Italian Blog

Blog: Italian Blog

< Ritornare Alla

Sui sacrifici e le offerte

Autore: Pietro Nencioni / 7.8.2020

 

Dobbiamo discutere dei sacrifici animali e di ciò che è avvenuto nelle Scritture riguardo a questi sacrifici.

Primo, consideriamo la parola Zebach.

Zebach (ֶז ַבח ) (Strong's H2077): da H2076; propriamente, macellazione, riferito alla carne di un animale; implicitamente, un sacrificio (la vittima dell'atto): - offrire, sacrificio.

Zabach (ָז ַבח ) (Strong's H2076): la radice primitiva; macellare un animale (di solito in sacrificio): uccidere, offrire, (fare) sacrifici.

Vediamo che Zebach e Zabach - quando ignorano il nikkud (i suoni delle vocali masoretiche) - sono scritti esattamente allo stesso modo; e che la parola Zebach viene da questi suoni vocalici dalla sua primitiva radice Zabach, che non significa fondamentalmente uccidere un animale, ma piuttosto fare un’offerta.

Bere'shiyth (Genesi) 31:54
Allora Ya`qov offrì un sacrificio offerta sul monte e chiamò i suoi fratelli a mangiare del pane; essi mangiarono il pane e si fermarono per tutta la notte sul monte.

Qual è l'esegesi di questo passaggio? Ya`aqov ha offerto un'offerta (in entrambi i casi, la parola è zabach), e poi hanno mangiato il pane. È logico concludere che si è trattato di un sacrificio animale? Il resto del verso non lo giustifica.

C'è anche un secondo testimone:

Shemoth (Esodo) 18:12
E Yithro, il suocero di Mosheh, fece un olocausto fumo ascendente (olah) e offerte di sacrifici (zabach) per Elohiym: e Aharon, e tutti gli anziani di Yasharel vennero a mangiare il pane con il suocero di Mosheh davanti a Elohiym.

Mentre guardiamo più da vicino l'uso di questa parola zabach, troviamo una profezia molto importante sepolta nel linguaggio Masoretico del sacrificio animale:

Shemoth (Esodo) 23:18
Non offrirai il sangue del mio sacrificio con chamets (lievito); né il grasso del mio sacrificio (chag) rimarrà fino al mattino.

Vediamo qui il contesto è il sangue del sacrificio di Yah(!) Che non deve essere offerto con lievito (chamets); e poi include il grasso dell'offerta. Giusto?

Exo 23:18 לא (Lo - non) תזבח (ha'zabach - l'offerta) על (al - con/su) zabachi - la mia( זבחי )dam - sangue( דם )chamets - lievit( חמץ חגי )cheleb - grasso( חלב )'y'lin - rimarra( ילין )v'lo - e non( ולא )offerta (chagi - della mia festa) עד (ad-fino) בקר (boqer -mattino).

Lo ha’zebach al chamets dam zabachi u’lo y’lin chelev chagi ad boqer.

Ciò che effettivamente appare qui è una profezia messianica:

Nessun chamet (lievito) sarà sulla mia offerta di sangue; e nessun grasso della mia festa rimarrà fino al mattino.

Questa è una profezia riguardante l'offerta del sangue del Mashiach che avverrà in quella festa dove non ci sono chamets (lieviti) (Pecach / Matstsah), e tutto ciò che è improprio per l'offerta (il grasso) sparirà al mattino.

Vayiqra (Levitico) 17:11
Perché l'anima della carne è nel sangue: io e lui l'abbiamo data sull'altare per fare un'espiazione per le vostre anime: perché è il sangue di Lui che fa l'espiazione nellanima.

Ora consideriamo la parola Olah.

Olah (ע ֹ ָלה) (H5930): participio attivo femminile di H5927; un passo o (collettivamente, scale, per salire); di solito un olocausto (come andare in fumo): - ascesa, offerta bruciata (sacrificio), salire verso. Vedi anche H5766.

Ma la sua radice è Alah!

