×

Italian Blog

Blog: Italian Blog

< Ritornare Alla

Cepher Chanok: Sulla veridicità del Libro di Enoch

Autore: Pietro Nencioni / 8.6.2020

 

Abbiamo scelto di includere il Cepher del profeta Chanok (noto anche come 1 Enoch) all'interno dei confini del את  CEPHER. Mentre alcuni storici hanno respinto Chanok (Enoch) come eresia, Kepha Sheniy (2 Pietro) 2: 4-5 indica che uno dei credenti in Chanok (Enoch) era Kepha stesso, poiché afferma “. . . Se Elohiym infatti non risparmiò gli angeli che avevano peccato, ma li cacciò nello She’ol tenendoli in catene di tenebre, per esservi custoditi fino al giudizio dell' angoscia; 5 e non risparmiò il mondo antico ma salvò Noach l'ottava persona, predicatore di giustizia, quando fece venire il diluvio sul mondo degli empi; “. La cattività in catene di oscurità e l'essere guardati fin al giudizio dell'angoscia sono discussi principalmente nel Cepher Chanok (Enoch).

Mentre la Bibbia etiope - la prima raccolta completa di scritture al mondo - ha sempre contenuto sia Chanok (Enoch) che Yovheliym (Giubilei), la decisione di includere entrambi questi libri è stata semplificata quando le versioni antiche di Chanok (Enoch) e ( Giubilei) sono stati trovati nella Grotta 4 a Qumran in una collezione ora chiamata Rotoli del Mar Morto. Alcuni frammenti sono disparati, ma il testo etiope si confronta con questi frammenti.

Il nome formale del libro all'interno del את  CEPHER è il Cepher del Profeta Chanok (Il libro del profeta Enoch), e questo era noto ai primi scrittori cristiani come la seguente citazione di Chanok 2: 1 che indica:

Yahudah (Jude) 14-15
E anche Chanok, la settima (generazione) di A'dam, profetizzò di questi, dicendo: Ecco, Yahuah arriva con diecimila dei suoi qodeshiym, 15 Per eseguire il giudizio su tutti e per convincere tutti coloro che sono malvagi tra loro di tutte le loro azioni malvagie che hanno commesso malvagiamente, e di tutti i loro discorsi offensivi che i peccatori malvagi hanno proferito contro di lui ”.

L'Epistola di Barnaba, il giovane Origene, Clemente d'Alessandria e Tertulliano consideravano 1 Enoch come Scrittura.

Tertulliano scrisse in Riguardo le  Genuine Profezie di Enoch; “Sono consapevole che la Scrittura di Enoch [Chanok], che ha assegnato questo ordine (di azione) agli angeli, non è stata ricevuta da alcuni, perché non è nemmeno ammessa nel canone Giudaico ... Ma poiché Enoch nella stessa Scrittura ha predicato allo stesso modo riguardo al Signore [Mashiach], nulla deve essere respinto da noi di cio che ci riguarda; e leggiamo che "ogni Scrittura è adatta all'edificazione e divinamente ispirata" ... A queste considerazioni si aggiunge il fatto che Enoch possiede una testimonianza nell'Apostolo Giuda ". [Tertulliano, Sull'abito delle donne, in I padri Ante-Nicene: Padri del Terzo Secolo: Tertulliano, Parte Quarta; Minucius Felix; Commodian; Origene, parti prima e seconda, ed. Alexander Roberts, James Donaldson e A. Cleveland Coxe, trans. S. Thelwall, vol. 4 (Buffalo, NY: Christian Literature Company, 1885), 15.

Il Cepher Chanok è citato in quello che viene chiamato il Nuovo Testamento (Brit Chadashah) almeno 40 volte. Molte di queste sono persino citazioni dirette, sebbene non direttamente attribuite a Chanok. Nel Cepher Yahudah (Giuda) 14-15, c'è una citazione diretta, attribuita specificamente allo stesso Enoch. Molti concetti di Chanok si trovano nel Nuovo Testamento, come le sorgenti di acque vive, Yochanon (Giovanni) 4: 13-14 / Chanok 49: 1; il nuovo paradiso e la nuova terra, Chizayon (Apocalisse) 21: 1 / Chanok 93: 16-17; e molte delle Beatitudini. Mattithyahu (Matteo) 5, Luqas (Luca) 6 / Chanok 6: 9, 96: 8.

