Italian Blog

Blog: Italian Blog

< Ritornare Alla

I Draghi e i Gufi nella Scrittura

Autore: Pietro Nencioni / 9.9.2020

 

Uno dei grandi errori di traduzione che si trovano nelle comuni interpretazioni italiane delle scritture include la definizione della parola Ivriyt tanniyn (תַּנִּין) (Strong's H8577) o tannîym (תַּנִּים); (Ez 29: 3), l'intensivo dallo stesso di strong H8565; che significa un mostro marino o terrestre, cioè serpente marino o sciacallo: un drago, un mostro marino, un serpente, una balena.

Naturalmente, mentre discutiamo l'interpretazione comune che si trova in Italiano, spesso vediamo alternative usate per descrivere la parola tanniyn. Guardiamo.

Bere’shiyth (Genesi) 1:21
E Elohiym creò את grandi mostri marini (draghi), e את ogni creatura vivente che si muove, che le acque produssero in abbondanza, secondo la loro specie, e את ogni uccello alato secondo la sua specie: ed Elohiym vide che era buono .

Questa è un'affermazione esplicita che i tanniyn erano dei grandi draghi. I mostri marini non è il termine appropriato per la discussione, secondo me.

Qualcuno potrebbe dire: Oh, questa è un'altra discussione sul Leviatano, il grande mostro marino. Ma lo è?

Yesha`yahu (Isaia) 27:1
IN quel giorno Yahuah con la sua spada dura, grande e forte punirà il Leviathan, il serpente penetrante, il Leviathan, il serpente tortuoso; ed egli ucciderà את, il dragone che è nel mare.

Sembra che abbiamo un'entità separata; abbiamo Leviathan, il serpente penetrante e tortuoso e anche il drago. Abbiamo visto nessuna di queste entità? Non ci sono avvistamenti credibili nella modernità. Dobbiamo quindi concludere che o tali entità non sono mai esistite ed erano semplicemente creature mitiche dell'immaginazione di Mosheh (e di Yesha`yahu e di Yechezq'el), o tali creature esistevano e semplicemente non esistono più (sebbene almeno del Leviathan ne sia profetizzato il ritorno) .

Nei prossimi due passaggi, vediamo che ancora una volta le comuni traduzioni fraintendono la parola equiparando il tanniyn al serpente:

Shemoth (Esodo) 7: 8-9
E Yahuah parlò a El-Mosheh e ad El-Aharon, dicendo: 9 Quando Faraone ti parlerà, dicendo: Mostra un miracolo da te: allora dirai a El-Aharon: Prendi את, la tua verga, e gettalo davanti a Phar`oh, e diventerà un serpente (tanniyn).

Shemoth (Esodo) 7: 11-13
Allora Faraone chiamò anche i saggi e gli stregoni: ora anche i maghi di Mitsrayim fecero lo stesso con i loro incantesimi. 12 Poiché gettarono ciascuno la sua verga, e divennero serpenti (draghi): ma la verga di Aharon inghiottì את le loro verghe. 13 E indurì il cuore di Faraone, cosicché non diede loro ascolto; come aveva detto Yahuah.

Prima di continuare con questa discussione, consideriamo che inizialmente Yahuah diede a Mosheh una verga che divenne un serpente, non un drago!

Shemoth (Esodo) 4: 1-5
E Mosheh rispose e disse: Ma, ecco, non mi crederanno, né daranno ascolto alla mia voce: poiché diranno: Yahuah non ti è apparso. 2 E Yahuah gli disse: Che cos'è quello che hai in mano? E lui disse: Una verga. 3 E lui disse: Gettalo per terra. E lo gettò a terra, e divenne un serpente (nachash); e Mosheh fuggì davanti ad esso. 4 E Yahuah disse a Mosheh: Stendi la tua mano e prendilo per la coda. E stese la mano e l'afferrò, e divenne una verga nella sua mano: 5 affinché credessero che Yahuah Elohai dei loro padri, l'Elohai di Avraham, l'Elohai di Yitschaq e l'Elohai di Ya'aqov, ti è apparso.

Mentre consideriamo ulteriormente l'uso della parola tanniyn, vediamo l'arrivo della parola drago nella sua interpretazione.

Devariym (Deuteronomio) 32:33
Il loro vino è il veleno dei draghi e il crudele veleno degli aspidi.

Non solo ora possiamo determinare che i draghi compaiono effettivamente nelle Scritture, ma anche che portavano con sé del veleno.

