×

Italian Blog

Blog: Italian Blog

< Ritornare Alla

Il Linguaggio del Nuovo Testamento

Autore: Pietro Nencioni / 8.27.2019

 

Uno dei presupposti che abbiamo preso all'Eth Cepher è che tutte le scritture sono state concepite in Ivriyt, che noi intendiamo in termini moderni come Ebraico. C'è chi non è d'accordo, sostenendo che il Brit Chadasha (Nuovo Testamento) fosse inspirato in aramaico, in greco o in latino.

Le prime versioni esistenti dell'aramaico Peshitta risalgono al V secolo d.C. ed escludono La seconda lettera di Pietro, La seconda lettera di Giovanni, La terza lettera di Giovanni, La lettera di Giuda e Rivelazione di Giovanni. Nessuno di questi testi era canonico nella chiesa Siriana.

Tuttavia, la chiesa Siriaca sostiene che il loro testo esisteva già nel II secolo. Ci sono motivi di traduzione che possono indicare che la creazione di alcune lettere di Paal  era originariamente esposta in aramaico e che c'erano problemi di traduzione difficili quando si spostava il testo dall'aramaico al greco e non viceversa.

I cinque libri esclusi furono aggiunti nella versione Harklean (616 d.C.) di Tommaso da Harqel. Geoffrey W. Bromiley, The International Standard Bible Encyclopedia: Q-Z (1995), op. cit, pag. 976. Tuttavia, la United Bible Society del 1905 Peshitta usò nuove edizioni preparate dal Siriaco Irlandese John Gwynn per i libri mancanti.

Il Nuovo Testamento Greco non si mostra in una forma completa fino all'inizio del quarto secolo. Presumibilmente, questa forma è il Codice Sinaitico. Il Codice Sinaitico è una copia manoscritta della Bibbia Greca. Il Codice Sinaitico non fu scoperto fino al XIX secolo da

Constantin von Tischendorf. Sebbene manchi gran parte del Tanakh, tutto il Nuovo Testamento fu incluso, insieme a tutti i libri deuterocanonici, l'Epistola di Barnaba e le parti del Pastore di Hermas. Aland, Kurt; Barbara Aland (1995). Il testo del Nuovo Testamento: un'introduzione alle edizioni critiche e alla teoria e pratica della critica testuale moderna, trans. Erroll F. Rhodes. Grand Rapids, Michigan: William B. Eerdmans Publishing Company. p. 107. ISBN 978-0-8028-4098-1.

Il Codice Sinaitico includeva Tobia, Giuditta, 1 Maccabeo, 2 Maccabei, Saggezza di Salomone, Saggezza di Siracide (anche chiamato Ecclesiasticus), Baruch tra cui la Lettera di Yirmeyahu, Aggiunte a Ester, Aggiunte a Daniele: [Preghiera di Azariah e Canzone dei Tre Santi Bambini  (Septuagint Daniel 3: 24–90), Susanna (prologo Septuagint, Vulgate Daniel 13), Bel and il Drago (epilogo di Septuaginta, Vulgate Daniel 14); La preghiera di Manasse; 1 Esdra; 3 maccabei; e Salmo 151.

Tuttavia, la "scoperta" di Tischendorf fu contestata direttamente proprio in quel momento da un noto studioso di manoscritti / lingue, greco di nascita, dal nome del dottor Constantine Simonides, che sosteneva di aver scritto questo Codice per lo Zar di Russia. Ha sfidato apertamente Tischendorf sull'autenticità del Codex Sinaiticus per quattro anni, in Inghilterra.

Il 13 settembre 1862, in un articolo di The Guardian, Simonides affermò di essere il vero autore del Codice Sinaitico e di averlo scritto nel 1839. Secondo lui era "l'unica opera povera della sua giovinezza". Secondo Simonides, visitò il Sinai nel 1852 e vide il codice.

