (generato, figlio). È facile vedere in questo termine mono - genes, cioè un'unica fonte genetica. Tuttavia, anche monogenes non raggiunge la descrittività della frase ebraica ben yachiyd, o anche eth yachiyd.

Ritengo che l'interpretazione che usa "unigenito" come l'equivalente inglese di monogenes sia un'interpretazione accurata; tuttavia, non trasmette la profondità dell'ebraico, a causa di alcuni dei seguenti problemi. Ad esempio, c'è un riferimento scritturale che indica che ci sono molti figli dell'Elohiym vivente.

Husha (Osea) 1:10
Tuttavia il numero dei figli di Yashar'el sarà come la sabbia del mare, che non può essere misurata né numerata; e avverrà che nel luogo dove fu detto loro: Voi non siete il mio popolo, là si dirà loro: Voi siete i figli dell'Elohiym vivente.

Inoltre, i Salmi fanno un riferimento simile:

Tehilliym (Salmi) 82: 6
Ho detto, voi siete dei; e tutti voi siete figli di El Elyon.

Se ci sono molti figli dell'Elohiym vivente e figli di El Elyon, com'è che Yahusha è "unigenito"? Siamo chiamati ad accettare questo descrittivo come completo e siamo essenzialmente istruiti a risolvere gli aspetti conflittuali di questa interpretazione nella nostra immaginazione concludendo che la frase "unigenito" significa qualcosa di più di "unigenito".

Quando guardiamo la frase ebraica per questa condizione, ne abbiamo una prefigurazione con Avraham e suo figlio Yitschaq, dove appare per la prima volta la parola yachiyd.

Bere'shiyth (Genesi) 22: 2
E disse אָמַר, prendi ora לָקַח tuo figlio בֵּן (ben), il tuo יָחִיד (yachiyd) figlio Yitschaq יִצְחָק, che ami אָהַב, e portati יָלַךְ nel paese אֶרֶץ di Moriah מוֹרִיָּה; e offrilo עָלָה come olocausto עֹלָה su un אֶחָד dei monti הַר di cui ti dirò אָמַר.

"Prendi ora tuo figlio" è interpretato dalla parola ebraica "ben" che è tradotta tipicamente come "figlio"; tuttavia, quando si arriva alla frase successiva, "tuo figlio Yitschaq", la parola non è "ben" ma "yachiyd". Ah, davvero importante, poiché Yitschaq non era l '"unigenito" figlio di Abrahamo - non ricordi Ismaele? Tuttavia, Ishmael era il figlio della schiavitù, essendo nato da una donna sotto schiavitù, ma Yitschaq era il figlio della promessa. In questo caso, però, è molto di più, perché lui è yachiyd.

Nel mondo del diritto comune, Yitschaq sarebbe conosciuto come il primogenitore - il primo in linea ad ereditare, che potrebbe poi prestare a una traduzione di "primogenito". Ma nel caso di Yitschaq, anche questo non era vero. No, lo yachiyd è la prima divisione dell'anima; il primo discendente del DNA iniziale. Quindi, "unigenito" è vero e accurato, ma l'Ebraico "yachiyd" è più accurato.

Ora considera che in Yochanon 3:16, nel Brit Chadasha, non è solo la parola yachiyd ad essere designata, ma את eth yachiyd! Yahuah ahava haaretz, asher natan eth yachiyd!

Come ho scritto prima, il lignaggio è tracciato in due modi diversi secondo la tradizione Ebraica: il lignaggio dello Yahudiym è stabilito attraverso la linea di sangue della madre, sebbene la madre possa tracciare la sua linea di sangue da sua madre o da suo padre come stabilito a Mattithyahu . I Leviym, tuttavia, fanno risalire il loro lignaggio attraverso il padre direttamente da Leviy. I Koheniym fanno risalire la loro discendenza attraverso i loro padri direttamente da Aharon. Tuttavia, in entrambi i casi, la genealogia di Ha'Mashiach è rintracciata attraverso Perets fino a Yahudah (Mattithyahu 1: 3; Luqas 3:33), il che significa che Ha'Mashiach traccia la sua discendenza dai figli di Perets, conosciuti nel mondo moderno come Ashkenaziym ( simboleggiato dal Leone d'Oro), rispetto ai figli di Zarech, conosciuti nel mondo moderno come Sephardiym (simboleggiati dal Leone Rosso).