Considera questo animale che si chiama drago:

I draghi di Komodo mangiano membri più piccoli della loro stessa specie e talvolta anche altri adulti. Possono correre rapidamente e occasionalmente attaccare e uccidere esseri umani. La carogna, tuttavia, è il loro principale alimento, anche se comunemente aspettano lungo i sentieri di caccia per tendere imboscate a maiali, cervi e bovini. Raramente hanno bisogno di catturare direttamente prede vive, poiché il loro morso velenoso trasporta tossine che inibiscono la coagulazione del sangue. Si pensa che le loro vittime siano sotto shock per la rapida perdita di sangue. Alcuni erpetologi notano che anche il trauma fisico del morso e l'introduzione di batteri dalla bocca del drago di Komodo alla ferita giocano un ruolo nel rallentare l'uccisione della preda. I draghi di Komodo spesso trovano la loro preda in procinto di morire o subito dopo la morte.

Encyclopaedia Britannica, update October 3, 2019

https://www.britannica.com/animal/Komodo-dragon

Tuttavia, spesso vediamo animazioni, in cui gli animali o le specie sono usati come metafore per cose politiche. Ad esempio, potremmo discutere di poteri politici; cioè quelli i cui poteri si sarebbero rappresentati  come draghi.

Quando discutono del drago, descrivono metaforicamente una classe politica? Se è così, ci sono dinastie politiche che tradizionalmente si sono denotate con il simbolo del drago?

Yesha'yahu (Isaia) 13: 19-22
E Babele, la gloria dei regni, la bellezza dell'eccellenza del Kasdiym, sarà come quando Elohiym rovesciò את Cedom e את Amorah. 20 Non sarà mai abitata, né sarà abitata di generazione in generazione: né l'Araviy vi pianterà la tenda; né i pastori vi faranno il loro ovile. 21 Ma là giaceranno le bestie selvagge del deserto; e le loro case saranno piene di creature dolenti; e là abiteranno gufi e là danzeranno satiri. 22 E le bestie selvagge delle isole grideranno nelle loro case desolate e i draghi nei loro piacevoli palazzi: e la sua ora è vicina e i suoi giorni non saranno prolungati.

Vediamo qui qualcosa da cui si può dedurre poteri politici, persino nazioni o regni.

Ad esempio, quando parliamo di bestie selvagge qui, potremmo trovare la frase nell'Ivriyt come (אֶת־חַיַּת הַשָּׂדֶה) (eth chayoth hsadeh), che significa fauna selvatica. Vedere Vayiqra (Levitico) 26:22. Quello che troviamo invece in questo passaggio in Yesha`yahu è questa parola tzee (צִיִּי), che in realtà significa nomade o abitante del deserto, ma qui è tradotta come le bestie selvagge delle isole.

Considera i Pitti. Contrariamente all'opinione comune, i Pitti non erano gaelici o celtici. Per i madrelingua Gaelici che erano arrivati in Irlanda, i Pitti di quella che chiamavano Alba (Scozia) erano conosciuti come Cruithne, che si traduce come `` coltivatori di grano '', e anche quel nome si trovava in uso in Irlanda in quel è tempo per descrivere i no- Gaelici. La loro terra era conosciuta come Cruithentuath. I Cruithne avevano popolato l'Irlanda prima dell'arrivo in Hibernia dei Gaeli dall'Iberia.

Nella cronaca Irlandese, il Libro di Lecain, è scritto che da Noè venne Iafet e poi padre dopo figlio, Fathecht, Mais, Buain, Agnoin, Partilan, Luchtai, Cinge e Cruithne - che egli stesso generò i sette figli, Cait, Ce, Cirig, Fib, Fidach, Fotla e Fortrem, ciascuno dei quali erano re delle sette province, o Regni, di Cruithentuath.

Racconti dal libro di Lecain e di Strabo

Secondo questa fonte, gli antichi Pitti erano di origine Yaphethiy (Jafet), le tribù del nord. Infatti, lo storico greco Strabo, scrivendo nel I secolo d.C., affermò che i Pitti o Kaltis erano stati spostati in Scozia dalle terre celtiche della Gallia, che chiamò 'Galati', * dai Samaritani, i cui soldati avevano invaso da oltre il fiume Reno e dalle montagne che ora fanno parte della Svizzera. Infatti, racconta al lettore che erano arrivati in 'Celtae Galatea' dall'Asia Minore, dove erano conosciuti come Kaldees o Galati dalla Galazia, l'area che era formalmente le terra su cui gli Ittiti avevano costruito la loro capitale Hattusa.