Alah (ָע ָלה ) (Strong's H5927): la radice primitiva è; ascendere, intransitivamente (essere alto) o attivamente (montare); usato in una grande varietà di sensi, primari e secondari, letterali e figurativi: -sorgere (su), (causa di) ascendere, allo stesso tempo, rompere (il giorno) (su), portare (su), (causa di) bruciare, portare su, lanciare, mostrare, salire (su), (causare, fare) venire (su), tagliare, alba, partire, esaltare, eccellere, cadere, recuperare, alzarsi, andare (via, su); crescere (oltre) aumentare, deporre, saltare, prelevare, sollevare (sollevarsi), accendere, (fare) alto, × menzionare, montare, offrire, fare pagare, perfezionare, preferire, mettere (su),

sollevare, recuperare, ripristinare, (fare) salire (su), ridimensionare, impostare (su), tirare avanti (su), (iniziare a) saltare (su), agitare, portare via (su), lavorare

Vediamo qui che nella radice della parola Alah - che è scritta esattamente come la derivazione Masoretica Olah -, non c'è olocausto, né sacrificio, né offerta bruciata. Invece, è semplicemente qualcosa che ascende.

Bere'shiyth (Genesi) 22: 2
E lui disse: Prendi ora את et-tuo figlio, il tuo את et-yachiyd את et-Yitschaq, che ami, e vieni nella terra di Moriya; e offrilo là per un olocausto ascensione di fumo (olah) su una delle montagne di cui ti parlerò.

Consideriamo ora la parola Qorban.

Qorban (ׇק ְר ָבּן ) (Strong's H7133): da H7126; qualcosa che viene portato vicino all'altare, cioè un dono sacrificale: -oblazione, che viene offerta, offerta.

Qorab (Strong's H7126) (ָק ַרב ): la radice primitiva; avvicinarsi (causalmente, avvicinare) per qualsiasi scopo :-( a motivo di ) approccio, (a motivo di ) portare (avanti, vicino), (a motivo di) venire (vicino, accanto), (a motivo di) avvicinarsi (accanto) , vai (vicino), sii vicino, unisciti, sii vicino, offri, presenti, produci, resta , sostieni, prendi.

La costruzione Masoretica deduce che si tratta di qualcosa portato vicino all'altare, ma non c'è nulla nella radice della parola che punta in questa direzione.

Vayiqra (Levitico) 1:2-3
Parla ai figli di Yasharel e di' loro: Quando uno di voi porta unofferta (Qorban) a Yahuah, portate come vostra offerta (Qorban) un animale preso את eth-dalla mandria o dal gregge. 3
Se la sua offerta (Qorban) è un olocausto ascesa di fumo (Olah) di un capo preso dalla mandria, offra(karab) un maschio senza difetto; lo porterà (karab)all'ingresso della tenda di convegno di sua spontanea volontà davanti a Yahuah.

Ora è Qorban che si trova in 78 luoghi nel Tanakh e generalmente si riferisce a un sacrificio animale. Consideriamo le parole di Mashiach su questo argomento:

Marqus (Marco) 7:9b-13
Disse loro ancora: «Voi siete abili nell'annullare il comandamento di Yahuah, per osservare la vostra tradizione. 10 Mosheh infatti ha detto: "Onora את eth-tuo padre e את eth-tua madre", e: "Chi maledice il padre o la madre sia messo a morte". 11 Ma voi dite: "Se un uomo dice a suo padre o a sua madre: Tutto quello con cui potrei assisterti è Qorban cioè un'offerta, 12 non gli lasciate più far nulla per suo padre o per sua madre, 13 annullando così la parola di Yahuah con la vostra tradizione, che voi avete tramandata. E fate molte altre cose simili».

Qui, vediamo diversi punti importanti:

1- L'offerta volontaria chiamata Qorban non esenta i doveri della Torah, ma le tradizioni hanno tentato di consentirgli di farlo;

2- Qorban era un sacrificio volontario di animali - non un obbligo sacerdotale o un requisito per le feste;

3- Qorban era l'offerta di sacrifici animali che i tradizionalisti volontariamente erano disposti a convertire in altri scopi.

