Italian Blog

Blog: Italian Blog

< Ritornare Alla

Lingue di fuoco: il battesimo del Ruach Ha'Qodesh tra i figli di Yashar'el

Autore: Pietro Nencioni / 10.8.2019

 

Cominciamo con una comprensione del Ruach Ha’Qodesh (interpretato in inglese come lo Spirito Santo):

La frase Ruach Qodesh’u appare solo due volte nel Tanakh:

Yesha`yahu (Isaia) 63:10 e 63:11. (רוח קדשׁו)
Ma essi si ribellarono e contristarono il suo Ruach HaQodesh; perciò egli divenne loro nemico e combattè contro di loro. 11 Allora il suo popolo si ricordò dei giorni antichi di Mosheh. Dov'è colui che li fece uscire dal mare col pastore del suo gregge? Dov'è colui che metteva in mezzo a loro il suo Ruach HaQodesh?

Ora, la radice della parola ruach (Strong’s H7306) significa soffiare o respirare; nella sua forma di sostantivo, significa vento; per la somiglianza col respiro, cioè un'espirazione sensibile (o perfino violenta).

Prendiamoci un momento e poniamo la domanda: dove abbiamo preso la nozione di "spirito" o "fantasma" (nella KJV si usa il termine Holy Ghost o Holy Spirit)?

Iniziamo con una discussione sulle divinità Sumeriche che sono state sollevate per favorire il grande inganno che sta arrivando sulla terra. Spetta quindi a me innalzare le Scritture in contrapposizione, per dimostrare che l'interpretazione delle Sumero Enuma Elish (tavolette sumere) non contraddicono in realtà l'Ivriyt (ebraico), ma piuttosto stabiliscono una rudimentale distorsione a ciò che sarebbe stato chiarito nella scrittura di Mosheh e nella trasmissione della Torah.

Iniziamo con la discussione sul "creatore" Sumero chiamato Enlil. Enlil / Ellil fu una delle divinità supreme del pantheon Mesopotamico, che decretò i destini, il cui comando non poteva essere modificato e che concesse la regalità.

Si è discusso molto della scrittura, dell'etimologia e quindi del significato del nome. Questi elementi sono importanti da discutere perché riguardano anche un'analisi delle funzioni di questa divinità. La parola Sumera "líl", il cui equivalente Accadico è zaqīqu, significa "fantasma, spettro, presenza" (Michalowski 1989: 98; Tinney 1996: 129-30; Michalowski 1998). L'interpretazione di "líl" come "vento" è apparentemente uno sviluppo secondario del primo millennio a.C. (Tinney 1996: 129), che ha portato a un'interpretazione del nome di Enlil come "Signore del vento" o "Signore dell'Aria" (ad es. Jacobsen 1989). Notiamo qui la delineazione della parola "Signore" in questa descrizione. 

Il nome di "Enlil" potrebbe anche essere descritto dal segno cuneiforme usato per il numero "50". Nei testi letterari, Enlil aveva anche il nome Nunamnir, che forse significa "colui che è rispettato" (Edzard 1965: 60).

Enlil è regolarmente rappresentato con un elmo cornuto (Edzard 1965: 61).

La scrittura del nome di Enlil è incerta quando non è scritta in modo sillabico. La questione principale riguarda la difficile paleografia del 4 ° e 3 ° millennio, perché mentre viene concordato il segno iniziale del nome di Enlil: EN; il segno finale è problematico in quanto non è standardizzato nella paleografia antica o nella sua lettura da studiosi moderni (per una discussione di questi problemi vedi Edzard 2003, Englund 1998: 72-76; Englund 2011; Jacobsen 1989; Steinkeller 1989: 114 n .36; Steinkeller 2010; Wang 2011). La questione è ancora più confusa poiché la lettura dei segni è considerata significativa per una comprensione dell'etimologia e della funzione di Enlil (vedi sopra).

Verso la fine del terzo millennio il secondo segno è scritto con un simbolo che viene letto "líl" e nelle ortografie sillabiche Accadiche il nome di Enlil diventa Ellil, a causa dell'assimilazione della / n /  e  / l / in una forma raddoppiata / ll /.