I Kaldees, spesso indicati nelle comuni scritture come Caldei, sono identificati nell' Eth Cepher come Kasdiym.

Kasdiy (כַּשְׂדִּי) (Strong's H3778). (occasionalmente con enclitico כַּשְׂדִּימָה Kasdîymâh; verso i Kasditi in Caldea), patronimicamente da H3777 (solo al plurale); un Kasdite, o discendente di Kesed; implicitamente, un Caldeo (cosi come discendente); anche un astrologo (come proverbiale di quel popolo: - Caldei, abitanti della Caldea).

Questi astrologi avrebbero avuto un grande effetto in tutto il mondo antico e sarebbero diventati i progenitori dei magi, i cui capi intellettuali potrebbero essere stati responsabili della fondazione sia del Taoismo che del Buddismo.

Tuttavia, la nostra ricerca indica l'origine di queste persone come la famiglia di Avram che non ha lasciato la terra di Ur e il luogo di Haran.

Bere’shiyth (Genesi) 11: 27-32
Ora queste sono le generazioni di Terach: Terach generò את Avram, את Nachor e את Haran; e Haran generò את Lot. 28 E Haran morì prima di  suo padre Terach nella terra della sua natività, a Ur dei Kasdiym. 29 E Avram e Nachor presero loro donne: il nome della donna di Avram era Sarai; e il nome della donna di Nachor, Milkah, figlia di Haran, padre di Milkah e padre di

Yickah. 30 Ma Sarai era sterile; non aveva figli. 31 E Terach prese suo figlio את Avram, e את Lot figlio di Haran figlio di suo figlio, e את Sarai sua nuora, la donna di suo figlio Avram; e partirono con loro da Ur dei Kasdiym, per andare nel paese di Kena`an; e vennero ad Haran e vi dimorarono. 32 I giorni di Terach furono duecentocinque anni e Terach morì ad Haran.

Poiché consideriamo il lignaggio dei Kasdiym (Caldei), diamo uno sguardo ulteriore a Nachor, il fratello di Avram, entrambi figli di Terach:

Bere’shiyth (Genesi) 22: 20-24
E dopo queste cose avvenne che fu detto ad Avraham, dicendo: Tieni, Milkah, anche lei ha dato alla luce dei figli a tuo fratello Nachor; 21 את Huz suo primogenito, את Buz suo fratello, e את Qemu'el padre di Aram, 22 E את Kesed, e את Chazo, e את Pildash e את Yidlaph e את Bethu'el. 23 E Betu'el generò את Rivqah: questi otto Milkah partorí a Nachor, fratello di Avraham. 24 E la sua concubina, il cui nome era Re'umah, partorí anche את Tevah, את Gaham, את Thahash e את Ma`akah.

Ora, diamo un'occhiata a quel lignaggio da cui provengono i Kasdiym (Caldei):

 

Mentre guardiamo a questo lignaggio, per prima cosa vediamo uno dei figli di Nachor e Milkah essere Kesed, il padre identificato dei Kasdiym (Kesediym). Vediamo anche uno dei figli di Nachor e la sua concubina Re'umah essere Ma'akah. È questo il padre dei Ma'akabiym (Maccabei)?

Tuttavia, qui abbiamo un forte legame tra i discendenti di Nachor, il cui figlio Bethu'el avrebbe generato una figlia di nome Rivqah (Rebekah) che avrebbe sposato Yitschaq e sarebbe stata madre sia di Esaù che di Ya'aqov, favorendo Ya'aqov rispetto Esaù - Ya'aqov sarebbe poi diventato padre di dodici patriarchi delle tribù di Yashar'el.

Yesha`yahu (Isaia) 13: 19-22
E Babele, la gloria dei regni, la bellezza dell'eccellenza dei Kasdiym, sarà come quando Elohiym rovesciò את Cedom e את Amorah. 20 Non sarà mai abitata, né sarà abitata di generazione in generazione: né l'Araviy vi pianterà la tenda; né i pastori vi faranno il loro ovile. 21 Ma là giaceranno le bestie selvagge del deserto; e le loro case saranno piene di creature dolenti; e là dimoreranno gufi e là danzeranno satiri. 22 E le bestie selvagge (nomadi) delle isole grideranno nelle loro case desolate e i draghi nei loro piacevoli palazzi: e il suo tempo è vicino e i suoi giorni non saranno prolungati.