Inoltre, ci sono profezie messianiche sostanziali stabilite in Chanok:

Chanok (Enoch) 39: 5-6
In quel momento i miei occhi videro la dimora degli eletti, della verità, della fede e della giustizia. 6 Incalcolabile sarà il numero dei santi e degli eletti, alla presenza di Elohiym nei secoli dei secoli.

Chanok (Enoch) 40: 3-7
Poi ho sentì le voci di quelli sui quattro lati che magnificavano Yahuah della gloria. 4 La prima voce benedisse Yahuah Tsevaoth per sempre e in eterno. 5 La seconda voce che sentii benedire l'Eletto e gli eletti che soffrono a causa di Yahuah Tsevaoth. 6 La terza voce sentì chiedendo e pregando per coloro che abitano sulla terra e supplicano il nome di Yahuah Tsevaoth. 7 La quarta voce sentii cacciare gli empi angeli e proibire loro di entrare alla presenza di Yahuah Tsevaoth, per accusare gli abitanti della terra.

Chanok (Enoch) 45: 3-4
In quel giorno l'Eletto siederà su un trono di gloria; e sceglieranno le loro condizioni e le innumerevoli abitazioni, mentre il loro ruachoth dentro di loro sarà rafforzato, quando vedranno il mio Eletto, per coloro che sono fuggiti per proteggere il mio santo e glorioso nome. 4 In quel giorno farò dimorare il mio Eletto in mezzo a loro; cambierà il cielo; lo benedirà e lo illuminerà per sempre.

Chanok (Enoch) 49: 1-4
La saggezza si riversa come acqua, e la gloria non manca davanti a lui per sempre; poiché è potente in tutti i segreti della giustizia. 2 Ma l'iniquità scompare come un'ombra e non possiede un posto fisso: poiché l'Eletto è in piedi davanti a Yahuah Tsevaoth; e la sua gloria è per sempre; e il suo potere di generazione in generazione. 3 Con lui dimora il Ruach Daath v'Chokmah, (Spirito di conoscenza e saggezza) il Ruach HaTorah (Spirito di istruzione) e Gevurah, (Spirito di potenza) e il ruach di coloro che dormono nella giustizia; egli giudicherà le cose segrete. 4 Né chiunque potrà pronunciare una sola parola davanti a lui; poiché l'Eletto è alla presenza di Yahuah Tsevaoth, secondo il proprio beneplacito.

Chanok (Enoch) 51: 1-3
In quei giorni la terra libererà dal suo grembo e lo Sheol libererà dal suo, ciò che ha ricevuto; e la distruzione ripristinerà ciò che deve. 2 Sceglierà tra i giusti e i santi; poiché il giorno della loro yeshu`ah (salvezza) si è avvicinato. 3 E in quei giorni l'Eletto siederà sul suo trono, mentre ogni segreto della saggezza intellettuale procederà dalla sua bocca, poiché Yahuah Tsevaoth lo ha donato e glorificato.

Chanok (Enoch) 55: 5
O re, o possenti, che abitate nel mondo, vedrete il mio Eletto, seduto sul trono della mia gloria. E giudicherà Azazel, tutti i suoi collaboratori e tutte le sue schiere, nel nome di Yahuah Tsevaoth.

Chanok (Enoch) 61: 8-12
Quindi ricevettero il comandamento, tutto nei cieli sopra; a cui furono dati un potere, una voce e uno splendore combinati, come il fuoco. 9 E prima di tutto, con la voce, lo benedissero, lo esaltarono, lo glorificarono con saggezza e gli attribuirono saggezza con la parola e con il respiro della vita. 10 Allora Yahuah Tsevaoth si sedette sul trono della sua gloria, l'Eletto; 11 Chi giudicherà tutte le opere del santo, in cielo al di sopra e in equilibrio, soppeserà le loro azioni. E quando alzerà il suo volto per giudicare le loro vie segrete con la parola del nome di Yahuah Tsevaoth, e il loro progresso nel cammino del giusto giudizio di El Elyon; 12 Parleranno tutti con voce unita; e benediranno, glorificheranno, esalteranno e loderanno, nel nome di Yahuah Tsevaoth.

Chanok (Enoch) 62: 1
Perciò Yahuah comandò ai re, ai principi, a quelli che si innalzano e a quelli che abitano sulla terra, dicendo: Aprite gli occhi e sollevate le corna, se siete in grado di comprendere l'Eletto.