Forme scritte:

en-líl, 50, nu-nam-nir

Forme normalizzate:

Enlil, Elil; Nunamnir (testi letterari); Illinos (greco) (Illinois?!? - Chi lo sa?)

Nun am nir, tuttavia, avrebbe un significato diverso nell'Ivriyt (ebraico).

NUN (נוּן) (Strong’s 5125); nella radice primitiva; ricacciare, ovvero propagarsi per germogli; in senso figurato, per essere perpetui: —essere continuo.

AM (עַם) (Strong’s H5971) da H6004; un popolo (come unità congregata); in particolare, una tribù (come quelle di Israele); quindi truppe o assistenti (collettivamente); in senso figurato, un gregge: —gente, uomini, nazione, persone.

NIR (נִיר) (Strong’s H5216) o נִר nir; anche נֵיר nêyr; o נֵר nêr; o (femminile) נֵרָה nêrâh; da una radice primitiva (vedi H5214; H5135) correttamente, che significa luccicare; una lampada (cioè il bruciatore) o una luce (letteralmente o figurativamente): - candela, lampada, luce.

In Ivriyt: Nun-am-nir è la "luce che fa propagare le persone ad essere perpetue".

Tuttavia, vediamo che il nome Elil è stato normalizzato per adattarsi alle nostra comune ortografia (con il nome proprio in maiuscolo).

Supponiamo per un momento che l'ortografia fosse piuttosto EL-IL. Ora vediamo cosa appare in Ivriyt:

Usha (Osea) 11:7
Il mio popolo tende ad allontanarsi da me; malgrado invocano EL AL (l’Altissimo), nessuno di essi lo esalta.

וְעַמִּי תְלוּאִים לִמְשׁוּבָתִי וְאֶל־עַל יִקְרָאֻהוּ יַחַד לֹא יְרוֹמֵם׃

Traslitterato:  V’am’i taloayim l’mashub’oth’i v’EL AL y’qarath’u yachad lo y’rumiym

Osservando da vicino l'Ivriyt sottostante troviamo le due parole EL e AL:

EL (אֵל) (Strong’s H410) (abbreviato da H352 [eyl]) che significa forza o potenza; specialmente l'Onnipotente;

AL (עַל) al (Strong's 5920); correttamente, la parte superiore; in particolare, il più alto; anche (come avverbio) in alto, sopra, alto, molto alto.

EL-AL - l'Onnipotente più Alto (L'Altissimo). Ciò è coerente con la comprensione di Elil nel Sumerico? Tuttavia, abbiamo qualcosa di più specifico qui, perché nella comprensione sumera, EL-IL è interpretato come un fantasma, il vento, un respiro o aria. Questo suona familiare?

Nota: la parola radice per EL è EYL (אַיִל) (Strong's H352). Possiamo vedere qui che la trascrizione nel Sumerico traduce tre lettere. Pertanto, non è la confusione di due ll (elle) che ha reso la determinazione che la forma dell'ortografia era Ellil, ma piuttosto le tre lettere aleph-yod-lamed che veniva letta come Aleph-nun-lamed (non insolita), che rendeva l'ortografia E-N-L-I-L, scritto più accuratamente nel sottostante Ivriyt E-Y-L-A-L, o nel suo uso comune EL AL.

Ora capiamo perché gli interpreti del KJV hanno usato l'interpretazione inglese (Holy Ghost) dello Spirito Santo come la testualizzazione preferita di "hagia pneuma" trovata in Greco.

In Greco, la frase interpretata dai traduttori inglesi come Spirito Santo è ἅγιος πνεῦμα (hagia pneuma).

Quindi, "hagia" significa sacro (fisicamente, puro, moralmente irreprensibile o religioso, cerimoniale, consacrato): —( la maggior parte) santo (una cosa), santa e "pneuma" viene da G4154; significa una corrente d'aria, cioè respiro (esplosione) o brezza; per analogia o in senso figurato, uno spirito.