Abbiamo alcune scelte quando si tratta di "isole": ovviamente, ci sono le isole della Grecia:

Tuttavia, è anche possibile che questa discussione riguardi un altro gruppo di isole dove si potrebbero trovare le bestie selvagge (nomadi):

Yesha`yahu (Isaia) 13: 19-22
E Babele, la gloria dei regni, la bellezza dell'eccellenza dei Kasdiym, sarà come quando Elohiym rovesciò את Cedom e את Amorah. 20 Non sarà mai abitata, né sarà abitata di generazione in generazione: né l'Araviy vi pianterà la tenda; né i pastori vi faranno il loro ovile. 21 Ma là giaceranno le bestie selvagge del deserto; e le loro case saranno piene di creature dolenti; e là dimoreranno gufi e là danzeranno satiri. 22 E le bestie selvagge (nomadi) delle isole grideranno nelle loro case desolate e i draghi nei loro piacevoli palazzi: e il suo tempo è vicino e i suoi giorni non saranno prolungati.

Ora vediamo in questo stesso brano una discussione sui “draghi nei loro piacevoli palazzi” che porta con sé le proprie connotazioni. Se questi sono poteri politici e non solo "bestie selvagge" e "draghi" e sono "delle isole", allora le tesi sono quelle che piangono nelle loro case desolate per la distruzione di Babele, una profezia interessante.

Esiste una seconda testimonianza che possa dare credito all'idea che la parola “drago” possa essere un riferimento ad un potere politico e non solo ad un animale?

Yechezq’el (Ezechiele) 29: 3
Parla e dì: Così dice Adonai Yahuah; Ecco, io sono contro di te, Phar`oh  re di Mitsrayim, il grande drago che giace in mezzo ai suoi fiumi, che ha detto: Il mio fiume è mio, e l'ho creato per me stesso.

Per ottenere chiarezza sul significato di questo verso, troviamo la seguente seconda testimonianza nel Cepher Yashar (Libro di Jasher);

Yashar (Jasher) 79:51
E l'ira del re si accese alle loro parole, e disse loro: Ma chi può fare questo fra tutti gli elohiym delle nazioni? il mio fiume è mio, e l'ho creato per me stesso.

Vediamo quindi che le bestie selvagge possono significare nomadi o tribù che dimorano nel deserto, e draghi possono significare re.

Sostituiamo l'Ivriyt nel passaggio di Yesha`yahu e vediamo cosa può essere rivelato:

Yesha`yahu (Isaia) 13:22
E i nomadi (איים) delle isole grideranno nelle loro case desolate, e i re (תַּנִּין) nei loro piacevoli palazzi: e il suo tempo è vicino e i suoi giorni non saranno prolungati.

Ora, inserisci il gufo:

Iyov (Giobbe) 30:29
Sono un fratello dei draghi e un compagno dei gufi.Questa non sarà l'ultima volta che vedremo il drago e il gufo uniti nello stesso concetto. Vale la pena esplorare.

Il gufo è trattato con un soprannome di due parole: (בְנוֹת יַעֲנָה) (ben’oth yaanah). Sebbene Strong's non assegni le due parole insieme per descrivere i gufi, in tutti e sei i punti in cui la parola "gufo" si trova nel Tanakh, troviamo la combinazione (בְנוֹת יַעֲנָה): Iyov 30:29; Yesha`yahu 13:21; 34:13; 43:20; Yirmeyahu 50:39; e Miykah 1: 8. Esploriamo.

Ya'anah (יַעֲנָה) (Strong's H3284) è il femminile di (יָעֵן) yâʻên e significa gufo.

Ben’oth è derivato dalla radice primitiva Banah (בָּנָה) (Strong's H1129), che significa costruire (letteralmente e figurativamente): iniziare a costruire, ottenere figli, fare, riparare o impostare, ed è il suo plurale.

Semplicemente, i ben'oth ya'anah sono i figli dei gufi. Vediamo come funziona:

Yesha`yahu (Isaia) 34: 11-13
Ma il cormorano e il tarabuso lo possederanno; vi abiteranno anche la civetta e il corvo: su di essa stenderà la linea della confusione e le pietre del vuoto. 12 Chiameranno i suoi nobili al regno, ma non ci sarà nessuno e tutti i suoi principi non saranno nulla. 13 E spine sorgeranno nei suoi palazzi, ortiche e rovi nelle sue fortezze: sarà un'abitazione di draghi e un cortile per gufi.