In Daniy’el 12: 9-10, il testo si riferisce alle parole sigillate fino alla fine dei tempi:

Daniy’el (Daniel) 12: 9-10
E disse: "Va ', Daniyel: perché le parole sono chiuse e sigillate fino al momento della fine. Molti saranno purificati, resi bianchi e affinati; ma i malvagi agiranno empiamente: e nessuno dei malvagi capirà; ma il saggio capirà.

E il Cepher Chanok (Enoch) è diretto a questo dissigillare alla fine.

Chanok (Enoch) 1: 1
La parola della benedizione di Chanok, in che modo benedisse gli eletti e i giusti, che esistevano in tempo di difficoltà; respingendo tutti gli ingiusti e i malvagi. Chanok, un uomo giusto, che con Elohiym, rispose e parlò, mentre i suoi occhi erano aperti, e vide una visione santa nei cieli.

Inoltre, Ezra Reviy`iy (2 Esdras, il cui testo è contenuto all'interno della raccolta del את  CEPHER) dice quanto segue sul numero di Cepheriym:

Ezra Reviy`iy (4 Ezra / 2 Esdra) 14: 44-48
In quaranta giorni scrissero duecentoquattro libri. 45 E avvenne che, quando furono riempiti i quaranta giorni, El Elyon parlò, dicendo: Il primo che hai scritto pubblicamente, che i degni e gli indegni possano leggerlo: 46 Ma mantieni gli ultimi settanta, che puoi consegnare solo per essere saggi tra il popolo: 47 Poiché in essi è la fonte della comprensione, la fonte della saggezza e il flusso della conoscenza. 48 E cosi feci.

A poco a poco, il termine "apocrifi" - libri riservati solo ai saggi tra il popolo - assunse una connotazione peggiorativa, poiché l'ortodossia di questi libri nascosti veniva talvolta messa in discussione. Origene (Comm. In Matt. 10.18; p. 13.881) distingueva tra libri che dovevano essere letti in adorazione pubblica e libri apocrifi. Poiché questi libri segreti erano spesso conservati per l'uso all'interno dei circoli esoterici dei credenti d'élite, molti dei Padri della chiesa "non illuminati" si trovarono al di fuori del regno della comprensione e quindi arrivarono ad applicare il termine "apocrifo" a ciò che sostenevano  essere opere eretiche, e quindi vietate da leggere.

Nel mondo Protestante, il termine &quot;Apocrifa&quot; ha designato 15 opere, tutte tranne una di origine Ebraica e per lo più trovate nei Settanta (cioè la traduzione greca del Ivriyt (Ebraico) e dei testi Aramaici dei &quot;settanta&quot;). Si sostiene che parti di 2 Esdras siano di origine Cristiana o Latina e che 4 Maccabei fossero post-datati. Sebbene alcuni di essi fossero composti nel Levante in Aramaico o in Ivriyt, non furono accettati nel canone Giudaico (Tanakh) formato alla fine del II secolo d.C. (Canonicità, 67: 31-35). I riformatori, influenzati dal canone Giudaico dell&#39;Antico Testamento, non considerarono questi libri alla pari con il resto delle Scritture. Così nacque l'usanza di trasformare gli Apocrifi in una sezione separata della Bibbia protestante, o talvolta di ometterli del tutto (Canonizzazione, 67: 44-46). L'opinione Cattolica, espressa come dottrina della fede nel Concilio di Trento, è che 12 di queste 15 opere (in una diversa enumerazione, tuttavia) sono Scritture canoniche. Sono chiamati Libri Deuterocanonici (Canonizzazione, 67:21, 42-43). Molti dei libri furono esclusi a causa di discrepanze con la formulazione del calendario Talmudico, un calendario che stabiliva un nuovo anno in autunno, piuttosto che in primavera, come richiesto nella Torah. Inoltre, il Concilio di Trento non ebbe il vantaggio di scoprire i Rotoli del Mar Morto.

I libri Apocrifi Protestanti che non sono accettati dai cattolici sono 3-4 Ezra (1-2 Esdra), la Preghiera di Menashsheh e 3-4 Makkabiym (Maccabei).