In entrambi i casi, sia in Greco che in Ebraico, vediamo che la frase interpretata come Spirito Santo deriva da parole che significano sacro, consacrato o santo, respiro o espirazione. Con questa comprensione, ora è possibile entrare nella controversia di Agostino sul fatto che il Ruach proceda solo dal Padre (posizione ortodossa), o dal Padre e dal Figlio (posizione Agostiniana).

Yesha`yahu (Isaia) 63:7-9
Io ricorderò le benignità di Yahuah, le lodi di Yahuah per tutto ciò che Yahuah ci ha largito e la grande bontà usata alla casa di Yashar’el, concessa loro secondo le sue compassioni e secondo la sua grande benevolenza. 8 Egli infatti aveva detto: «Essi sono veramente il mio popolo, figli che non agiranno falsamente». Così divenne il loro Salvatore. 9 In ogni loro afflizione egli fu afflitto, e l'Angelo della sua presenza li salvò; nel suo amore e nella sua compassione li redense, li sollevò e li portò tutti i giorni del passato.

Yesha`yahu (Isaia) 63:10-11
Ma essi si ribellarono e contristarono il suo Ruach HaQodesh; perciò egli divenne loro nemico e combattè contro di loro. 11 Allora il suo popolo si ricordò dei giorni antichi di Mosè. Dov'è colui che li fece uscire dal mare col pastore del suo gregge? Dov'è colui che metteva in mezzo a loro il suo Ruach HaQodesh,

Yesha`yahu (Isaia) 63:12-14
che li guidava per mezzo della destra di Mosè con il suo braccio glorioso, che divise le acque davanti a loro per farsi un nome eterno, 13 che li condusse attraverso gli abissi, come un cavallo nel deserto, perché non inciampassero? 14 Come il bestiame scende nella valle, il Ruach Yahuah li fece riposare: così tu guidasti il tuo popolo, per farti un nome glorioso.

Vedete qui, che il dono del Ruach Ha’Qodesh - il Ruach Yahuah - è stato dato per rendere il nome glorioso. Il nome è inseparabile dalla comprensione della parola. Ma poiché è buono e la sua misericordia dura per sempre, ci ha teso il braccio ancora e ancora.

Yirmeyahu (Geremia) 31:31-33; Ivriym (Ebrei) 8:8-10
Ecco, verranno i giorni», dice Yahuah, «nei quali stabilirò un patto rinnovato con la casa di Yashar’el e con la casa di Yahudah; 32 non come il patto che ho stabilito con i loro padri nel giorno in cui li presi per mano per farli uscire dal paese di Mitsrayim, perché essi violarono il mio patto, benché io fossi loro sposo», dice Yahuah. 33 «Ma questo è il patto che stabilirò con la casa di Yashar’el dopo quei giorni», dice Yahuah: «Metterò la mia Torah nella loro mente e la scriverò sul loro cuore, e io sarò il loro Elohiym ed essi saranno il mio popolo.

È scritto ulteriormente:

Yochanon (Giovanni) 14:25-27
Vi ho detto queste cose, mentre ero con voi; 26 ma il Consolatore, il Ruach HaQodesh che il Padre manderà nel mio nome, vi insegnerà ogni cosa e vi ricorderà tutto ciò che vi ho detto. 27 Io vi lascio la pace, vi do la mia pace; io ve la do, non come la dà il mondo; il vostro cuore non sia turbato e non si spaventi.

Quindi, una domanda: come si chiama il Ruach Ha’Qodesh? Il Ruach viene inviato nel nome di Yahusha, no?

Yochanon (Giovanni) 20:19-23
Ora, la sera di quello stesso giorno, il primo degli Shabbath, mentre le porte del luogo dove erano radunati i Talmidiym erano serrate per paura dei Yahudiym, Yahusha venne e si presentò là in mezzo, e disse loro: «Pace a voi!». 20 E, detto questo, mostrò loro le sue mani e il costato. I Talmidiym dunque, vedendo Adonai (Dal greco kyrie), si rallegrarono. 21 Poi Yahusha di nuovo disse loro: «Pace a voi! Come il Padre ha mandato me, così io mando voi». 22 E, detto questo, soffiò su di loro e disse: «Ricevete il Ruach HaQodesh. 23 A chi perdonerete i peccati, saranno perdonati, e a chi li riterrete, saranno ritenuti».