Simonide aveva scritto a The Guardian per dimostrare che era il creatore del Sinaiticus, che aveva fatto il lavoro per oltre un anno nel Monastero sul Monte Athos, iniziò nel 1839 e un anno o due dopo consegnò il codice al monastero del Sinai e, dopo che Tischendorf lo aveva pubblicato, vide il Codice a Liverpool nel 1860 e lo riconobbe come opera propria.

Vedi, The Great Bible Hoax del 1881, https://greatbiblehoax.blogspot.com/2012/11/the-truth-about-constantine-simonides.html

Anche il Codice Vaticano è sospetto. Anche il Codex Vaticanus fu una scoperta molto tardiva, trovata per la prima volta nel 1481, situata nella biblioteca Vaticana a Roma. Ecco perché si chiama Codice Vaticano. Questo manoscritto tuttavia è come il suo partner corrotto Codex Sinaiticus, ed è anche pieno di omissioni, inserzioni ed emendamenti.

John W Burgon dice questo riguardo a questo Codice: "L'impurità del testo esibito da questi codici non è una questione di opinione ma di fatto ... Nei soli Vangeli, il Codice B (Vaticano) lascia fuori parole o intere clausole non meno di 1.491 volte. Porta tracce di trascrizioni imprudenti in ogni pagina ... “

Secondo The Westminster Dictionary of the Bible, "Va notato ... che non vi sono importanti Biblici (manoscritti) in cui si verificano casi così gravi di errori di ortografia, grammatica errata e omissione, come nel (Codice) B."

Tuttavia, cercare di trovare un testo esistente in latino è un totale fallimento. Gran parte della pretesa latina di credulità sta nelle rivendicazioni agiografiche dell'Epistola di Eusebio di Cremona (Epistola de morte Hieronymi) e dell'Epistola di Cirillo di Gerusalemme (Epistola ad Cyrillum de magnificentiis Hieronymi). Tuttavia, tutti questi sono falsi che sono stati creati nel 14 ° e 15 ° secolo.

Ad esempio, le tre lettere che costituiscono l'Epistola di Eusebio di Cremona erano originariamente composte in latino probabilmente alla fine del XIII secolo da un domenicano a Roma. Belle iniziali calligrafiche, una scrittura minuta ma molto regolare e una rilegatura contemporanea abbelliscono anche questa epistola. Il manoscritto fu necessariamente copiato dopo la data del 1450 della canonizzazione di San Bernardino da Siena, perché è menzionato nella rubrica che precede la sua "Divota confessione”.

Quindi, cosa abbiamo effettivamente in greco per dimostrare che il Nuovo Testamento era composto e concepito in origine in quella lingua?

Non troviamo alcun testo esistente di qualcosa risalente al primo secolo.

Successivamente, frammenti del secondo secolo sono pochi e lontani tra loro e includono solo Matteo 23: 30-39; Giovanni 18: 31-33, 18: 37-38 18: 36-19: 1; 19: 1-7; Apocalisse 1: 13-20;

Ora entra Marcione nel 144 d.C. Marcione accettò (e pubblicò) i seguenti scritti in questo ordine:

Vangelo secondo Luca

Galati

I Corinzi

II Corinzi

Romani

I Tessalonicesi

II Tessalonicesi

Efesini (che Marcione chiamava Laodiceani)

Colossesi

Philemon

Filippesi

Il Vangelo secondo Luca divenne l'Evangelicon e le 10 lettere paoline, l'Apostolikon. Marcione espressamente respinse i vangeli di Matteo e Giovanni e non riconobbe Rivelazione in alcun modo.

È probabile quindi che il nostro primo traduttore greco sia stato Marcione. Certamente cambiò e modificò il testo per adattarlo alla sua teologia, basandosi sul presupposto che gli scritti del Nuovo Testamento contraddicessero apertamente l'Antico Testamento, e quindi erano incoerenti ed esclusivi l'uno dell’altro.

Tuttavia, nei frammenti noti del greco, ci sono alcune domande. Esiste un solo frammento per la Lettera a Timoteo (1 Timoteo) (1 Timoteo 3: 13-4: 8); non esiste alcun frammento per 2 Timoteo e i frammenti per 2 Giovanni e 3 Giovanni non compaiono nel documento prima del 600 d.C.