Gli Apocrifi Protestanti escludono anche Chanok, Yovheliym e Yashar. Il tema del Cepher del Profeta Chanok, che trattava della natura e delle azioni degli angeli caduti, fece così infuriare i padri della chiesa successivi che uno, Filastrous, lo condannò apertamente come eresia (Filastrius, Liber de Haeresibus, n. 108). Né i rabbini si sono degnati di dare credito all'insegnamento del libro sugli angeli. Il rabbino Shim`on ben Jochai nel II secolo d.C. pronunciò una maledizione per coloro che gli davano credito (Delitzsch, p. 223). Quindi, il libro è stato denunciato, bandito, maledetto, bruciato e distrutto - e, ultimo ma non meno importante, perso (e convenientemente dimenticato) per mille anni. Ma con una persistenza inquietante, il Cepher del profeta Chanok è tornato in circolazione due secoli fa.

Nel 1773, le voci su una copia sopravvissuta del libro portarono l'esploratore scozzese James Bruce in Etiopia. Vero a dirlo, il Cepher del profeta Chanok era stato preservato dalla chiesa Etiopica, che lo mise accanto agli altri libri della Bibbia. Bruce si assicurò non una, ma tre copie Etiopiche del libro e le riportò in Europa e in Gran Bretagna. Quando nel 1821 il Dr. Richard Laurence, un professore di Ivriyt (Ebraico) a Oxford, produsse la prima traduzione Inglese dell'opera, il mondo moderno ottenne un primo assaggio dei misteri proibiti di Chanok. Molti studiosi affermano che l'attuale forma della storia nel Cepher del profeta Chanok fu scritta durante il secondo secolo a.C. ed fu popolare per almeno cinquecento anni. Il primo testo Etiopico era apparentemente tratto da un manoscritto Greco del Cepher del Profeta Chanok, che a sua volta era una copia di un testo precedente.

Si ritiene, tuttavia, che l'originale sia stato scritto in una lingua semitica (forse Paleo-Ivriyt). Il testo di Laurence è il testo sottostante all'interno dell'inglese CEPHER, con interlineazioni comparative delle edizioni Charles e Knibb, riteniamo che la versione di Laurence sia la più letterale.

Sebbene una volta si credesse che fosse post-Cristiano (le somiglianze con la terminologia e l'insegnamento Cristiane sono sorprendenti), recenti scoperte di frammenti del libro tra i Rotoli del Mar Morto trovati a Qumran dimostrano che il libro era esistente prima del tempo di Yahusha Ha’Mashiach. Ma la data della scrittura originale risalirebbe al II secolo a.C. Le copie di Qumran su cui erano basate erano avvolte nell'oscurità. È, in una parola, vecchio. Alcuni storici sostengono che il libro non contenga realmente le parole autentiche dell'antico patriarca biblico Chanok, dal momento che sarebbe vissuto (basato sulle cronologie nel Cepher Bere'shiyth (Libro della Genesi) diverse migliaia di anni prima della prima apparizione conosciuta del libro a lui attribuito. Una conclusione del genere renderebbe il libro pseudoepigrafe - cioè di una pseudo epigrafia (che significa attribuzione a un autore che non sta effettivamente scrivendo il libro). Tuttavia, questa stessa conclusione può essere applicata a tutte le opere di Mosheh.

Nonostante le sue origini sconosciute, molti seguaci di Yahusha una volta accettarono le parole di questo Cepher del profeta Chanok come autentiche Scritture, in particolare la parte sugli angeli caduti e il loro giudizio profetizzato. In effetti, molti dei concetti chiave usati dallo stesso Yahusha sembrano direttamente collegati a termini e idee nel Cepher del Profeta Chanok. Pertanto, è difficile evitare la conclusione che Yahusha non solo aveva conoscenza del Cepher del profeta Chanok, ma lo rispettava anche abbastanza da adottare ed elaborare le sue specifiche descrizioni del Regno che verrà e il suo tema di inevitabile giudizio che discendeva sul "malvagio ”- il termine spesso usato nell'Antico Testamento per descrivere gli Osservatori.

Vi sono prove abbondanti che Yahusha approvò il Cepher del Profeta Chanok. Più di cento frasi nel Brit Chadashah (Nuovo Testamento) trovano un precedente nel Cepher del profeta Chanok. Un'altra notevole prova per i primi seguaci dell'accettazione da parte di Yahusha del Cepher del profeta Chanok si trova in un'accurata traduzione di Luca 9:35, che descrive la trasfigurazione del Messia: E venne una voce fuori dalla nuvola, dicendo: “ Questo è il mio adorato figlio: ascoltatelo ”. Apparentemente, il traduttore qui ha voluto mettere d'accordo questo versetto con un versetto simile in Matteo e Marco. Ma il verso di Luca nel greco originale usa la frase &quot;ho eklelegmenos", che significa, letteralmente, "l'Eletto": Quindi, abbiamo esposto il verso come: Questo è il mio yachiyd, l'Eletto; ascoltatelo. "Eletto" è un termine molto significativo (trovato quattordici volte) nel Cepher del Profeta Chanok. Se il cepher era davvero noto agli apostoli di Ha' Mashiach, con le sue abbondanti descrizioni dell'Eletto che dovrebbe "sedersi sul trono di gloria"e dell'Eletto che dovrebbe "dimorare in mezzo a loro" allora la grande autenticità scritturale è accordata al Cepher del profeta Chanok quando la "voce fuori dalla nuvola" dice agli apostoli: "Questo è il mio yachiyd, l'Eletto", quello promesso nel Cepher del profeta Chanok.