Sebbene Yoceph sia nella linea di Yahudah, la casa di Perets, e un discendente diretto di David, il regno è passato attraverso Shalomah, e il lignaggio di Yoceph differisce dal lignaggio di Miryam da quella generazione, essendo un discendente di Nathan piuttosto che di Shalomah. Miryam traccia il suo lignaggio, tuttavia, da Shalomah, da Uzziyah, da Yoshiyah e da Yahoyakin (Jahoiachin) (Mattithyahu 1:14). In breve, Yahusha era l'erede destinato al regno degli Yahudiym sotto la linea di sangue di sua madre Miryam.

Mattithyahu (Matteo) 1: 12-17
E dopo che furono portati a Babilonia, (14) Yahoyakin generò (1) She’altiyel; e She'altiy'el generò Zerubbavel; 13 E (2) Zerubbavel generò Aviyhud; e (3) Aviyhud generò Elyaqiym; e (4) Elyaqiym generò Azzur; 14 E (5) Azzur generò Tsadoq; e (6) Tsadoq generò Yoqiym; e (7) Yoqiym generò El’ayil; 15 E (8) El'ayil generò El'azar; e (9) El`azar generò Matthan; e (10) Matthan generò Ya'aqov; 16 E (11) Ya'aqov generò (12) Yoceph il padre di (13) Miryam, da cui nacque (14) Yahusha, chiamato Mashiach. 17 Così tutte le generazioni da Abramo a Davide sono quattordici generazioni; e da Davide fino al trasferimento in Babilonia ci sono quattordici generazioni; e dal trasferimento in Babilonia ad Ha'Mashiach sono quattordici generazioni.

La divinità di Ha'Mashiach è confermata senza la corruzione della linea di sangue nella concezione divina, poiché il sangue non è corrotto in alcun modo ed è derivato esclusivamente da una fonte divina; quindi la redenzione della regalità era possibile solo nella divinità di Ha'Mashiach.

Sotto questo lignaggio, Yahusha Ha'Mashiach salì giustamente al trono degli Yahudiym sotto la legge delle nazioni. Sebbene l'ascesa di Zerubbavel per restaurare il tempio di Yerushaliym fosse annunciata come gli atti di un messiah, Yahudiah non fu restaurata come nazione autonoma fino all'ascesa dei Benyamiym sotto Yahudah Makkaby (Giuda il martello). Il tempio fu nuovamente ridedicato e l'autonomia di Yahudiah (non Israele) fu restaurata per diverse generazioni, ma mai sotto il regno di un discendente di Davide, per cadere ancora una volta sotto la supremazia politica della Roma emergente, che pose Erode, un figlio Edomita di Esaù, al timone della giurisdizione politica chiamata Giudea (Yahudiah) sotto Roma al momento dell'arrivo di Ha'Mashiach.

Allo stesso modo in cui il regno di Yahudiym fu chiamato a obbedire agli editti degli eserciti occupanti di Babilonia, o Persia - ed è stato dall'editto di Ciro, riadattato da Dario che diede il permesso per il ritorno di Yahudiym a Yerushaliym per ricostruire il tempio. (Allo stesso modo, è la risoluzione delle Nazioni Unite S-181 che ha creato l'editto per ricostruire Yerushaliym nell'era moderna.)

Consideriamo ora la presentazione di Yahusha Ha'Mashiach al momento della sua morte.

Yochanon (Giovanni) 19: 13-20
Quando quindi Pilato udì questo detto, portò fuori Yahusha e si sedette sul seggio del giudizio in un luogo che è chiamato Selciato, ma nell'Ivriyt, Gabbatha. 14 Ed era la preparazione della Pecach, e verso l'ora sesta: e disse agli Yahudiym: Ecco il vostro re! 15 Ma essi gridarono: Via con lui, via con lui, crocifiggilo. Pilato disse loro: Crocifiggerò il vostro re? I capi dei sacerdoti risposero: Non abbiamo altro re all'infuori di Cesare. 16 Allora lo consegnò loro perché fosse crocifisso. E presero Yahusha e lo portarono via. 17 E portò la sua croce in un luogo chiamato il luogo del teschio, che è chiamato nell'Ivriyt Gulgoleth: 18 dove lo crocifissero, e altri due con lui, su entrambi i lati, e Yahusha in mezzo. 19 E Pilato scrisse un titolo e lo mise sulla croce. E la scritta era: YAHUSHA OF NATSARIYTH IL RE DEGLI YAHUDIYM. 20 Questo titolo quindi fu letto da molti Yahudiym: poiché il luogo in cui Yahusha fu crocifisso era vicino alla città: ed era scritto in Ivriyt, Yavaniy e in Latino.