Quanto le persone erano disposte a interpretare come necessari questi sacrifici di sangue volontari? E quanto, tale volontà a dedicarvisi, ha creato una corruzione nel testo?

Quindi, consideriamo la parola Ishshah.

Ishshah (ִא ָשּׁה ) (Strong's H801); lo stesso di H800, ma usato in senso liturgico; correttamente, un olocausto; ma a volte di qualsiasi sacrificio :-( offerta, sacrificio), (fatto) col fuoco.

Eshshah (ֶא ָשּׁה ) (Strong's H800) femminile di H784; fuoco .

Qui vediamo che Strong's ammette prontamente che H801 è lo stesso di H800, che significa fuoco. Solo con l'aggiunta di qualche tipo di espediente abbiamo “olocausti o sacrifici”.

Vayiqra (Leviticus) 10:13
La mangerete in luogo santo, perché è la parte che spetta a te e ai tuoi figli, dei sacrifici fatti col fuoco a Yahuah, poiché così mi è stato comandato

במקום )atah( אתה )v'akal'tem E tu la mangerai( ואכלתם 10:13 Lev חקך )kee-perche( כי )Qodesh-santo( קדושׁ )b'makiym - in un luogo( (choq'en nominato per te ) וחק (v'choq e nominato) בניך (beni'ak per יהוה )m'ish'i dal mio fuoco( מאשׁי )hu - questo( הוא )i tuoi figli Yahuahכי (kee-per) כן (ken-cosi) צויתי : (Tsava'yahi - mi è stato comandato)

Ma, senza la costruzione in eccesso, abbiamo:

E la mangerai in un luogo santo, poiché è stato nominato per te e nominato per i tuoi figli, questo dal fuoco di Yahuah, come mi è stato comandato comandato.

Mentre osserviamo queste parole, ad eccezione del sacrificio volontario di Qorban, vediamo che l'idea di bruciare o sacrificare un animale non è realmente presente, ma il linguaggio è stato ampliato per ottenere questo significato.

Non appena, naturalmente, viene presentata la discussione di cui sopra, sorge la questione della macellazione dell'agnello Pecach (Pasqua). Non era richiesto un sacrificio animale?

Shemoth (Esodo) 12:21-27
Mosheh dunque chiamò tutti gli anziani di Yasharel e disse loro: «Andate e prendete degli agnelli per voi e per le vostre famiglie, e uccidete macellate (ָשׁ ַחט shâchaṭ) la Pecach. 22 Poi prenderete un mazzetto d'issopo, lo immergerete (ָט ַבל ṭâbal) nel sangue che è nel catino, e con il sangue che è nel catino spruzzerete l'architrave e i due stipiti delle porte(ְמזוּזָה metsutsah); e nessuno di voi uscirà dalla porta di casa sua fino al mattino. 23 Poiché Yahuah passerà per colpire gli את eth- Mitsriym; quando però vedrà את eth-il sangue sull'architrave e sui due stipiti, Yahuah passerà oltre la porta e non permetterà al distruttore macellatore (ָשׁ ַחט shâchaṭ) di entrare nelle vostre case per colpirvi. 24 Osservate dunque את eth-questo come una prescrizione perpetua per voi e per i vostri figli. 25 Quando sarete entrati nel paese che Yahuah vi darà, come egli ha detto, osserverete את eth-questo servizio. 26 Quando i vostri figli vi chiederanno: "Che significa per voi questo servizio?", 27 risponderete: "Questo è il sacrificio offerta (zebach) della Pecach di Yahuah, che passò oltre le case dei figli di Yasharel in Egitto, quando colpì את eth-gli Mitsriym e את eth-risparmiò le nostre case"». E il popolo si inchinò e adorò.