Il Cepher Yahudah (Giuda) menziona nel versetto 14 che Chanok, il settimo da A'dam, ha profetizzato. Yahudah fa riferimento nel versetto 15 del capitolo 2, il versetto 1 del Cepher del profeta Chanok (2: 1), dove scrive, per eseguire il giudizio su tutti, per condannare tutti i malvagi. La differenza temporale tra Chanok e Yahudah è di circa 3400 anni. Pertanto, il riferimento di Yahudah alle profezie Chanokiane dà credito all'idea che queste profezie scritte fossero disponibili per lui in quel momento.

Il numero di frammenti di manoscritti di Chanok trovati anche tra i Rotoli del Mar Morto era di dieci. I famosi rotoli in realtà comprendono solo una parte dei risultati dei ritrovamenti di Qumran. Gran parte del resto era letteratura Chanokiana, copie del Cepher del profeta Chanok e altre opere apocrife nella tradizione Chanokiana, come il Cepher Yovheliym (Libro dei Giubilei).

Il Cepher del profeta Chanok fu usato anche da scrittori di altri testi apocrifi. La storia Chanokiana degli Osservatori è citata anche nei Testamenti dei Dodici Patriarchi e nel Cepher Yovheliym (Giubilei). Un riferimento obliquo appare nel Cepher Baruk Sheniy (2 Baruch).

Il Cepher del profeta Chanok esisteva secoli prima della nascita di Ha'Mashiach e tuttavia è considerato da molti come più messianico nella sua teologia rispetto ai Giudei. È stata considerata Scrittura da molti primi seguaci del Messia. La prima letteratura dei "padri della chiesa" è piena di riferimenti a questo misterioso cepher. I "padri della chiesa" del secondo e terzo secolo come Giustino Martire, Ireneo, Origene e Clemente di Alessandria fecero tutti uso del Cepher del profeta Chanok. Tertulliano (160-230 d.C.) chiamò il Cepher del profeta Chanok "Sacra Scrittura". La Chiesa Etiopica ha aggiunto il Cepher del profeta Chanok al suo canone ufficiale. Fu ampiamente conosciuto e letto nei primi tre secoli dopo Ha'Mashiach.