Il Peshitta esclude 2 Pietro, 2 Giovanni, 3 Giovanni, Giuda e Apocalisse.

Marcione ha anche escluso 1 Pietro, 2 Pietro, 1 Giovanni, 2 Giovanni, 3 Giovanni, Giacomo, Giuda, Apocalisse, Matteo, Marco, Giovanni, Atti, 1 Timoteo, 2 Timoteo, Tito ed Ebrei.

Solo per un momento, qui, diamo un'occhiata più da vicino al libro dei Galati:

200-225: Galati 1: 1–6: 10 (Università del Michigan)

Tutti gli altri frammenti sono in seguito frammenti del IV e del V secolo.

Marcione mise i Galati al primo posto nel suo canone di epistole che chiamò Apostolikon, e decise che i Galati erano la più importante delle epistole di Pa'al. Ma Marcione ha curato e modificato il testo dei Galati, rimuovendo qualsiasi cosa in disaccordo con la sua comprensione di ciò che Pa'al avrebbe dovuto scrivere. Ad esempio, Galati 3: 16-4:6 fu cancellato a causa del suo riferimento ad Abraham e ai suoi discendenti. Vedi Evans, Ernest, Tertullian Adversus Marcionem, ii. Oxford. 1972.

Mettiamo insieme due piu due. Marcione sembra essere il primo a compilare un "Nuovo Testamento" dopo aver completato il compito entro il 145 d.C. Ha pubblicato, redatto e modificato apertamente qualsiasi testo di Galati che aveva ricevuto per accordarsi con la sua distinzione e teologia. Gli unici frammenti greci che abbiamo oggi dell'Epistola dei Galati sono tutti post-Marcione.

Aggiungi a questa equazione il modus operandi di Marcione per rendere i Galati il centro stesso della sua ideologia - le premesse centrali della teologia di Marcione. Di tutti i testi del Nuovo Testamento, l'accuratezza di questo testo - Galati - è la più sospetta di ognuna delle lettere conservate nel Brit Chadasha.

Tuttavia, dato il testo senza estensione per la lettera di 2 Timoteo, l'unico  frammento per la lettera di 1 Timoteo e il ritardo dell'apparizione di 2 Giovanni e 3 Giovanni, ci si chiede come abbiamo ricevuto queste lettere.

Ma rispondiamo a questa domanda, si? Tutte le scritture - cattiva traduzione o buona - sono  intese da Yahuah, per un periodo come questo. Se tale scrittura non fosse intenzionale, non esisterebbe.

Tuttavia, la testimonianza iniziale dei due testimoni oculari della morte e della risurrezione - Mattithyahu e Yochanon (Matteo e Giovanni) - ha sicuramente dato la loro testimonianza in Ivriyt (Ebraico), la lingua di Yahusha.

L' Ivriyt, tuttavia, non sembra essere stato mantenuto (anche se un giorno potrebbero essere fatte nuove scoperte). Ci sono diversi motivi per cui questo potrebbe essere così:

1- Il racconto Ivriyt non è mai stato scritto. Ciò è possibile se la Besorah fosse trattenuta dalla tradizione orale solo per le generazioni della leadership Yahudiy (Giudaica) del kahilah (l'assemblea chiamata fuori) a Yerushalayim, a cominciare da Ya`aqov (Giacomo) il Giusto.

VESCOVI DI GERUSALEMME

1-Giacomo, (Yahudiy)

2-Simone (Yahudiy)

3-Giusto (Yahudiy)

4-Zaccheo (Yahudiy)

5-Tobia (Yahudiy)

6-Benjamin (Yahudiy)

7-Giovanni (Yahudiy)

8-Matthias (Yahudiy)

9-Filippo (Yahudiy)

10-Seneca (Yahudiy)

11-Giusto (Yahudiy)

12-Levi (Yahudiy)

13-Ephres (Yahudiy)

14-Giuseppe (Yahudiy)

15-Giuda (Yahudiy)

16-Marco (Romano)

 

Tutti i romani da allora in poi

2- C’era un racconto nell' Ebraico vangelo di Mattithyahu e Yochanon, ma tali documenti furono o

1) distrutti dai romani con l'ascesa di Marcus; o

2) nascosti dai romani a Roma.