La risposta è sì - tuttavia notiamo che questa particolare macellazione dell'agnello era chiamata zebach (offerta) ed era ovviamente la dichiarazione profetica dello zebach del Mashiach a venire. È importante vedere qui il predecessore del battesimo - non un mikvah che è più un bagno rituale, ma piuttosto l'immersione (tabal) dell'issopo nel sangue dell'agnello. E questa offerta è stata pienamente soddisfatta con la morte del Mashiach:

Vayiqra (Levitico) 17:11
Perché l'anima della carne è nel sangue: io e lui l'abbiamo dato sull'altare per fare l'espiazione per le vostre anime: perché è il sangue di lui che fa l'espiazione dellanima.

Concludiamo con questo punto di vista:

Husha (Hosea) 6:6-7
Poiché io desidero la misericordia e non i sacrifici, e la conoscenza di Elohiym più degli olocausti. 7 Ma, come Adamo, essi hanno trasgredito il patto, hanno agito con inganno verso di me

Tehilliym (Salmo) 40:6
Tu non prendi piacere né in sacrificio né in offerta; mi hai preparato un corpo . Tu non hai chiesto né olocausto né sacrificio per il peccato.

Ivriym (Ebrei) 10:4-6
poiché è impossibile che il sangue di tori e di capri tolga i peccati. 5 Perciò, entrando nel mondo, egli dice: «Tu non hai voluto né sacrificio né offerta, ma mi hai preparato un corpo; 6 tu non hai gradito né olocausti né sacrifici per il peccato

Tehilliym (Salmo) 51:14-19a
Liberami dal sangue versato, o Elohiym, Elohai della mia yeshu`ah, e la mia lingua celebrerà con giubilo la tua giustizia. 15 O Adonai, apri le mie labbra, e la mia bocca proclamerà la tua lode. 16 Tu infatti non prendi piacere nel sacrificio, altrimenti te l'offrirei, né gradisci lolocausto (OLAH). 17 I sacrifici (zebach) di Elohiym sono lo spirito rotto; o Elohiym, tu non disprezzi il cuore rotto e contrito. 18 Fa' del bene a את eth-Tsiyon per la tua benevolenza, edifica le mura di Yerushalayim. 19 Allora prenderai piacere nei sacrifici di giustizia...

Yirmeyahu (Geremia) 7:21-23
Così dice Yahuah Tseva'oth, il Elohiai di Yasharel: «Aggiungete i vostri olocausti ai vostri sacrifici e mangiatene la carne! 22 Poiché io non parlai את eth-ai vostri padri e non diedi loro alcun ordine, quando li feci uscire dal paese Mitsrayim, riguardo agli olocausti e sacrifici; 23 ma את eth-questo comandai loro: "Ascoltate la mia voce, e io sarò il vostro Elohiym e voi sarete il mio popolo; camminate in tutte le vie che vi ho comandato, perché siate felici”.

Suscríbete

RSS Suscríbete

Indirizzo E-mail

Chazon (Revelation) 1:8

I am the א (Aleph) and the ת (Tav), the beginning and the ending, says Yahuah Elohiym, which is, and which was, and which is to come, Yahuah Tseva’oth.

Read More

Baruch Sheniy (2 Baruch) 51:8-9

For they shall behold the world which is now invisible to them and they shall behold the time which is now hidden from them: And time shall no longer age them.

Read More

Ezra Reviy'iy (4 Ezra/2 Esdras) 2:35

Be ready to the reward of the Kingdom, for the everlasting light shall shine upon you forevermore.

Read More

Devariym (Deuteronomy) 11:26-28

Behold, I set before you this day a blessing and a curse; A blessing, if ye obey the commandments of Yahuah Elohaykem, which I command you this day: And a curse, if ye will not obey the commandments of Yahuah Elohaykem but turn aside out of the way which I command you this day, to go after other elohiym, which ye have not known.

Read More

Shemoth (Exodus) 20:11

For in six days Yahuah made the heavens and the earth, the sea, and all that in them is, and rested the seventh day: wherefore Yahuah blessed the day of Shabbath, and hallowed it.

Read More

Bere'shiyth (Genesis) 1:1

In the beginning Elohiym created את the heavens and אתthe earth.