Il respiro procede dalla bocca del Figlio? Sì, come testimonia questa Scrittura.

Vediamo diverse cose qui:

Il respiro sacro procede dal Figlio

Prima avevano paura, ma ora sono stati incoraggiati ad andare - cosi come li ha inviati.

Gli fu data l'autorità di rimettere o trattenere il peccato

Luqas (Luca) 11:9-13
Perciò vi dico: Chiedete e vi sarà dato; cercate e troverete; bussate e vi sarà aperto. 10 Poiché chiunque chiede riceve, chi cerca trova e sarà aperto a chi bussa. 11 E chi è tra voi quel padre che, se il figlio gli chiede del pane, gli dà una pietra? O se gli chiede un pesce gli dà al posto del pesce una serpe? 12 O se gli chiede un uovo, gli dà uno scorpione? 13 Se voi dunque, che siete malvagi, sapete dare buoni doni ai vostri figli, quanto più il vostro Padre celeste donerà lo Ruach Ha’Qodesh a coloro che glielo chiedono?» 

Il Ruach Ha’Qodesh è lì per chiederlo - è davvero molto semplice. Ma vediamo come è accaduto tra i Talmidiym:

Ma’asiym (Atti) 1:1-5
Io ho fatto il primo trattato, o Theophilus, circa tutte le cose che Yahusha prese a fare e ad insegnare, 2 fino al giorno in cui fu portato in cielo, dopo aver dato dei comandamenti per mezzo del Ruach Ha’Qodesh agli apostoli che egli aveva scelto. 3 Ad essi, dopo aver sofferto, si presentò vivente con molte prove convincenti, facendosi da loro vedere per quaranta giorni e parlando delle cose riguardanti il Regno di Yahuah4 E, ritrovandosi assieme a loro, comandò loro che non si allontanassero da Yerushalayim, ma che aspettassero la promessa del Padre: «Che, egli disse, voi avete udito da me. 5 Perché Yahuchanon battezzò con acqua, ma voi sarete immersi con il Ruach HaQodesh, fra non molti giorni».

Il comando era di non allontanarsi da Yerushalayim - ma aspettare! Aspettare che fossero immersi nel Ruach Ha'Qodesh - immersi nel sacro respiro di Yahuah che procede nel nome di Yahusha.

Ma’asiym (Atti) 1:6-9
Così quelli che erano riuniti assieme lo interrogarono, dicendo: «Adonai, è in questo tempo che ristabilirai il Regno a Yashar’el?». 7 Ma egli disse loro: «Non sta a voi di sapere i tempi e i momenti adatti, che il Padre ha stabilito di sua propria autorità8 Ma voi riceverete potenza quando il Ruach Ha'Qodesh verrà su di voi, e mi sarete testimoni in Yerushalayim e in tutta la Yahud, in Shomeron e fino all'estremità della terra». 9 Dette queste cose, mentre essi guardavano, fu sollevato in alto; e una nuvola lo accolse e lo sottrasse dai loro occhi.

Ma’asiym (Atti) 2:1-4
Come giunse il giorno di Shavu’oth, essi erano tutti riuniti con una sola mente nello stesso luogo. 2 E all'improvviso venne dal cielo un suono come di vento impetuoso che soffia, e riempì tutta la casa dove essi sedevano. 3 E apparvero loro delle lingue come di fuoco che si dividevano, e andarono a posarsi su ciascuno di loro. 4 Così furono tutti ripieni di Ruach Ha'Qodesh e cominciarono a parlare in altre lingue, secondo che lo Ruach dava loro di esprimersi.

In Ivriyt, un forte vento è un ruach me’od (רוּחַ מְאֹד). Ora vedi l'uso di Ivriyt per trasmettere la somiglianza tra il vento e il ruach.