יהושע

הנצארי

ומלק

היהודים

Yahusha HaNetzeri v’Malek H’Yahudiym

Ovviamente, questo è diventato problematico quando l'acronimo יהוה è stato rivelato in questa incoronazione. In questo passaggio, espresso dal testimone oculare Yochanon, Yahusha viene presentato per primo alla guida degli Yahudiym, da Pilato dicendo: “Ecco! Il vostro re! " Dopo la sua presentazione sotto l'autorità di Roma, e prima della sua morte, viene proclamato per iscritto nelle tre lingue ufficiali dell'Impero che Yahusha era il re degli Yahudiym. Questo, quindi, divenne una realtà come una questione di diritto Romano, ed era quindi vincolante per tutta la terra. Il trono di Davide fu quindi ripristinato sul regno di Yahudah, ma senza la corruzione della linea di sangue. Ancora più importante per noi che accettiamo Ha'Mashiach come il ben Elohiym, al momento della sua morte fu proclamato Yahusha Yahuah.

Ora, considera che la frase in ebraico riflette anche che oltre ad essere quello di Nazareth (Netzeroth - la città dei rami), è anche dichiarato essere il ramo - HaNetzeri.

Yesha`yahu (Isaia) 60:21
Anche il tuo popolo sarà giusto: erediterà la terra per sempre, il ramo (ha'netzer) della mia semina, l'opera delle mie mani, affinché io possa essere glorificato.

Yirmeyahu (Geremia) 23: 5
Ecco, i giorni vengono, dice Yahuah, che innalzerò a Davide un ramo giusto (tzemach tzadik), e un Re regnerà e prospererà, ed eseguirà il giudizio (mishpat) e la giustizia (tzedakah) sulla terra.

Yirmeyahu (Geremia) 33:15
In quei giorni, e in quel tempo, farò crescere il Ramo della giustizia fino a Davide; ed eseguirà il giudizio (mishpat) e la giustizia (tzedekah) nel paese.

Zakaryahu (Zaccaria) 3: 8
Ascolta ora, O Yahusha il sommo sacerdote, tu ei tuoi compagni che siedono davanti a te: perché sono uomini meravigliati: perché, ecco, io farò uscire il mio servitore, il RAMO.

Zakaryahu (Zaccaria) 6:12
E parlagli, dicendo: Così parla Yahuah Tseva'oth, dicendo: Ecco l'uomo il cui nome è IL RAMO; ed egli crescerà dal suo posto, e costruirà il tempio di Yahuah:

Yahusha Ha'Mashiach- il RAMO; il re debitamente ordinato e legittimo degli Yahudiym (malek hamelekiym); non c' n'è mai stato un altro dalla sua incoronazione.