Read More

Yesha'yahu (Isaiah) 14:12

How are you fallen from heaven, O Heylel, son of the howling morning! how are you cut down to the ground, which did weaken the nations!

Read More

Yirmeyahu (Jeremiah) 31:31

Behold, the days come, says Yahuah, that I will cut a Renewed Covenant with the house of Yashar’el, and with the house of Yahudah.

Read More

Besorah Yochanon (John) 1:1

In the beginning was the Word, and the Word was with את Elohiym, and Elohiym was the Word.

Read More

Besorah Yochanon (John) 3:16

For Elohiym so loved the world, that he gave his yachiyd, that whosoever believes in him should not perish, but have everlasting life.

Read More

Besorah Yochanon (John) 14:21

He that has my commandments, and guards them, he it is that loves me: and he that loves me shall be loved of my Father, and I will love him, and will manifest myself to him.

Read More

Vayiqra (Leviticus) 23:4

These are the feasts of Yahuah, even holy assemblies, which ye shall proclaim in their appointed times.

Read More

Besorah Mattithyahu (Matthew) 1:21

And she shall bring forth a son, and you shall call his name Yahusha: for he shall save his people from their sins.

Read More

Besorah Mattithyahu (Matthew) 6:11-12

Give us this day our daily bread. And forgive us our transgressions, as we forgive those who transgress against us.

Read More

Bemidbar (Numbers) 6:24-26

Yahuah bless you, and guard you: Yahuah make his face shine upon you, and be gracious unto you: Yahuah lift up his countenance upon you, and give you peace.

Read More

Philippiym (Philippians) 2:10-11

That at the name of Yahusha every knee should bow, of things in heaven, and things in earth, and things under the earth; And that every tongue should confess that Yahuah is Yahusha Ha’Mashiach, to the glory of Elohiym the Father.

Read More

Tehilliym (Psalms) 23:1-2

Yahuah is my Shepherd; I shall not want. He makes me to lie down in green pastures: he leads me beside the still waters.

Read More

Tehilliym (Psalms) 91:1-2

He who dwells in the secret place of El Elyon shall abide under the shadow of El Shaddai. I will say of Yahuah, He is my refuge and my fortress: my Elohiym; in him will I trust.

Read More

Chazon (Revelation) 13:18

Here is wisdom. Let him that has understanding calculate the number of the beast: for it is the number of a man; and his number is χξς .

Read More

Romaiym (Romans) 8:38-39

For I am persuaded, that neither death, nor life, nor angels, nor principalities, nor powers, nor things present, nor things to come, Nor height, nor depth, nor any other creature, shall be able to separate us from the love of Yah, which is in Yahusha Ha'Mashiach our Adonai.

Read More

Qorintiym Ri'shon (I Corinthians) 13:13

And now abides faith, hope, love, these three; but the greatest of these is love.

Read More

Makkabiym Reviy'iy (4 Maccabees) 9:7-9

Make the attempt, then, O tyrant; and if you put us to death for our faith, think not that you harm us by torturing us. For we through this ill treatment and endurance shall bear off the rewards of virtue. But you, for the wicked and despotic slaughter of us, shall, from the divine vengeance, endure eternal torture by fire.

Read More

Daniy'el (Daniel) 12:1

And at that time shall Miyka’el stand up, the great prince which stands for the children of your people: and there shall be a time of trouble, such as never was since there was a nation even to that same time: and at that time your people shall be delivered, everyone that shall be found written in the cepher.

Read More

Chanoch (Enoch) 105:14-15

A great destruction therefore shall come upon all the earth; a deluge, a great destruction shall take place in one year. This child, who is born to your son shall survive on the earth, and his three sons shall be saved with him. When all mankind who are on the earth shall die, he shall be safe.

Read More

Yo'el (Joel) 2:28

And it shall come to pass afterward, that I will pour out my Ruach upon all flesh; and your sons and your daughters shall prophesy, your old men shall dream dreams, your young men shall see visions.

Read More