Yochanon (Giovanni) 3:7-8
Non meravigliarti se ti ho detto: "Dovete nascere di nuovo". 8 Il vento (RUACH) soffia dove vuole e tu ne odi il suono, ma non sai da dove viene né dove va; così è per chiunque è nato dal Ruach».

Ma il Ruach Ha’Qodesh non è semplicemente riservato a pochi, ma piuttosto a tutti:

Ma’asiym (Atti) 2:36-39
Sappia dunque con certezza tutta la casa di Yashar’el che Yahuah ha fatto quel Yahusha che voi avete crocifisso, lo ha fatto Yahuah e Mashiach». 37 Or essi, udite queste cose, furono compunti nel cuore e chiesero a Pietro e agli apostoli: «Fratelli, che dobbiamo fare?». 38 Allora Kepha disse loro: «Ravvedetevi e ciascuno di voi sia battezzato nel nome di Yahuah-Yahusha per il perdono dei peccati, e voi riceverete il dono del Ruach Ha’Qodesh. 39 Poiché la promessa è per voi e per i vostri figli e per tutti coloro che sono lontani, per quanti Yahuah Elohaynu  ne chiamerà».

Quanti Yahuah Elohaynu ne chiamerà. . .

Ma’asiym (Atti) 4:29-31
Ed ora, Adonai, considera le loro minacce e concedi ai tuoi servi di annunziare la tua parola con ogni franchezza, 30 stendendo la tua mano per guarire e perché si compiano segni e prodigi nel nome del tuo santo Figlio Yahusha». 31 E, dopo che ebbero pregato, il luogo dove erano radunati tremò; e furono tutti ripieni di Ruach HaQodesh, e annunziavano la parola di Yahuah con franchezza.

Quindi vediamo che la preghiera è stata innalzata nel nome di Yahusha e quando hanno pregato in questo nome, sono stati riempiti con il Ruach Ha’Qodesh e hanno iniziato a pronunciare la Parola di Yahuah con audacia.

Esiste quindi un battesimo separato del Ruach Ha’Qodesh (battesimo dello Spirito Santo)?

Ma’asiym (Atti) 8:14-17
Ora gli apostoli che erano a Yerushalayim, quando seppero che Shomeron aveva ricevuta la parola di Yahuah, mandarono loro Kepha e Yochanon. 15 Giunti là, essi pregarono per loro, affinché ricevessero il Ruach HaQodesh, 16 (perché non era ancora disceso su alcuno di loro, ma essi erano soltanto stati battezzati nel nome del Adonai Yahusha). 17 Imposero quindi loro le mani ed essi ricevettero il Ruach HaQodesh.

Quindi, vediamo che pregando e poi imponendo loro le mani, hanno ricevuto il Ruach Ha’Qodesh.

Ma’asiym (Atti) 9:10-14
Or a Damascus vi era un Talmiyd di nome Chananyahu, al quale Yahuah disse in visione: «Chananyahu!». Ed egli rispose: «Eccomi, Adonai!». 11 E Adonai a lui: «Alzati e recati nella strada detta Diritta, e cerca in casa di Yahudah un uomo di Tarsus di nome Sha’ul, che sta pregando; 12 egli ha visto in visione un uomo, di nome Chananyahu, entrare e imporgli le mani perché ricuperi la vista». 13 Allora Chananyahu rispose: «Adonai, io ho sentito molti parlare di quest'uomo di quanto male ha fatto ai tuoi qodeshiym in Yerushalayim. 14 E qui ha l'autorizzazione dai capi dei sacerdoti, di imprigionare tutti coloro che invocano il tuo nome».

Come vediamo qui, è Sha’ul di Tarso (che in seguito sarebbe stato chiamato Pa’al) a cui era stata data l'autorità di legare tutti coloro che invocavano il nome di Yahuah. Prima, questo era un mistero - ma non più. Ora capisco perché Shaul ha ricevuto una commissione del genere.