Vi sono ragioni per ritenere che il racconto potrebbe essere stato distrutto dagli ebrei con l'assedio contro l'assemblea nel 135 d.C. Fino all'assedio degli ebrei, che ebbe luogo sotto Adriano, [996] vi furono quindici vescovi in successione, [997 ] si dice che tutti appartenessero alla discendenza Ebrea e che avessero ricevuto la conoscenza del Mashiach in purezza, in modo che fossero approvati da coloro che erano in grado di giudicare tali questioni e che fossero considerati degni dell'episcopato. Poiché tutta la loro assemblea chiamata-fuori (Qahal) consisteva allora nella fede Ebraica che continuò dai giorni degli apostoli fino all'assedio che ebbe luogo in quel momento; in quell' assedio (la Rivolta di Bar Kochba) gli ebrei, dopo essersi nuovamente ribellati ai romani, furono conquistati dopo gravi battaglie.

3- Potrebbe esserci anche un'altra ragione per cui il racconto è scomparso in Ivriyt (Ebraico), ma è apparso successivamente nell'aramaico - vale a dire, per preservare i manoscritti dagli strumenti di distruzione degli ebrei, che potrebbero essere stati appassionati di distruggere qualsiasi resoconto del Mashiach. Se così fosse, la ricerca sull'aramaico sarebbe indispensabile per comprendere il testo del Brit Chadasha.

Tuttavia, per i nostri scopi, manteniamo comunque l'idea che il Besoroth (Vnagelo) di Mattithyahu e Yochanon siano stati concepiti in Ivriyt (Ebraico), il linguaggio della creazione.