Suscríbete

RSS Suscríbete

Indirizzo E-mail

  • I am the א (Aleph) and the ת (Tav), the beginning and the ending, says Yahuah Elohiym, which is, and which was, and which is to come, Yahuah Tseva’oth.
    CHIZAYON (Revelation) 1:8
    Read More
  • For they shall behold the world which is now invisible to them and they shall behold the time which is now hidden from them: And time shall no longer age them.  
    BARUK SHENIY (2 Baruk) 51: 8-9
    Read More
  • Be ready to the reward of the Kingdom, for the everlasting light shall shine upon you forevermore.
    EZRA REVIY`IY (4 Ezra / 2 Esdras) 2:35
    Read More
  • Behold, I set before you this day a blessing and a curse; את eth-A blessing, if ye obey the command­ments of Yahuah Elohaykem, which I command you this day: And a curse, if ye will not obey the commandments of Yahuah Elohaykem, but turn aside out of the way which I command you this day, to go after other elohiym, which ye have not known. 
    DEVARIYM (Deuteronomy) 11:26-28
    Read More
  • For in six days Yahuah made את eth-the heavens and את eth-the earth, את eth-the sea, and את eth-all that in them is, and rested the seventh day: wherefore Yahuah blessed את eth-the day of Shabbath, and hallowed it.
    SHEMOTH (Exodus) 20:11
    Read More
  • In the beginning Elohiym created את eth the heavens and את eth the earth.
    BERE’SHIYTH (Genesis) 1:1
    Read More
  • How are you fallen from heaven, O Heylel, son of the howling morning! how are you cut down to the ground, which did weaken the nations!
    YESHA`YAHU (Isaiah) 14:12
    Read More
  • Behold, the days come, says Yahuah, that I will cut a Renewed Covenant with the את eth-house of Yashar'el, and with the את eth-house of Yahudah. 
    YIRMEYAHU (Jeremiah) 31:31
    Read More
  • In the beginning was the Word, and the Word was with את eth Elohiym, and Elohiym was the Word.
    BESORAH YOCHANON (Gospel of John) 1:1
    Read More
  • For Yah so loved את eth-the world, that he gave את eth-his את eth-yachiyd, that whosoever believes in him should not perish, but have everlasting life.
    BESORAH YOCHANON (Gospel of John) 3:16
    Read More
  • He that has my commandments, and guards them, he it is that loves me: and he that loves me shall be loved of my Father, and I will love him, and will manifest myself to him. 
    BESORAH YOCHANON (Gospel of John) 14:21
    Read More
  • These are the feasts of Yahuah, even holy assemblies, which ye shall proclaim in their appointed times.
    VAYIQRA (Leviticus) 23:4
    Read More
  • And she shall bring forth a son, and you shall call his name Yahusha: for he shall save his people from their sins.
    BESORAH MATTITHYAHU (Gospel of Matthew) 1:21
    Read More
  • Give us this day our daily את eth-bread. And forgive us our transgressions, as we forgive those who trans­gress against us. 
    BESORAH MATTITHYAHU (Gospel of Matthew) 6:11-12
    Read More
  • Yahuah bless you, and guard you: Yahuah make his face shine upon you, and be gracious unto you: Yahuah lift up his countenance upon you, and give you peace. 
    BEMIDBAR (Numbers) 6:24-26
    Read More
  • That at the name of Yahusha every knee should bow, of things in heaven, and things in earth, and things under the earth; And that every tongue should confess that Yahuah is Yahusha Ha'Mashiach, to the glory of Yah the Father.
    PHILIPPIYM (Philippians) 2:10-11
    Read More
  • YAHUAH is my Shep­herd; I shall not want. He makes me to lie down in green pastures: he leads me beside the still waters. 
    TEHILLIYM (Psalm) 23:1-2
    Read More
  • He that dwells in the secret place of El Elyon shall abide under the shadow of El Shaddai. I will say of Yahuah, He is my refuge and my fortress: my Elohiym; in him will I trust. 
    TEHILLIYM (Psalm) 91:1-2
    Read More
  • Here is wisdom. Let him that has understanding calculate the number of the beast: for it is the number of a man; and his number is χξς .
    CHIZAYON (Revelation) 13:18
    Read More
  • For I am persuaded, that neither death, nor life, nor angels, nor principalities, nor powers, nor things present, nor things to come, Nor height, nor depth, nor any other creature, shall be able to separate us from the love of Yah, which is in Yahusha Ha'Mashiach our Adonai.
    ROMAIYM (Romans) 8:38-39
    Read More
  • Though I speak with the tongues of men and of angels, and have not love, I am become as sounding brass, or a tinkling cymbal.
     QORINTIYM RI’SHON (I Corinthians) 13:13
    Read More
  • Make the attempt, then, O tyrant; and if you put us to death for our faith, think not that you harm us by torturing us. For we through this ill treatment and endurance shall bear off the rewards of virtue. But you, for the wicked and despotic slaughter of us, shall, from the divine vengeance, endure eternal torture by fire.
    MAKKABIYM REVIY`IY (4 Maccabees) 9:7-9
    Read More
  • And at that time shall Miyka’el stand up, the great prince which stands for the children of your people: and there shall be a time of trouble, such as never was since there was a nation even to that same time: and at that time your people shall be delivered, everyone that shall be found written in the cepher.
    DANIY'EL (Daniel) 9-12
    Read More
  • A great destruction therefore shall come upon all the earth; a deluge, a great destruction, shall take place in one year. This child which is born to your son shall survive on the earth, and his three sons shall be saved with him. When all mankind who are on the earth shall die, he shall be safe.
    CHANOK (Enoch) 105: 14-15
    Read More
  • And it shall come to pass afterward, that I will pour out את eth-my Ruach upon all flesh; and your sons and your daughters shall prophesy, your old men shall dream dreams, your young men shall see visions.
    YO’EL (Joel) 2:28
    Read More