Ma’asiym (Atti) 9:17-20
Chananyahu dunque andò ed entrò in quella casa; e, imponendogli le mani, disse: «Fratello Sha’ul, Adonai Yahusha, che ti è apparso sulla via per la quale venivi, mi ha mandato perché tu ricuperi la vista e sii ripieno di Ruach Ha’Qodesh». 18 In quell'istante gli caddero dagli occhi come delle scaglie, e riacquistò la vista; poi si alzò e fu battezzato. 

Il persecutore perseguitato 

19 E, dopo aver preso cibo, egli ricuperò le forze. Poi Sha’ul rimase alcuni giorni con i Talmidiym che erano a Damascus. 20 E subito si mise a predicare il Mashiach nelle sinagoghe, proclamando che egli è il Figlio di Elohiym.

Ancora una volta, vediamo l'imposizione delle mani e il riempimento del Ruach Ha’Qodesh (il respiro sacro).

Ok, prendiamoci un momento qui per parlare di nascere di nuovo. 

Yochanon (Giovanni) 3:3-8
Yahusha gli rispose e disse: «Amein, Amein ti dico che se uno non è nato di nuovo, non può vedere il regno di Yahuah». Niqodiymon gli disse: «Come può un uomo nascere quando è vecchio? Può egli entrare una seconda volta nel grembo di sua madre e nascere?». Yahusha rispose: «Amein, Amein ti dico che se uno non è nato d'acqua e di Ruach, non può entrare nel Regno di Yahuah. Ciò che è nato dalla carne è carne; ma ciò che è nato dal Ruach è ruach. Non meravigliarti se ti ho detto: "Dovete nascere di nuovo". Il vento (ruach) soffia dove vuole e tu ne odi il suono, ma non sai da dove viene né dove va; così è per chiunque è nato dal Ruach».

Ora guarda la tua prima nascita:

Bere’shiyth (Genesis) 2:7
Allora Yahuah Elohiym formò l'uomo dalla polvere della terra, gli soffiò nelle narici un alito di vita (na’shemah Chayim), e l'uomo divenne un anima vivente (nephesh Chaya).

Cosa significa rinascere? Lavare via il vecchio in un'immersione e ricevere per imposizione delle mani il secondo respiro della vita, che è il Ruach Ha’Qodesh.

Il Talmidiym lo praticava?

Ma’asiym (Atti) 10:44-48
Mentre Kepha stava ancora dicendo queste cose, il Ruach HaQodesh scese su tutti coloro che udivano la parola. 45 E tutti i credenti circoncisi, che erano venuti con Kepha, rimasero meravigliati che il dono del Ruach Ha’Qodesh fosse stato sparso anche sulle altre nazioni, 46 perché li udivano parlare in altre lingue e magnificare Yah. Allora Kepha prese a dire: 47 «Può alcuno vietare l'acqua, perché siano immersi costoro che hanno ricevuto il Ruach Ha’Qodesh proprio come noi?». 48 Così egli comandò che fossero immersi nel nome del Adonai Yahusha Ha’Mashiach.  Essi poi lo pregarono di rimanere con loro alcuni giorni.

Quindi qui vediamo che il Ruach Ha’Qodesh è stato dato prima dell'immersione in acqua. L'ordine non è necessario, ma lo sono entrambi il Ruach e l’acqua.

Ma’asiym (Atti) 19:1-6
Ora, mentre Apollos era a Qorinth, Pa’al, attraversate le località più alte del paese, giunse ad Ephesus e, trovati là alcuni Talmidiym, disse loro: «Avete ricevuto il Ruach Ha’Qodesh, quando avete creduto?». Quelli gli risposero: «Non abbiamo neppure udito che vi sia un Ruach Ha’Qodesh». E disse loro: «Con quale immersione dunque siete stati immersi?». Essi risposero: «Con l’immersione di Yahuchanon». Allora Pa’al disse: «Yahuchanon immerse con l’immersione di ravvedimento, dicendo al popolo che dovevano credere in colui che veniva dopo di lui, cioè in Mashiach Yahusha». Udito questo, furono immersi nel nome del Adonai Yahusha. E, quando Pa’al impose loro le mani, il Ruach Ha’Qodesh scese su di loro e parlavano in altre lingue e profetizzavano.