Suscríbete

RSS Suscríbete

Indirizzo E-mail

  • I am the א (Aleph) and the ת (Tav), the beginning and the ending, says Yahuah Elohiym, which is, and which was, and which is to come, Yahuah Tseva’oth.
    CHIZAYON (Revelation) 1:8
    Read More
  • For they shall behold the world which is now invisible to them and they shall behold the time which is now hidden from them: And time shall no longer age them.  
    BARUK SHENIY (2 Baruk) 51: 8-9
    Read More
  • Be ready to the reward of the Kingdom, for the everlasting light shall shine upon you forevermore.
    EZRA REVIY`IY (4 Ezra / 2 Esdras) 2:35
    Read More
  • Behold, I set before you this day a blessing and a curse; את eth-A blessing, if ye obey the command­ments of Yahuah Elohaykem, which I command you this day: And a curse, if ye will not obey the commandments of Yahuah Elohaykem, but turn aside out of the way which I command you this day, to go after other elohiym, which ye have not known. 
    DEVARIYM (Deuteronomy) 11:26-28
    Read More
  • For in six days Yahuah made את eth-the heavens and את eth-the earth, את eth-the sea, and את eth-all that in them is, and rested the seventh day: wherefore Yahuah blessed את eth-the day of Shabbath, and hallowed it.
    SHEMOTH (Exodus) 20:11
    Read More
  • In the beginning Elohiym created את eth the heavens and את eth the earth.
    BERE’SHIYTH (Genesis) 1:1
    Read More
  • How are you fallen from heaven, O Heylel, son of the howling morning! how are you cut down to the ground, which did weaken the nations!
    YESHA`YAHU (Isaiah) 14:12
    Read More
  • Behold, the days come, says Yahuah, that I will cut a Renewed Covenant with the את eth-house of Yashar'el, and with the את eth-house of Yahudah. 
    YIRMEYAHU (Jeremiah) 31:31
    Read More
  • In the beginning was the Word, and the Word was with את eth Elohiym, and Elohiym was the Word.
    BESORAH YOCHANON (Gospel of John) 1:1
    Read More
  • For Yah so loved את eth-the world, that he gave את eth-his את eth-yachiyd, that whosoever believes in him should not perish, but have everlasting life.
    BESORAH YOCHANON (Gospel of John) 3:16
    Read More
  • He that has my commandments, and guards them, he it is that loves me: and he that loves me shall be loved of my Father, and I will love him, and will manifest myself to him. 
    BESORAH YOCHANON (Gospel of John) 14:21
    Read More
  • These are the feasts of Yahuah, even holy assemblies, which ye shall proclaim in their appointed times.
    VAYIQRA (Leviticus) 23:4
    Read More
  • And she shall bring forth a son, and you shall call his name Yahusha: for he shall save his people from their sins.
    BESORAH MATTITHYAHU (Gospel of Matthew) 1:21
    Read More
  • Give us this day our daily את eth-bread. And forgive us our transgressions, as we forgive those who trans­gress against us. 
    BESORAH MATTITHYAHU (Gospel of Matthew) 6:11-12
    Read More
  • Yahuah bless you, and guard you: Yahuah make his face shine upon you, and be gracious unto you: Yahuah lift up his countenance upon you, and give you peace. 
    BEMIDBAR (Numbers) 6:24-26
    Read More
  • That at the name of Yahusha every knee should bow, of things in heaven, and things in earth, and things under the earth; And that every tongue should confess that Yahuah is Yahusha Ha'Mashiach, to the glory of Yah the Father.
    PHILIPPIYM (Philippians) 2:10-11
    Read More
  • YAHUAH is my Shep­herd; I shall not want. He makes me to lie down in green pastures: he leads me beside the still waters. 
    TEHILLIYM (Psalm) 23:1-2
    Read More
  • He that dwells in the secret place of El Elyon shall abide under the shadow of El Shaddai. I will say of Yahuah, He is my refuge and my fortress: my Elohiym; in him will I trust. 
    TEHILLIYM (Psalm) 91:1-2
    Read More
  • Here is wisdom. Let him that has understanding calculate the number of the beast: for it is the number of a man; and his number is χξς .
    CHIZAYON (Revelation) 13:18
    Read More
  • For I am persuaded, that neither death, nor life, nor angels, nor principalities, nor powers, nor things present, nor things to come, Nor height, nor depth, nor any other creature, shall be able to separate us from the love of Yah, which is in Yahusha Ha'Mashiach our Adonai.
    ROMAIYM (Romans) 8:38-39
    Read More
  • Though I speak with the tongues of men and of angels, and have not love, I am become as sounding brass, or a tinkling cymbal.
     QORINTIYM RI’SHON (I Corinthians) 13:13
    Read More
  • Make the attempt, then, O tyrant; and if you put us to death for our faith, think not that you harm us by torturing us. For we through this ill treatment and endurance shall bear off the rewards of virtue. But you, for the wicked and despotic slaughter of us, shall, from the divine vengeance, endure eternal torture by fire.
    MAKKABIYM REVIY`IY (4 Maccabees) 9:7-9
    Read More
  • And at that time shall Miyka’el stand up, the great prince which stands for the children of your people: and there shall be a time of trouble, such as never was since there was a nation even to that same time: and at that time your people shall be delivered, everyone that shall be found written in the cepher.
    DANIY'EL (Daniel) 9-12
    Read More
  • A great destruction therefore shall come upon all the earth; a deluge, a great destruction, shall take place in one year. This child which is born to your son shall survive on the earth, and his three sons shall be saved with him. When all mankind who are on the earth shall die, he shall be safe.
    CHANOK (Enoch) 105: 14-15
    Read More
  • And it shall come to pass afterward, that I will pour out את eth-my Ruach upon all flesh; and your sons and your daughters shall prophesy, your old men shall dream dreams, your young men shall see visions.
    YO’EL (Joel) 2:28
    Read More