Suscríbete

RSS Suscríbete

Indirizzo E-mail

  • I am the א (Aleph) and the ת (Tav), the beginning and the ending, says Yahuah Elohiym, which is, and which was, and which is to come, Yahuah Tseva’oth.
    CHIZAYON (Revelation) 1:8
    Read More
  • For they shall behold the world which is now invisible to them and they shall behold the time which is now hidden from them: And time shall no longer age them.  
    BARUK SHENIY (2 Baruk) 51: 8-9
    Read More
  • Be ready to the reward of the Kingdom, for the everlasting light shall shine upon you forevermore.
    EZRA REVIY`IY (4 Ezra / 2 Esdras) 2:35
    Read More
  • Behold, I set before you this day a blessing and a curse; את eth-A blessing, if ye obey the command­ments of Yahuah Elohaykem, which I command you this day: And a curse, if ye will not obey the commandments of Yahuah Elohaykem, but turn aside out of the way which I command you this day, to go after other elohiym, which ye have not known. 
    DEVARIYM (Deuteronomy) 11:26-28
    Read More
  • For in six days Yahuah made את eth-the heavens and את eth-the earth, את eth-the sea, and את eth-all that in them is, and rested the seventh day: wherefore Yahuah blessed את eth-the day of Shabbath, and hallowed it.
    SHEMOTH (Exodus) 20:11
    Read More
  • In the beginning Elohiym created את eth the heavens and את eth the earth.
    BERE’SHIYTH (Genesis) 1:1
    Read More
  • How are you fallen from heaven, O Heylel, son of the howling morning! how are you cut down to the ground, which did weaken the nations!
    YESHA`YAHU (Isaiah) 14:12
    Read More
  • Behold, the days come, says Yahuah, that I will cut a Renewed Covenant with the את eth-house of Yashar'el, and with the את eth-house of Yahudah. 
    YIRMEYAHU (Jeremiah) 31:31
    Read More
  • In the beginning was the Word, and the Word was with את eth Elohiym, and Elohiym was the Word.
    BESORAH YOCHANON (Gospel of John) 1:1
    Read More
  • For Yah so loved את eth-the world, that he gave את eth-his את eth-yachiyd, that whosoever believes in him should not perish, but have everlasting life.
    BESORAH YOCHANON (Gospel of John) 3:16
    Read More
  • He that has my commandments, and guards them, he it is that loves me: and he that loves me shall be loved of my Father, and I will love him, and will manifest myself to him. 
    BESORAH YOCHANON (Gospel of John) 14:21
    Read More
  • These are the feasts of Yahuah, even holy assemblies, which ye shall proclaim in their appointed times.
    VAYIQRA (Leviticus) 23:4
    Read More
  • And she shall bring forth a son, and you shall call his name Yahusha: for he shall save his people from their sins.
    BESORAH MATTITHYAHU (Gospel of Matthew) 1:21
    Read More
  • Give us this day our daily את eth-bread. And forgive us our transgressions, as we forgive those who trans­gress against us. 
    BESORAH MATTITHYAHU (Gospel of Matthew) 6:11-12
    Read More
  • Yahuah bless you, and guard you: Yahuah make his face shine upon you, and be gracious unto you: Yahuah lift up his countenance upon you, and give you peace. 
    BEMIDBAR (Numbers) 6:24-26
    Read More
  • That at the name of Yahusha every knee should bow, of things in heaven, and things in earth, and things under the earth; And that every tongue should confess that Yahuah is Yahusha Ha'Mashiach, to the glory of Yah the Father.
    PHILIPPIYM (Philippians) 2:10-11
    Read More
  • YAHUAH is my Shep­herd; I shall not want. He makes me to lie down in green pastures: he leads me beside the still waters. 
    TEHILLIYM (Psalm) 23:1-2
    Read More
  • He that dwells in the secret place of El Elyon shall abide under the shadow of El Shaddai. I will say of Yahuah, He is my refuge and my fortress: my Elohiym; in him will I trust. 
    TEHILLIYM (Psalm) 91:1-2
    Read More
  • Here is wisdom. Let him that has understanding calculate the number of the beast: for it is the number of a man; and his number is χξς .
    CHIZAYON (Revelation) 13:18
    Read More
  • For I am persuaded, that neither death, nor life, nor angels, nor principalities, nor powers, nor things present, nor things to come, Nor height, nor depth, nor any other creature, shall be able to separate us from the love of Yah, which is in Yahusha Ha'Mashiach our Adonai.
    ROMAIYM (Romans) 8:38-39
    Read More
  • Though I speak with the tongues of men and of angels, and have not love, I am become as sounding brass, or a tinkling cymbal.
     QORINTIYM RI’SHON (I Corinthians) 13:13
    Read More
  • Make the attempt, then, O tyrant; and if you put us to death for our faith, think not that you harm us by torturing us. For we through this ill treatment and endurance shall bear off the rewards of virtue. But you, for the wicked and despotic slaughter of us, shall, from the divine vengeance, endure eternal torture by fire.
    MAKKABIYM REVIY`IY (4 Maccabees) 9:7-9
    Read More
  • And at that time shall Miyka’el stand up, the great prince which stands for the children of your people: and there shall be a time of trouble, such as never was since there was a nation even to that same time: and at that time your people shall be delivered, everyone that shall be found written in the cepher.
    DANIY'EL (Daniel) 9-12
    Read More
  • A great destruction therefore shall come upon all the earth; a deluge, a great destruction, shall take place in one year. This child which is born to your son shall survive on the earth, and his three sons shall be saved with him. When all mankind who are on the earth shall die, he shall be safe.
    CHANOK (Enoch) 105: 14-15
    Read More
  • And it shall come to pass afterward, that I will pour out את eth-my Ruach upon all flesh; and your sons and your daughters shall prophesy, your old men shall dream dreams, your young men shall see visions.
    YO’EL (Joel) 2:28
    Read More