Ancora una volta vediamo l'imposizione delle mani quando furono immersi nel nome di Yahusha, e parlarono in lingue e profetizzarono.

Qorintiym Ri’shon (1 Corinthians) 12:1-4
Ora, fratelli, non voglio che siate nell'ignoranza riguardo ai doni spirituali. Voi sapete che quando eravate di altre nazioni, eravate trascinati dietro gli idoli muti, dietro l'impulso del momento. Perciò vi faccio sapere che nessuno, parlando per il Ruach Yahuah, dice: «Yahusha è anatema»; e che altresì nessuno può dire: «Yahuah è Yahusha», se non per il Ruach Ha’Qodesh. Or vi sono diversità di doni, ma non vi è che un medesimo Ruach.

In breve questo dice che nessun uomo può dire che Yahuah è Yahusha se non per la benedizione del Ruach Ha’Qodesh.

Tuttavia, la benedizione della dimora de Ruach continua:

Qorintiym Ri’shon (1 Corinzi) 12:5-11
Vi sono anche diversità di ministeri, ma non vi è che un medesimo Yahuah. Vi sono parimenti diversità di operazioni, ma non vi è che un medesimo Yah, il quale opera tutte le cose in tutti. Or a ciascuno è data la manifestazione del Ruach per l'utilità comune. A uno infatti è data, per mezzo dello Ruach, parola di sapienza; a un altro, secondo il medesimo Ruach, parola di conoscenza; a un altro fede, dal medesimo Ruach; a un altro doni di guarigioni, per mezzo del medesimo Ruach; a un altro potere di compiere potenti operazioni; a un altro profezia; a un altro discernimento degli spiriti; 10 a un altro diversità di lingue; a un altro l'interpretazione delle lingue. 11 Or tutte queste cose le opera quell'unico e medesimo Ruach, che distribuisce i suoi doni a ciascuno in particolare come vuole.

Infine, vediamo il frutto del Ruach:

Galatiym (Galatians) 5:22-23
Ma il frutto dello Ruach è: amore, gioia, pace, pazienza, gentilezza, bontà, fede, mansuetudine, autocontrollo. 23 Contro tali cose non vi è legge.

Ora è il momento per noi di renderci conto che la conoscenza della Parola non significa che tu sia rinato d'acqua e di Ruach. Questi sono componenti necessari per nascere di nuovo, perché il respiro entra una volta nelle narici (il nashema Chayim) per rendere la polvere un'anima vivente (nephesh Chaya) e deve rientrare un altra volta per nascere di nuovo. Non esitiamo a correre verso questo battesimo.

Suscríbete

RSS Suscríbete

Indirizzo E-mail

Chazon (Revelation) 1:8

I am the א (Aleph) and the ת (Tav), the beginning and the ending, says Yahuah Elohiym, which is, and which was, and which is to come, Yahuah Tseva’oth.

Read More

Baruch Sheniy (2 Baruch) 51:8-9

For they shall behold the world which is now invisible to them and they shall behold the time which is now hidden from them: And time shall no longer age them.

Read More

Ezra Reviy'iy (4 Ezra/2 Esdras) 2:35

Be ready to the reward of the Kingdom, for the everlasting light shall shine upon you forevermore.

Read More

Devariym (Deuteronomy) 11:26-28

Behold, I set before you this day a blessing and a curse; A blessing, if ye obey the commandments of Yahuah Elohaykem, which I command you this day: And a curse, if ye will not obey the commandments of Yahuah Elohaykem but turn aside out of the way which I command you this day, to go after other elohiym, which ye have not known.

Read More

Shemoth (Exodus) 20:11

For in six days Yahuah made the heavens and the earth, the sea, and all that in them is, and rested the seventh day: wherefore Yahuah blessed the day of Shabbath, and hallowed it.