Se possiamo concludere che le bestie selvagge sono nomadi e i draghi sono re, allora chi sono i figli dei gufi? Yesha`yahu ci dice che sono coloro che sono giustamente trovati nei tribunali. Possiamo concludere che questi sono giudici o magistratura?

Guardiamo ora a questa profezia che si trova in Yesha`yahu:

Yesha`yahu (Isaia) 35: 3-10
Rafforza le mani deboli e conferma le ginocchia deboli. 4 Di a quelli che hanno un cuore pauroso: Sii forte, non temere: ecco, il tuo Elohiym verrà con vendetta, Elohiym anche con una ricompensa; lui verrà e ti salverà. 5 Allora gli occhi dei ciechi saranno aperti e gli orecchi dei sordi saranno aperti. 6 Allora lo zoppo salterà come un cervo e la lingua del muto canterà, perché nella regione selvaggia sorgeranno acque e ruscelli nel deserto. 7 E la terra arida diventerà uno stagno e la terra assetata sgorgherà d'acqua: nell'abitazione dei draghi, dove giacevano ciascuno, sarà erba con canne e giunchi. 8 E là ci sarà una strada maestra, e una via, e sarà chiamata: La via della santità; l'impuro non vi passerà sopra; ma sarà per quelli: i viandanti, anche se stolti, non vi erreranno. 9 Nessun leone sarà là, né alcuna bestia famelica salirà su di esso, non sarà trovata là; ma i redenti  vi cammineranno: 10 E i riscattati di Yahuah torneranno e verranno a Tsiyon con canti e gioia eterna sulle loro teste: otterranno gioia e letizia, e dolore e sospiri fuggiranno.

Yesha`yahu (Isaia) 43: 18-21
Non ricordate le cose precedenti, né considerate le cose antiche. 19 Ecco, io farò una cosa nuova; ora germoglierà; non lo saprai? Farò persino una strada nella regione arida e fiumi nel deserto. 20 La bestia dei campi mi onorerà, i draghi e i gufi, perché do acque nelle regioni aride e fiumi nel deserto per dare da bere al mio popolo, i miei eletti. 21 Questo popolo ho formato per me stesso; loro mostreranno la mia lode.

Yesha`yahu (Isaia) 51: 9-16
Svegliati, svegliati, rivestiti di forza, o braccio di Yahuah; sveglio, come nei tempi antichi, nelle generazioni del passato. Non sei tu che hai tagliato Rachav e ferito il drago? 10 Non sei tu quello che ha seccato il mare, le acque del grande abisso? che ha reso le profondità del mare una via per il passaggio dei riscattati? 11 Perciò i redenti di Yahuah torneranno e verranno cantando a Tsiyon; e la gioia eterna sarà sul loro capo: otterranno letizia e gioia; e il dolore e il lutto fuggiranno. 12 Io, proprio io, sono colui che ti conforta: chi sei tu, perchè tu abbia paura di un uomo che morirà e del figlio di A'dam che sarà fatto come l'erba; 13 E dimentica Yahuah Oseka, che ha disteso i cieli e ha gettato le fondamenta della terra; e hai temuto continuamente ogni giorno a causa della furia dell'oppressore, come se fosse pronto a distruggere? E dov'è la furia dell'oppressore? 14 Il prigioniero esiliato si affretta a liberarsi e a non morire nella fossa, né a mancare il suo pane. 15 Ma io sono Yahuah Elohayka, che ha diviso il mare, le cui onde ruggivano: Yahuah Tseva'oth è il suo nome. 16 E ho messo le mie parole nella tua bocca, e ti ho coperto all'ombra della mia mano, per poter piantare i cieli, e porre le fondamenta della terra, e dire a Tsiyon: Tu sei il mio popolo.

 

Suscríbete

RSS Suscríbete

Indirizzo E-mail

Chazon (Revelation) 1:8

I am the א (Aleph) and the ת (Tav), the beginning and the ending, says Yahuah Elohiym, which is, and which was, and which is to come, Yahuah Tseva’oth.

Read More

Baruch Sheniy (2 Baruch) 51:8-9

For they shall behold the world which is now invisible to them and they shall behold the time which is now hidden from them: And time shall no longer age them.

Read More

Ezra Reviy'iy (4 Ezra/2 Esdras) 2:35

Be ready to the reward of the Kingdom, for the everlasting light shall shine upon you forevermore.