Read More

Bere'shiyth (Genesis) 1:1

In the beginning Elohiym created את the heavens and אתthe earth.

Read More

Yesha'yahu (Isaiah) 14:12

How are you fallen from heaven, O Heylel, son of the howling morning! how are you cut down to the ground, which did weaken the nations!

Read More

Yirmeyahu (Jeremiah) 31:31

Behold, the days come, says Yahuah, that I will cut a Renewed Covenant with the house of Yashar’el, and with the house of Yahudah.

Read More

Besorah Yochanon (John) 1:1

In the beginning was the Word, and the Word was with את Elohiym, and Elohiym was the Word.

Read More

Besorah Yochanon (John) 3:16

For Elohiym so loved the world, that he gave his yachiyd, that whosoever believes in him should not perish, but have everlasting life.

Read More

Besorah Yochanon (John) 14:21

He that has my commandments, and guards them, he it is that loves me: and he that loves me shall be loved of my Father, and I will love him, and will manifest myself to him.

Read More

Vayiqra (Leviticus) 23:4

These are the feasts of Yahuah, even holy assemblies, which ye shall proclaim in their appointed times.

Read More

Besorah Mattithyahu (Matthew) 1:21

And she shall bring forth a son, and you shall call his name Yahusha: for he shall save his people from their sins.

Read More

Besorah Mattithyahu (Matthew) 6:11-12

Give us this day our daily bread. And forgive us our transgressions, as we forgive those who transgress against us.

Read More

Bemidbar (Numbers) 6:24-26

Yahuah bless you, and guard you: Yahuah make his face shine upon you, and be gracious unto you: Yahuah lift up his countenance upon you, and give you peace.

Read More

Philippiym (Philippians) 2:10-11

That at the name of Yahusha every knee should bow, of things in heaven, and things in earth, and things under the earth; And that every tongue should confess that Yahuah is Yahusha Ha’Mashiach, to the glory of Elohiym the Father.

Read More

Tehilliym (Psalms) 23:1-2

Yahuah is my Shepherd; I shall not want. He makes me to lie down in green pastures: he leads me beside the still waters.

Read More

Tehilliym (Psalms) 91:1-2

He who dwells in the secret place of El Elyon shall abide under the shadow of El Shaddai. I will say of Yahuah, He is my refuge and my fortress: my Elohiym; in him will I trust.

Read More

Chazon (Revelation) 13:18

Here is wisdom. Let him that has understanding calculate the number of the beast: for it is the number of a man; and his number is χξς .

Read More

Romaiym (Romans) 8:38-39

For I am persuaded, that neither death, nor life, nor angels, nor principalities, nor powers, nor things present, nor things to come, Nor height, nor depth, nor any other creature, shall be able to separate us from the love of Yah, which is in Yahusha Ha'Mashiach our Adonai.

Read More

Qorintiym Ri'shon (I Corinthians) 13:13

And now abides faith, hope, love, these three; but the greatest of these is love.

Read More

Makkabiym Reviy'iy (4 Maccabees) 9:7-9

Make the attempt, then, O tyrant; and if you put us to death for our faith, think not that you harm us by torturing us. For we through this ill treatment and endurance shall bear off the rewards of virtue. But you, for the wicked and despotic slaughter of us, shall, from the divine vengeance, endure eternal torture by fire.

Read More

Daniy'el (Daniel) 12:1

And at that time shall Miyka’el stand up, the great prince which stands for the children of your people: and there shall be a time of trouble, such as never was since there was a nation even to that same time: and at that time your people shall be delivered, everyone that shall be found written in the cepher.

Read More

Chanoch (Enoch) 105:14-15

A great destruction therefore shall come upon all the earth; a deluge, a great destruction shall take place in one year. This child, who is born to your son shall survive on the earth, and his three sons shall be saved with him. When all mankind who are on the earth shall die, he shall be safe.

Read More

Yo'el (Joel) 2:28

And it shall come to pass afterward, that I will pour out my Ruach upon all flesh; and your sons and your daughters shall prophesy, your old men shall dream dreams, your young men shall see visions.

Read More