Read More

Devariym (Deuteronomy) 11:26-28

Behold, I set before you this day a blessing and a curse; A blessing, if ye obey the commandments of Yahuah Elohaykem, which I command you this day: And a curse, if ye will not obey the commandments of Yahuah Elohaykem but turn aside out of the way which I command you this day, to go after other elohiym, which ye have not known.

Read More

Shemoth (Exodus) 20:11

For in six days Yahuah made the heavens and the earth, the sea, and all that in them is, and rested the seventh day: wherefore Yahuah blessed the day of Shabbath, and hallowed it.

Read More

Bere'shiyth (Genesis) 1:1

In the beginning Elohiym created את the heavens and אתthe earth.

Read More

Yesha'yahu (Isaiah) 14:12

How are you fallen from heaven, O Heylel, son of the howling morning! how are you cut down to the ground, which did weaken the nations!

Read More

Yirmeyahu (Jeremiah) 31:31

Behold, the days come, says Yahuah, that I will cut a Renewed Covenant with the house of Yashar’el, and with the house of Yahudah.

Read More

Besorah Yochanon (John) 1:1

In the beginning was the Word, and the Word was with את Elohiym, and Elohiym was the Word.

Read More

Besorah Yochanon (John) 3:16

For Elohiym so loved the world, that he gave his yachiyd, that whosoever believes in him should not perish, but have everlasting life.

Read More

Besorah Yochanon (John) 14:21

He that has my commandments, and guards them, he it is that loves me: and he that loves me shall be loved of my Father, and I will love him, and will manifest myself to him.

Read More

Vayiqra (Leviticus) 23:4

These are the feasts of Yahuah, even holy assemblies, which ye shall proclaim in their appointed times.

Read More

Besorah Mattithyahu (Matthew) 1:21

And she shall bring forth a son, and you shall call his name Yahusha: for he shall save his people from their sins.

Read More

Besorah Mattithyahu (Matthew) 6:11-12

Give us this day our daily bread. And forgive us our transgressions, as we forgive those who transgress against us.

Read More

Bemidbar (Numbers) 6:24-26

Yahuah bless you, and guard you: Yahuah make his face shine upon you, and be gracious unto you: Yahuah lift up his countenance upon you, and give you peace.

Read More

Philippiym (Philippians) 2:10-11

That at the name of Yahusha every knee should bow, of things in heaven, and things in earth, and things under the earth; And that every tongue should confess that Yahuah is Yahusha Ha’Mashiach, to the glory of Elohiym the Father.

Read More

Tehilliym (Psalms) 23:1-2

Yahuah is my Shepherd; I shall not want. He makes me to lie down in green pastures: he leads me beside the still waters.

Read More

Tehilliym (Psalms) 91:1-2

He who dwells in the secret place of El Elyon shall abide under the shadow of El Shaddai. I will say of Yahuah, He is my refuge and my fortress: my Elohiym; in him will I trust.

Read More

Chazon (Revelation) 13:18

Here is wisdom. Let him that has understanding calculate the number of the beast: for it is the number of a man; and his number is χξς .

Read More

Romaiym (Romans) 8:38-39

For I am persuaded, that neither death, nor life, nor angels, nor principalities, nor powers, nor things present, nor things to come, Nor height, nor depth, nor any other creature, shall be able to separate us from the love of Yah, which is in Yahusha Ha'Mashiach our Adonai.

Read More

Qorintiym Ri'shon (I Corinthians) 13:13

And now abides faith, hope, love, these three; but the greatest of these is love.

Read More

Makkabiym Reviy'iy (4 Maccabees) 9:7-9

Make the attempt, then, O tyrant; and if you put us to death for our faith, think not that you harm us by torturing us. For we through this ill treatment and endurance shall bear off the rewards of virtue. But you, for the wicked and despotic slaughter of us, shall, from the divine vengeance, endure eternal torture by fire.

Read More

Daniy'el (Daniel) 12:1

And at that time shall Miyka’el stand up, the great prince which stands for the children of your people: and there shall be a time of trouble, such as never was since there was a nation even to that same time: and at that time your people shall be delivered, everyone that shall be found written in the cepher.

Read More

Chanoch (Enoch) 105:14-15

A great destruction therefore shall come upon all the earth; a deluge, a great destruction shall take place in one year. This child, who is born to your son shall survive on the earth, and his three sons shall be saved with him. When all mankind who are on the earth shall die, he shall be safe.

Read More

Yo'el (Joel) 2:28

And it shall come to pass afterward, that I will pour out my Ruach upon all flesh; and your sons and your daughters shall prophesy, your old men shall dream dreams, your young men shall see visions.

Read More